Guida al Museo Egizio di Torino

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il Museo Egizio di Torino è uno dei poli museali più noti ed apprezzati in Italia. Situato nel cuore del capoluogo piemontese, ad oggi è secondo solo al Museo del Cairo per valore e quantità di reperti ospitati. In questa breve guida al Museo Egizio di Torino conosceremo la sua storia, i più importanti oggetti esposti e tante piccole curiosità.

24

Il Museo Egizio di Torino attualmente è il più antico al mondo del suo genere e si trova nel Palazzo dell'Accademia delle Scienze. Interamente dedicato all'arte egizia, al suo interno sono ospitati diversi esemplari di mummie, papiri, monili e tutto quel che riguarda gli antichi Egizi. Sappiamo che il museo è stato fondato nel 1824 con la denominazione ufficiale di Regio Museo delle Antichità Egizie. In questo stesso anno viene acquistata da Carlo Felice di Savoia un'importante collezione di opere egizie radunata dal console Bernardino Drovetti. Fino alla fine dell'Ottocento si alternano diversi studiosi alla direzione del Museo ma nel 1894 è la volta di Ernesto Schiapparelli, il quale segue personalmente diverse missioni di scavo in Egitto. La collezione cresce di anno in anno e negli anni Trenta del Novecento raccoglie oltre 30.000 reperti. L'ultima grande acquisizione riguarda il Tempietto di Ellesija che fu offerto all'Italia nel 1970 dall'Egitto.

34

Oggi il Museo Egizio di Torino accoglie oltre 37 000 pezzi pregiati che abbracciano un arco di tempo che va dal paleolitico all'età copta. Tra i reperti più importanti possiamo ricordare la tomba di Kha e Merit che fu scoperta nel 1906 da Schiapparelli vicino il sito di Deir el-Medina. Oltre al sarcofago della collezione fanno parte anche vasi canopi, sedie, papiri, mummie e diversi utensili. Altro manufatto molto famoso è il celebre Papiro dei Re, anche noto come Papiro di Torino. Acquistato a Tebe da Drovetti nel 1832, è un antico documento risalente alla XIX dinastia nel quale sono elencati i sovrani vissuti tra Alto e Basso Egitto. Altri oggetti di immenso valore storico contenuti nel Museo Egizio di Torino sono anche la Mensa Isiaca, i rilievi di Djoser, la Tomba di Maia, il Papiro delle Miniere d'Oro e le statue di Iside, Seti II, Ptah Ramesse II e Sekhmet.

Continua la lettura
44

Oltra alla mostra dei reperti, il Museo Egizio di Torino si occupa anche del restauro e della conservazione di tutto ciò che appartiene alla propria collezione. Negli ultimi anni sono stati restaurati migliaia di oggetti, come la famosa Tomba di Kha e Merit ma si è intervenuti anche per condurre opere di consolidamento e stabilizzazione dei materiali. Infine il museo torinese accoglie la Biblioteca Silvio Curto che svolge opera di supporto per le attività di ricerca condotte dagli egittologi museali. Aperta a tutti, la biblioteca permette di consultare i suoi tomi sul posto e non concede prestiti esterni ma è possibile richiedere riproduzioni dei documenti in formato digitale o cartaceo. Naturalmente la biblioteca è specializzata soprattutto in egittologia ed ha davvero pochi rivali al mondo in questo settore.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Mostre e Musei

Come e perché visitare il museo egizio di Torino

I Musei sono un ottimo luogo dove passare un fine settimana, alla scoperta e ricerca di nuove cose da sapere, esperienze da fare, dove aumentare la propria cultura. Ogni città che si rispetti possiede almeno uno o due museo piuttosto prestigiosi, all'interno...
Mostre e Musei

Guida al Museo Egizio

Il Museo Egizio di Torino è il secondo al mondo per importanza e ricchezza di reperti custoditi, subito dopo quello de Il Cairo, e davanti al British Museum di Londra. Il Museo Egizio si trova all'interno di un elegante palazzo ubicato al centro...
Mostre e Musei

Guida al Museo del Cinema di Torino

Torino è una città davvero splendida che ci offre diversi scenari a livello storico, artistico e culturale. Passeggiando lungo le vie di una delle prime capitali d'Italia, ci ritroviamo immediatamente proiettati nel passato. Gli edifici tipicamente...
Mostre e Musei

Guida al Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino

L'Italia è sicuramente il paese con il più vasto contenuto culturale da poter offrire. Tutto ciò viene espresso attraverso siti antichi, quadri, libri antichi statue, arazzi, e mosaici. Questo grande patrimonio viene solitamente conservato nei Musei....
Mostre e Musei

I 9 luoghi da non perdere a Torino

Per tutti gli appassionati di viaggi in città italiane storiche, oggi daremo qualche utile indicazione sulla città di Torino! Definita da Le Corbusier come "la città con la più bella posizione naturale del mondo", Torino è una città dalla bimillenaria...
Mostre e Musei

Torino: cosa visitare

Torino è una delle città più belle della nostra penisola. Chi non ci è mai stao, deve assolutamente visitarla. Chi invece ha già visitato questa splendida città, non vedrà l'ora di visitare nuovamente Torino. Città ricca di cultura, anche underground,...
Mostre e Musei

I musei più importanti in provincia di Torino

L'Italia è uno dei paesi più visitati al mondo, terra di grandi artisti e conquistatori che vanta il maggior numero di siti protetti dall'UNESCO, ad oggi ben 53. Naturalmente non sono solo le bellezze del nostro territorio ad affascinare turisti provenienti...
Mostre e Musei

Guida alla Reggia di Venaria di Torino

In questa guida si parlerà della Reggia di Venaria di Torino. L'edificio venne costruito su ordine del Duca Carlo Emanuele II tra il 1658 e 1679, su un progetto di Amedeo di Castellamonte. Il complesso, che comprende anche un grande parco e un borgo,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.