Guida al Museo del Sannio di Benevento

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Le collezioni del Museo del Sanniosono sono annesse alla splendida Chiesa omonima e al chiostro fondati dal duca longobardo Arechi II intorno al 760 d. C. La sezione storica è oggi situata presso la Rocca dei Rettori, mentre le altre sono presso il complesso monumentale di Santa Sofia dal 1929, quando i locali furono acquistati dall'amministrazione provinciale come sede per il Museo, Archivio storico e Biblioteca. Ecco una Guida al Museo del Sannio di Benevento.

24

Le quattro sezioni

Il Museo raccoglie quattro sezioni: Archeologia, Medioevo, Arte e infine Storia. All'interno vi sono anche laboratori adibiti al restauro e alla conservazione delle opere. Il primo nucleo originario del Museo nacque intorno al 1806 grazie a Talleyrand, principe di Benevento, mettendo in esposizione le raccolte private. Dopo il secondo conflitto mondiale le collezioni si ingrandirono notevolmente e nel 1964 Mario Rotili allestì il Museo secondo i criteri della museologia moderna. Dopo la Restaurazione i locali del Museo furono riacquisiti dai Gesuiti e nel 1873 si inaugurò il Museo del Sannio, destinato a raccogliere anche le opere della Compagnia di Gesù e altro materiale proveniente dai territori circostanti.

34

Le raccolte medievali

Le raccolte medievali sono per lo più di epoca longobarda, con manufatti e oggetti di arti applicate, che vanno dalle monete ai gioielli in oro, argento e osso. Sono presenti anche frammenti scultorei di epoca romanica, rappresentati da splendidi capitelli e pulvini. Preziosa è poi la pinacoteca al piano superiore con raccolte di epoca rinascimentale, barocca, ottocentesca e novecentesca. Le sale più importanti sono quelle dedicate a Luca Giordano, Carlo Maratta, Francesco Solimena e ai pittori della Scuola di Posillipo, nonchè ad artisti più contemporanei come Guttuso, Maccari, Messina, Greco. La sezione storica, visibile presso la Rocca dei Rettori, infine riguarda pergamene e documenti ufficiali sulla città di Benevento. L'ultimo piano del museo custodisce oggetti di devozione popolare e magnifici presepi del settecento.

Continua la lettura
44

Le raccolte archeologiche

Le raccolte archeologiche sono al piano terra, all'interno del chiostro dove è presente anche il lapidarium, posto nel giardino dinnanzi al Museo. Il Gabinetto dei disegni e delle stampe presenta preziose raccolte dei secoli XVI-XIX, tra cui una copia della Leda di Leonardo da Vinci di un pittore romano. I reperti si datano all'epoca Paleolitica sino ad arrivare ad opere della Magna Grecia dell'VIII-IV secolo a. C. Altra ala interessante è quella egizia con reperti provenienti dal tempio fatto erigere da Domiziano per la dea Iside.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Mostre e Musei

Guida al museo oceanografico di Monaco

Il Museo Oceanografico di Monaco si erge a picco sul mare alla base della Rocca del Principato di Monaco, nella zona storica di Montecarlo, vicino al Palazzo Reale. Il museo, è ubicato in uno splendido palazzo di cinque piani (di cui uno è adibito a...
Mostre e Musei

Guida al Museo Di Belle Arti

Budapest è una città ricca di storia ed è molto affascinante. Parecchi sono i motivi di questa sua caratteristica positiva. Tra i tanti ci sono i luoghi da visitare, questi sono imperdibili, poiché hanno un trascorso storico, che va assolutamente...
Mostre e Musei

Guida al Museo del Mare a Barcellona

Nella lista delle mete più visitate in Europa troviamo sicuramente Barcellona. L'attrattiva più visitata di questa città è la Sagrada Família, ma ce ne sono tante altre degne di nota, come il Museo Marítin de Barcellona (italianizzato in Museo Del...
Mostre e Musei

Guida al Museo del Cinema di Torino

Torino è una città davvero splendida che ci offre diversi scenari a livello storico, artistico e culturale. Passeggiando lungo le vie di una delle prime capitali d'Italia, ci ritroviamo immediatamente proiettati nel passato. Gli edifici tipicamente...
Mostre e Musei

Guida la museo di storia naturale di Milano

Il Museo di Storia Naturale di Milano è situato in Corso Venezia numero 55, a Milano, nei pressi dei Giardini Indro Montanelli. Questo importante museo è tra i più ricchi d'Italia e rilevanti d'Europa. Le sue numerose sale custodiscono delle affascinanti...
Mostre e Musei

Guida al Museo Egizio di Torino

Il Museo Egizio di Torino è uno dei poli museali più noti ed apprezzati in Italia. Situato nel cuore del capoluogo piemontese, ad oggi è secondo solo al Museo del Cairo per valore e quantità di reperti ospitati. In questa breve guida al Museo Egizio...
Mostre e Musei

Guida al Museo Guggenheim di Venezia

La Peggy Guggenheim Collection di Venezia è un museo situato nel Canal Grande, con sede a Palazzo Venier dei Leoni e facente parte della Salomon R. Guggenheim Foundation. Una visita al museo è non può di certo mancare a tutti gli appassionati di arte:...
Mostre e Musei

Guida al Museo Sissi

Il Palazzo Imperiale di Hofburg vanta diverse e prestigiose collezioni e ospita il Museo Sissi. La leggenda di questa duchessa bavarese è radicata nell'inconscio collettivo. Sissi sposò l'imperatore Franz Joseph e divenne l'imperatrice d'Austria tra...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.