Guida al Palazzo Abatellis di Palermo

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Palazzo Abatellis è uno splendido esempio di architettura gotico-catalana, costruito a Palermo nel 1495 dall’architetto Matteo Carnelivari, su richiesta di Francesco Abatellis, detto Patella (l’edificio viene infatti anche denominato come Palazzo Patella). In seguito alla morte del suo proprietario, fu riadattato a monastero per ospitare una comunità religiosa femminile per circa quattro secoli. In seguito ai danni subiti nel corso del secondo conflitto mondiale venne nuovamente restaurato per divenire galleria d’arte a partire dal 1954. Attualmente è la sede espositiva della Galleria Regionale della Sicilia. Proponiamo quindi una breve guida al Palazzo Abatellis.

25

Pino terra

Il piano terra del palazzo è prevalentemente dedicato alle sculture, che trovano una sistemazione piuttosto inconsueta: sono infatti allestite con supporti in legno ed in metallo e dotate di fondi colorati di diverso tipo volti a creare una sorta di contrasto per far risaltare le opere in misura maggiore. Tra le opere più significative ricordiamo la Madonna della Neve e la Madonna con il bambino di Antonello Gagini e la Madonna del Latte di Domenico Gagini. Alcune sculture si trovano però anche al primo piano, nella Sala dell’Annunziata, nella Sala Quadreria e nella Sala del Trecento.

35

Primo piano

Al primo piano si trova invece la grande pinacoteca, contenente opere datate dal Trecento al tardo Seicento. L’opera più significativa però si trova al piano terra, il grande affresco “Trionfo della morte”, situato in una posizione privilegiata rispetto agli altri dipinti. Si trova infatti in quella che anticamente era la cappella del convento, in questo modo l’affresco viene illuminato direttamente dall’alto così da garantire una visuale ottimale. Altre opere che vanno menzionate sono ricordare la Madonna del Latte di Giovanni Di Nicola, l'Angelo annunziante del Maestro del Polittico di Castelbuono, la Madonna in Trono con il bambino di Adriaen Isenbrant o Jsenbrandt, la Natività della Vergine di Corrado Giaquinto e Venere e Adone di Francesco Albani.

Continua la lettura
45

Secondo piano

Al secondo piano trova sede anche il Gabinetto disegni e stampe, che contiene opere provenienti in gran parte dal vecchio Museo Nazionale di Palermo. Si tratta di una collezione di oltre quattromila disegni figurativi, decorativi e progetti di architettura che esauriscono varie tipologie di studi. Questa sezione del palazzo ospita molto spesso esposizioni temporanee di grande interesse ed è aperta al pubblico solo su richiesta. Per prendere appuntamento è necessario contattare direttamente la galleria.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per avere maggiori informazioni sul Palazzo Abatellis puoi chiamare il numero di telefono 091.6230011
  • Per contattare la segreteria di Palazzo Abatellis puoi chiamare il numero di telefono 091.6230006
  • Per metterti in contatto con l'Ufficio Relazioni con il Pubblico puoi chiamare la referente Giovanna Cassata al numero 091-6230033 oppure contattarla via mail all'indirizzo di posta elettronica urp.gall.abatellis@regione.sicilia.it

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Mostre e Musei

Guida al Palazzo Mirto di Palermo

Palazzo Mirto è un palazzo nobiliare situato a Palermo tra via Merlo e via Lungarini, una zona questa che è ricca di edifici nobiliari l. Palazzo Mirto è stato una delle dimore della famosa famiglia Filangeri a partire dall'inizio del XVII secolo,...
Arti Visive

Correggio: vita e opere

Correggio è il nome d'arte di un pittore italiano: Antonio Allegri, nato e morto proprio nella città di Correggio, in provincia di Reggio Emilia. È considerato uno dei maggiori esponenti della pittura del Cinquecento. Il suo stile è nato da uno studio...
Arti Visive

Guida alle opere di Guttuso

Il pittore e politico italiano Renato Guttuso è nato a Bagheria (Sicilia) nel 1911 ed è stato tra i più importanti dopo la Seconda Guerra Mondiale: fin da quando era piccolo, egli manifestò una certa predisposizione verso la pittura e questo amore...
Mostre e Musei

Guida al Museo di Palazzo Medici Riccardi a Firenze

Se vi ritenete degli appassionati di musei o di arte in generale, ed avete deciso di visitare il Palazzo Medici Riccardi nella città di Firenze, questa è la guida che fa al caso vostro. Grazie a questo semplice ed interessante articolo di guida potrete...
Mostre e Musei

Guida alla Galleria Nazionale dell'Umbria

La Galleria Nazionale dell'Umbria è uno dei più importanti musei dell'Italia centrale: fu fondata nel 1863 e oggi è situata al terzo piano del Palazzo Comunale o dei Priori di Perugia, edificio gotico tra i più superbi e possenti palazzi pubblici...
Mostre e Musei

I musei più belli d'Italia

Nonostante tutte le sue contraddizioni e i suoi difetti, non esiste un paese al mondo più bello dell'Italia. E questo non sono solo gli Italiani a pensarlo, ma tutto il mondo a riconoscerlo: il patrimonio artistico-culturale dell'Italia è unico nell'intero...
Arti Visive

Vita e opere principali di Raffaello

Solitamente, quando si pensa a Raffaello Sanzio (uno dei pittori maggiormente promettenti del Cinquecento italiano), vengono in mente anche Leonardo da Vinci e Michelangelo Buonarroti, perché egli è un loro contemporaneo. La propria reputazione ed importanza...
Arti Visive

Maestro del San Francesco Bardi: biografia e dipinti

Il Maestro del San Francesco Bardi si identifica nella persona Coppo di Marcovaldo, ovvero un pittore nato a Firenze nell'anno 1225 e deceduto a Siena nel 1276, che venne ritenuto come il più autorevole artista presente nel meraviglio Capoluogo della...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.