Guida all'architettura romanica

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Nel corso dei secoli, l’architettura ha avuto una grande crescita ed ha attraversato varie e differenti fasi di sviluppo. Una fase molto importante è stata senza dubbio quella relativa all’architettura romanica. Lo stile romanico viene purtroppo spesso confuso con gli stili “gotico” o “paleocristiano”, ma nella realtà possiede delle caratteristiche assolutamente proprie ed inconfondibili. Questa architettura si è diffusa in tutta Europa tra il XI e XII secolo con varianti leggermente diverse da nazione a nazione. In questa guida saranno date le informazioni essenziali e saranno citati i più importanti esempi, fortunatamente non andati distrutti, relativi all’architettura romanica.

25

Gli idiomi neolatini

L’architettura romanica prese avvio in un contesto storico molto difficile per l’Europa, a seguito del completo crollo dell’Impero Romano e durante la nascita dei primi Comuni. Il suo nome deriva dalle lingue “romanze”, ovvero gli idiomi neolatini. Questo tipo di architettura trovò un terreno favorevole al suo sviluppo a causa di una necessità difensiva dei nuovi Comuni, ed alla loro contemporanea volontà di riaffermare antichi principi di solidità. Tra i paesi in cui fu costruito maggiormente secondo i canoni romanici vanno sicuramente considerati gli attuali stati italiano, francese e tedesco. Le opere, comunque, sono distribuite e diffuse in tutta Europa.

35

Una forte muratura

Gli edifici che si rifanno all’architettura romanica sono caratterizzati da una forte e possente muratura con poche aperture, richiamando così una idea di spazio fortemente “romana”, cioè senza forti slanci verticali, che invece caratterizzeranno lo stile gotico. Dall'architettura romana vengono poi ripresi i classici elementi compositivi, come ad esempio il pilastro, l’arco e la volta. Gli edifici di maggiore qualità spaziale e di maggior pregio artistico sono quelli a destinazione religiosa come le chiese, i conventi, i monasteri e le abbazie. Tra i materiali più utilizzati per le costruzioni si possono trovare i mattoni in laterizio e la pietra viva. Non di rado sono stati anche utilizzati materiali “di spoglio” dell'antica Roma, come le colonne ed elementi decorativi. Come esempio di questa abitudine, può essere citato il “Campanile della Pietra Santa presso Napoli”.

Continua la lettura
45

La Basilica di Sant'Ambrogio

In Italia, tra le costruzioni più importanti in stile romanico, va sicuramente citata la “Basilica di Sant'Ambrogio” a Milano. In questo edificio possono essere viste e ritrovate molte caratteristiche sopracitate e numerose qualità spaziali tipiche del romanico. Alcuni di questi elementi sono la facciata a grandi arcate, il portico con pilastri e volte, le arcatelle cieche e la scarsa attenzione alla simmetria. Tra le altre costruzioni che in parte evocano caratteristiche romaniche possiamo poi elencare il “Duomo di Pisa”, la “Basilica di San Nicola di Bari”, il “Duomo di San Pietro” a Sessa Aurunca e “San Miniato in Monte” a Firenze. In Europa invece gli esempi migliori di questa architettura sono “l'Abbazia di Cluny” in Francia, “San Michele ad Hildesheim” in Germania, la “Cattedrale di Winchester" in Inghilterra ed infine il “Monastero di San Pere de Galligants” in Spagna.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Arte Romanica e Gotica

L'Italia è un paese ricco di storia, arte e cultura. Dopo l'anno mille vi fu un fortissimo fermento culturale. L'arte che all'epoca rappresentava la massima espressione del concetto di "cultura", fu ovviamente coinvolta. Negli anni successivi al 1000...
Arti Visive

Guida all'architettura razionale

Siamo ben pronti e lieti, d'affrontare, in questo articolo, un argomento alquanto interessante ed anche molto amato dai nostri lettori. Stiamo parlando dell'architettura ed in particolare modo cercheremo di offrire, una guida, pratica e del tutto efficace,...
Arti Visive

Breve guida sull'architettura gotica

L'arte e l'architettura di stile gotico si sono diffusi nel continente europeo all'incirca a partire dalla metà del 1100. In tale periodo storico le popolazioni europee hanno avuto notevoli mutamenti sociali ed economici, con la decadenza della nobiltà...
Arti Visive

L'architettura nell'età imperiale

Quando si parla dell'architettura dell' età imperiale, torniamo indietro nel tempo e precisamente nel 29 a. C. Quando vi fu l’ ascesa al potere di Augusto che promosse una versione monumentale di Roma, la Genus Iulia, accanto ad una idealizzata immagine...
Arti Visive

L'architettura nel Rinascimento

L'architettura nuova del '400, rispetto al periodo del Gotico, possedeva delle regole nuove. Infatti, nella meravigliosa Firenze, cominciò un processo di revisione, grazie anche all'ausilio dell'ingegnere italiano Filippo Brunelleschi, che diede un aspetto...
Arti Visive

Architettura: i principali esponenti del 700

Il Settecento fu un secolo caratterizzato da una grande alternanza di stili architettonici. Nei primi anni, infatti, era ancora in voga il Barocco, lo stile che aveva dominato il secolo precedente, che poi si evolse nel Rococò. Dalla seconda metà del...
Arti Visive

L'Architettura egiziana

L'Egitto ha visto sorgere una delle civiltà più antiche e geniali. L'affascinante attività creativa degli egizi, non solo dal punto di vista della tecnica e dell'innovazione, ma anche e sopratutto dal punto di vista artistico, ha lasciato un segno...
Arti Visive

Architettura: i principali esponenti del razionalismo italiano

La corrente architettonica del razionalismo si sviluppò in Italia tra gli anni venti e gli anni trenta del ventesimo secolo. Tale movimento nacque dall'idea di un gruppo di architetti: Luigi Figini, Gino Pollini, Ubaldo Castagnoli, Guido Frette, Carlo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.