Guida al Palazzo Mirto di Palermo

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Palazzo Mirto è un palazzo nobiliare situato a Palermo tra via Merlo e via Lungarini, una zona questa che è ricca di edifici nobiliari l. Palazzo Mirto è stato una delle dimore della famosa famiglia Filangeri a partire dall'inizio del XVII secolo, dal momento cioè del matrimonio tra Don Pietro Filangeri e Francesca De Spuches. Visitare Palazzo Mirto significa fare un vero e proprio tuffo nel passato alla scoperta della nobiltà, della storia, degli stili di vita di un tempo. Nella seguente guida vi daremo maggiori informazioni in merito al bellissimo Palazzo Mirto

24

Pianoterra

Il pianoterra di Palazzo Mirto era destinato alla servitù e a tutte le stanze di servizio, una zona della casa quindi in cui difficilmente i membri della famiglia Filangeri mettevano piede. Qui troviamo la cucina principale della casa dove possiamo ancora oggi osservare l'antico pozzo, gli originali ripiani in marmo, il forno per la preparazione del pane in casa e i fornelli che a quei tempi funzionavano a legna oppure a carbone.

34

Primo piano

La sala d'ingresso al primo piano della casa ci accoglie in un ambiente elegante e ricco di opere d'arte. Qui troviamo mezzibusti, i ritratti degli antenati e pregevoli pitture tra cui dobbiamo ricordare anche la pittura sul soffitto che risale al XVII secolo e che raffigura Diana e la ninfa Callisto. La visita al Palazzo Mirto passa poi attraverso altri salotti tra cui dobbiamo ricordare il Salotto Cinese che testimonia l'amore degli europei per le atmosfere orientali, il Salotto Giallo che ospita mobili di grande pregio e il dipinto Cupido che fabbrica l'arco del Parmigianino, il fumoir con le pareti in cuoio e gli arabeschi, il Salottino delle Dame e il Salotto Pompadour.

Continua la lettura
44

Stanze ulteriori

Nella Saletta dei Reperti sono esposti ben 91 reperti archeologici di varia tipologia. Tra i reperti di maggiore pregio dobbiamo assolutamente ricordare l'anfora con la rappresentazione della strage dei Niobidi risalente al XVI secolo. Il percorso di visita tocca a questo punto il bagno della casa, una stanza davvero molto importante dal punto di vista storico nella quale possiamo ammirare la vasca da bagno classicheggiante realizzata in marmo. Nel Salotto della Battaglia troviamo il famoso dipinto La battaglia di Cialdiran, l'unico documento storico che attesti la battaglia avvenuta in Cialdiran tra gli ottomani e i persiani nel 1514. In questa sala troviamo anche il dipinto Flagellazione di Cristo oltre a porcellane, bronzi, orologi realizzati a mano, imponenti lampadari e mobili di grande pregio. Dobbiamo infine ricordare anche la Sala da Pranzo dove è possibile farsi un'idea del modo in cui un tempo venivano condotti pranzi e cene, uno stile di vita sicuramente molto diverso rispetto a quello a cui noi oggi siamo abituati.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Mostre e Musei

Guida al museo Sant'Anna di Palermo

Tra le innumerevoli bellezze artistiche e naturali che si possono ammirare visitando la città di Palermo, il museo Sant'Anna occupa una posizioni di notevole prestigio. Situato nel centro storico della città, il museo offre ben 214 opere che rappresentano...
Mostre e Musei

Guida al Palazzo Abatellis di Palermo

Palazzo Abatellis è uno splendido esempio di architettura gotico-catalana, costruito a Palermo nel 1495 dall’architetto Matteo Carnelivari, su richiesta di Francesco Abatellis, detto Patella (l’edificio viene infatti anche denominato come Palazzo...
Arti Visive

Danae: l'analisi del dipinto di Tiziano

Personalità stravagante e suggestiva, Tiziano Vecellio ha vissuto in un tempo lacerato da sismi profondi, illuminato dal tramonto apparente dei soli metafisici preesistenti. Dallo stile del pittore si sono andate a delineare molte personalità artistiche,...
Mostre e Musei

Guida al Duomo di Monreale

Narra la leggenda che la Madonna sia apparsa in sogno a un re, svelandogli dove si trovava il tesoro nascosto da suo padre e chiedendogli in cambio una chiesa a lei dedicata. Un così meraviglioso gioiello architettonico come è il Duomo di Monreale,...
Mostre e Musei

I musei più belli d'Italia

Nonostante tutte le sue contraddizioni e i suoi difetti, non esiste un paese al mondo più bello dell'Italia. E questo non sono solo gli Italiani a pensarlo, ma tutto il mondo a riconoscerlo: il patrimonio artistico-culturale dell'Italia è unico nell'intero...
Arti Visive

I 10 quadri più famosi della National Gallery di Londra

La National Gallery è un museo situato a Londra dal 1824. Oggigiorno esso è meta di numerosi turisti che si recano appositamente per visitare le famosissime opere che vi risiedono all'interno. In questa guida pertanto verranno presentati i dieci quadri...
Recitazione

5 buone ragioni per cominciare a fare teatro

Sulla facciata di un prestigioso teatro siciliano esiste un'incisione che recita una bella massima. Si compone di due parti. Ecco la prima: "L'arte rinnova i popoli e ne rivela la vita." Poi continua con la seconda. "Vano delle scene il diletto ove non...
Letteratura

Analisi del saggio "L'umorismo" di Pirandello

Durante i vari anni scolastici, sui banchi di scuola vengono studiati alcuni tra i più grandi scrittori italiani del Novecento. Uno dei più importanti e forse il più apprezzato dalla maggior parte degli studenti è sicuramente Luigi Pirandello, poeta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.