Guida al cinema di Stanley Kubrick

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Stanley Kubrick è sicuramente uno dei più importanti registi del XX secolo. Tutto ciò grazie soprattutto ad un particolare linguaggio cinematografico, con una capacità fuori dal comune di raccontare tramite le immagini. Nato a New York il 26 luglio 1928, il cineasta americano diventa fotografo fin da giovane per la nota rivista "Look". All'età di 25 anni realizza il suo primo film. Da quel momento in poi, i suoi titoli entreranno di diritto nella storia del cinema internazionale. Con la nostra guida al cinema di Stanley Kubrick, analizzeremo rapidamente anche il suo modo di lavorare e gli attori da lui diretti. Inoltre, sottolineeremo i temi affrontati, le intriganti colonne sonore e le sue tecniche cinematografiche principali.

24

La meticolosità di Kubrick

Partiamo con la guida al cinema di Stanley Kubrick. Nella sua carriera, si rivela un lavoratore instancabile, preciso, meticoloso nella cura di ogni singolo dettaglio della sceneggiatura. Non a caso, fa ripetere la stessa scena tantissime volte. Sua figlia Vivian ha dedicato un documentario alla lavorazione del suo titolo "Shining" (1980), confermando tutte le sue peculiarità. Kubrick ha sempre avuto il desiderio di tenere tutto sotto controllo. Una prerogativa confermata anche durante il kolossal "Spartacus" (1960), con liti frequenti col suo produttore Kirk Douglas. La distinzione dalla corrente di Hollywood e la paura di volare porteranno il regista a stabilirsi in Inghilterra per la maggior parte della sua esistenza.

34

I dualismi dei film da lui diretti

Proseguiamo con la nostra guida al cinema di Stanley Kubrick. Nei suoi lavori principali, si evidenzia un costante dualismo tra forze opposte: tra amore e odio, tra bene e male, tra pace e violenza, tra fedeltà e tradimento. Nella maggior parte dei casi, Kubrick affronta la vita militare. Infatti, narra in termini grotteschi la guerra fredda nel film "Il dottor Stranamore". Un'ironia beffarda mostrata anche nel più recente "Full Metal Jacket" (1987), ambientato nel contesto dell'assurda guerra in Vietnam. Caratteristiche che si intravedono già nella locandina del film. Sull'elmetto posto al fianco del simbolo della pace, appare la scritta "Born to kill". Scopriamo ancora la guida al cinema di Stanley Kubrick.

Continua la lettura
44

L'occhio attento rivolto all'innovazione

In "2001 Odissea nello spazio" (1968), Kubrick ha utilizzato effetti speciali molto avanzati per l'epoca. Con "Barry Lyndon" (1975), il regista ha raccontato l'Irlanda del XVIII secolo ricreando quell'atmosfera. Per questo motivo, puntò sull'utilizzo della luce naturale o delle candele negli interni. Adoperò anche delle ottiche Zeiss ad alta luminosità per la ripresa delle scene. In "Shining" (1980), si servì della steadycam per far muovere la macchina da presa in corsa. In particolare, la utilizzò per seguire il triciclo del piccolo Danny nei corridoi dell'albergo, in scene molto inquietanti. Inoltre, Kubrick ha sempre dato elevata rilevanza al montaggio, che lui non riuscì a curare nel suo ultimo film "Eyes Wide Shut" (1999), rimasto a metà per la sua morte in seguito ad un attacco di cuore. Ecco, dunque, la nostra guida al cinema di Stanley Kubrick.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

La storia del cinema in 10 film

L'arte cinematografica è sicuramente di derivazione moderna ma contemporaneamente è uno dei più grandi fenomeni culturali dell'intera umanità.Si calcola che dalla sua nascita avvenuta nel XIX secolo ad oggi, siano stati prodotti con molta probabilità...
Arti Visive

Il cinema di Hayao Miyazaki

Tra i volti più celebri del panorama cinematografico giapponese, spicca sicuramente Hayao Miyazaki, nato a Tokyo nel 1941. Regista, sceneggiatore e fumettista di fama internazionale, ha ottenuto un successo notevole anche nel nostro Paese quando al cinema...
Arti Visive

La storia del cinema di Walt Disney

In questo tutorial vi racconteremo la storia del cinema di Walt Disney. Grazie alla sua grandissima creatività, loro infatti sono ispirati alla sua fantasia ed al suo genio, nonché alla sua abilità nel campo della imprenditoria e della regia, avendo...
Arti Visive

Guida alle opere più importanti di Salvador Dalì

Salvador Dalì (1904-1989) è un eclettico artista spagnolo, dedito non solo alla pittura ma anche ad altre arti come scultura, fotografia, scrittura, cinema e teatro. La sua produzione è in gran parte riconducibile alla corrente del surrealismo, movimento...
Arti Visive

Guida alle opere di Edward Hopper

Edward Hopper fu un pittore, incisore e illustratore statunitense. Nacque nel 1882 a Nyack, una piccola cittadina situata sull'Hudson River. Morì nel 1967 a New York. Già nell'infanzia dimostrò grandi doti per il disegno. Più avanti, con il suo realismo,...
Arti Visive

Breve guida sull'arte espressionista

L'espressionismo è il movimento che diede origine a quel tumulto di stravolgimenti artistici e culturali - le cosiddette Avanguardie - che caratterizzarono l'Europa all'inizio del '900. Il movimento espressionista nacque in contrapposizione all'arte...
Arti Visive

I migliori 10 film di Fantascienza

Come si suol dire: "Il mondo è bello perché è vario!" ed infatti è proprio così. Ognuno di noi ha gusti differenti per quanto riguarda il cibo, la musica, lo sport ed è così anche per il cinema. C'è chi preferisce i film di azione o i thriller,...
Arti Visive

Guida: tecniche di pittura sul muro

Ristrutturare la propria casa richiede tempo, fatica e denaro. Per tali motivazioni, la maggior parte sceglie di chiedere aiuto ad autentici professionisti del settore. Un comune cittadino può eseguire la maggior parte di questi lavori in piena autonomia,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.