Guida al Museo Catalano di Archeologia a Barcellona

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Barcellona è una città ricca di storia, e una visita alla città catalana non può esimersi dal portare anche al museo cittadino dedicato all'archeologia e ai numerosi rinvenimenti di oggetti antichi, che ancora oggi accadono frequentemente. Una panoramica assai completa per riuscire a leggere al di sotto della città famosa nel mondo per il suo modernismo, anche un luogo assai antico e stratificato. Eccovi, quindi, una guida per il museo catalano di archeologia.

24

Ubicazione

Il Museo Catalano di Archeologia di Barcellona è situato presso il parco del Montjuic, una collina che costituisce un autentico polmone verde nel centro della metropoli. Si può accedere alla sede museale attraverso il Passeig de Santa Madrona, magari approfittando di una rilassante passeggiata nel parco. Il museo è situato in un edificio realizzato nel 1929 in occasione dell'Esposizione Universale: il Palau d'Arts Grafiques. In questa sede possiamo trovare numerosi reperti che spaziano dalla Preistoria al Medioevo. Nelle prime sale, troviamo numerosi reperti risalenti all'Età Neolitica, con numerosi oggetti realizzati per la lavorazione delle pelli o del legname. Dalla sala X alla sala XIII invece, è possibile trovare una interessante collezione di oggetti ritrovati presso le Isole Baleari, tra cui senza dubbio spicca la statuetta tempestata di gioielli nota come "Dama de Ibiza".

34

Reperti d'epoca

Nelle altre sezioni, vengono poi rappresentate le altre popolazioni che hanno lasciato tracce del loro passaggio in Catalunya. Barcellona, nel corso della sua millenaria storia, ha infatti assistito a numerose colonizzazioni a opera prima dei Fenici e poi dei Greci. Nel museo troviamo preziosi reperti dell'epoca, come una pregevolissima statuetta d'uso votivo di origine punica, realizzata nel VI-IV secolo. Per la sezione greca, invece, numerosi e di ottima fattura sono i vasi e i piatti decorati.

Continua la lettura
44

Sezione alto-medievale

Per quanto riguarda la sezione alto-medievale, possiamo ricordare un importante reperto come il cosiddetto "Tesoro de Torredonjimeno", risalente al VI secolo d. C., che prende il nome dalla località dove fu trovato presso la città di Jaen, in Andalusia. Gli oggetti vennero rinvenuti fortuitamente nella campagna iberica nel 1926, e oggi il Tesoro è diviso tra i musei di Barcellona, di Madrid e di Cordoba. La collezione è una serie di reperti che risalgono all'epoca della dominazione visigota della Penisola spagnola, e rappresentano degli esempi di splendida oreficeria antica. Il pezzo più rilevante esposto nel Museo Catalano d'Archeologia di Barcellona, è senza dubbio la Corona Votiva, in argento, che secondo le ipotesi attuali più valide, doveva essere sospesa sopra un altare di una chiesa, un dono probabilmente realizzato da una casata potente dell'epoca.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Mostre e Musei

Come visitare il Museo Dalì a Barcellona

Barcellona è una meta turistica che molti viaggiatori provenienti da ogni angolo del mondo scelgono per le proprie vacanze. Questa splendida metropoli spagnola offre ai suoi visitatori la possibilità di ammirare le opere custodite in più di 55 musei....
Mostre e Musei

Guida al Centro di Cultura Contemporanea di Barcellona

Barcellona è una città cosmopolita e moderna, che sa offrire ai suoi cittadini e ai turisti ogni sorta di svago e di intrattenimento culturale. Il Centro di Cultura Contemporanea di Barcellona è il cuore del rinnovamento della metropoli catalana. Universalmente...
Mostre e Musei

Guida la museo di storia naturale di Milano

Il Museo di Storia Naturale di Milano è situato in Corso Venezia numero 55, a Milano, nei pressi dei Giardini Indro Montanelli. Questo importante museo è tra i più ricchi d'Italia e rilevanti d'Europa. Le sue numerose sale custodiscono delle affascinanti...
Mostre e Musei

Guida al Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino

L'Italia è sicuramente il paese con il più vasto contenuto culturale da poter offrire. Tutto ciò viene espresso attraverso siti antichi, quadri, libri antichi statue, arazzi, e mosaici. Questo grande patrimonio viene solitamente conservato nei Musei....
Mostre e Musei

Guida al Museo del Sannio di Benevento

Le collezioni del Museo del Sanniosono sono annesse alla splendida Chiesa omonima e al chiostro fondati dal duca longobardo Arechi II intorno al 760 d. C. La sezione storica è oggi situata presso la Rocca dei Rettori, mentre le altre sono presso il...
Mostre e Musei

Guida al museo oceanografico di Monaco

Il Museo Oceanografico di Monaco si erge a picco sul mare alla base della Rocca del Principato di Monaco, nella zona storica di Montecarlo, vicino al Palazzo Reale. Il museo, è ubicato in uno splendido palazzo di cinque piani (di cui uno è adibito a...
Mostre e Musei

Guida al Museo Di Belle Arti

Budapest è una città ricca di storia ed è molto affascinante. Parecchi sono i motivi di questa sua caratteristica positiva. Tra i tanti ci sono i luoghi da visitare, questi sono imperdibili, poiché hanno un trascorso storico, che va assolutamente...
Mostre e Musei

Guida al Museo del Cinema di Torino

Torino è una città davvero splendida che ci offre diversi scenari a livello storico, artistico e culturale. Passeggiando lungo le vie di una delle prime capitali d'Italia, ci ritroviamo immediatamente proiettati nel passato. Gli edifici tipicamente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.