Guida ai teatri di Napoli

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Napoli è una città che ha un patrimonio storico, artistico e culturale enorme, conosciuto ed ammirato in tutto il mondo; motivo per cui sono sempre numerosi i turisti provenienti da tutto il mondo ogni anno che accorrono nel capoluogo campano. Per quanto riguarda il teatro, la prima struttura al mondo fu costruita proprio a Napoli, ovvero il Teatro San Carlo, realizzato nell'anno 1737. Ma oltre a questo, ne sono susseguiti tanti altri dove vengono inscenate periodicamente commedia, melodrammi, tragedie e spettacoli musicali. Ecco allora una breve guida ai teatri di Napoli.

24

Teatro Mercadante

In piazza Municipio, venne inaugurato nel 1779, e fu chiamato Teatro del Fondo perché il denaro necessario alla sua costruzione proveniva dalla confisca dei beni dei gesuiti cacciati dal Regno nel 1777. Nomi familiari a questo teatro furono quelli di Vincenzo Bellini, Gioacchino Rossini e Gaetano Donizetti, e nel 1870 con una petizione il teatro fu dedicato al musicista Francesco Saverio Mercadante. Un attore e autore particolarmente legato al Mercadante fu Eduardo Scarpetta, che raccolse sulle sue scene successi e fischi (per “Il figlio di Jorio”).

34

Teatro San Carlo

Il “principe” dei teatri napoletani, teatro d’opera e balletto più antico del mondo a due passi da Piazza Plebiscito, tra il cuore della città e il mare. Sorto nel 1737 a suggellare i progetti di rivitalizzazione della città voluti dal re Borbone Carlo III, fu inaugurato con il dramma per musica “Achille in Sciro” di Piero Metastasio, il 4 novembre, giorno del compleanno del re. Gioacchino Rossini vi rappresentò la sua prima opera, “Elisabetta, regina d’Inghilterra”, nel 1815. Con i fervidi esiti della Scuola Napoletana di Cimarosa il teatro San Carlo affascinò un gran numero di artisti europei e ancora, dopo ricostruzioni, spostamenti e una storia plurisecolare, resta la rappresentazione di una Napoli reale e rigogliosa.

Continua la lettura
44

Teatro Bellini

Dedicato al celebre compositore, è nato come teatro di prosa nel 1864 all’inizio di via Bellini. Dopo solo cinque anni un incendio lo distrusse, e il Bellini che conosciamo ancora oggi è risorto non molto distante dalle sue ceneri, in via Conte di Ruvo, nei pressi di Piazza Dante. Per la sua nuova inaugurazione nel 1878 furono dati “I Puritani” e “I Cavalieri” di Vincenzo Bellini, indicando la sua destinazione nel teatro lirico. Negli anni '60 sembrò scomparire, diventando un cinema, fino al 1988, quando con la rappresentazione dell’”Opera da tre soldi” di Brecht tornò uno dei teatri più importanti della città.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Recitazione

I migliori teatri di Roma

I migliori teatri di Roma non solo rappresentano un fiore all'occhiello per la capitale, ma significano anche una presa di posizione netta nei confronti di una società che è intrappolata in modo sempre più statico nei confronti della cultura. Fortunatamente,...
Recitazione

Guida alle tecniche di trucco teatrale

Il trucco teatrale è abbastanza diverso dal trucco che utilizziamo nella quotidianità in quanto oltre ad utilizzare materiali leggermente differenti, ha anche uno scopo completamente opposto. Mentre il trucco quotidiano serve a nascondere i difetti...
Recitazione

Guida al cinema di Scorsese

Martin Scorsese cresce nel clima di rinnovamento cinematografico degli anni sessanta e diventa, nel decennio successivo, uno degli esponenti di spicco della New Hollywood. La Nouvelle Vague francese, il Neorealismo italiano, il cinema indipendente della...
Recitazione

Guida al cinema di Tarantino

Quentin Tarantino, regista fra i più importanti e discussi del cinema mondiale, non ha mai studiato cinema. Non l'ha mai fatto in senso tradizionale, non ha frequentato scuole. Ha studiato recitazione e ha lavorato nella videoteca del suo paese, integrando...
Recitazione

Guida all'interpretazione di un personaggio

Guida a come si costruisce l'interpretazione di un personaggio. Quali sono le tecniche per catturare l'anima di un personaggio e comunicare le sfaccettature del suo carattere anche attraverso un solo sguardo? Come riescono i grandi divi di Hollywood -...
Recitazione

Guida al teatro pirandelliano

Quando si parla di Luigi Pirandello ci si riferisce non solo alla sua attività di scrittore ma anche al suo impegno nei confronti dell'arte drammatica. In merito al teatro Pirandelliano dunque ci si rifà ad una serie di fasi le quali raggruppano sia...
Recitazione

Guida al teatro di Samuel Beckett

Samuel Beckett, nato a Dublino nel 1906, è considerato uno dei drammaturghi più validi e originali del teatro contemporaneo. La sua famiglia, appartenente al ceto medio irlandese protestante, era rigidamente puritana. Beckett studiò presso un collegio...
Recitazione

Canto: guida ai benefici

L'attività canora è da sempre un'attività divertente e anche professionistica, che aiuta a svagarsi e a coltivare una passione che può diventare una professione. L'attività del canto coinvolge tutti, a tutti i livelli ed età. Possiede molteplici...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.