Guida alla Gioconda di Leonardo da Vinci

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

L'illustre personaggio Leonardo da Vinci nasce ad Anchiano, una frazione di Firenze, il 15 aprile 1452. Figlio di una relazione illegittima, Leonardo da Vinci si è distinto in molte categorie come: ingegneria, pittura, scienza e scultura. Esso è uno dei massimi esponenti del suo secolo e rimane tutt'ora un maestro dell'avanguardia, infatti molte innovazioni contemporanee si sono ispirate direttamente a creazioni di Leonardo da Vinci, come per esempio il carro armato. Oltre però a dedicarsi all'ingegneria, Leonardo si è distinto con notevole successo nella pittura, oltre alla gioconda è doveroso citare "L'ultima Cena" e la "Dama con L'ermellino".
Ecco una guida alla Gioconda di Leonardo da Vinci, che è situata nel Louvre di Parigi.

25

Dimensioni del quadro

Il quadro è molto piccolo, solo 77 cm di altezza e 53 di lunghezza. Tante sono le foto fatte dai turisti quindi, per evitare che si rovini, è conservata sotto una spessa teca di vetro e attorniata da un lungo cordone. Nonostante la stanza sia enorme è molto difficile avvicinarsi al quadro poiché pieno di turisti.

35

Parodie e fascino dell'opera

La Monna Lisa è anche il quadro più parodiato dagli artisti, sopratutto da quelli moderni e contemporanei, che non capiscono forse il successo del quadro rinascimentale. Forse il furto rocambolesco che il quadro subì, o forse la figura grandissima del suo pittore, il genio indiscusso del Rinascimento, o forse il fatto che un'opera italiana sia in Francia per diversi motivi, in realtà creano un alone di bellezza, fascino, attorno all'opera. O forse semplicemente perché il quadro è amatissimo.

Continua la lettura
45

L'arrivo in Francia

Contrariamente a quanto tutti pensano, la Gioconda arrivò in Francia molto tempo prima dell'arrivo di Napoleone, il quale ne approfittò per non farla tornare mai più in Italia. Ci sono diverse ipotesi che sono state avvallate a sostegno dell'arrivo del quadro in Francia nel 1500. Leonardo da Vinci l'ha portato probabilmente con sé perché l'avrebbe acquistato Francesco I, allora sovrano di Francia. Oppure perché un allievo di Leonardo da Vinci stesso l'avrebbe ereditato. Ma il secolo dopo, cioè nel 1600, fu spostato da Luigi XIV alla reggia di Versailles. Napoleone se ne innamorò e lasciò il quadro nella propria camera da letto.

55

Il soggetto

La Monna Lisa, ovvero Signora Lisa, sarebbe Lisa Gherardini, moglie di Francesco del Giocondo, ma lunghi sono stati i dibattiti a tale proposito. Probabilmente, non potrebbe trattarsi proprio di lei, ma di un'altra donna. L'opera è un olio su tavola di pioppo, ed è datata 1503 - 1514 (Leonardo era dunque già adulto). È famosa soprattutto per via del sorriso appena accennato che appare sul volto della donna raffigurata, sorriso considerato dai critici d'arte e da chi guarda l'opera enigmatico, misterioso. Anche gli occhi della Gioconda sono enigmatici.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Leonardo da Vinci: le opere più importanti

Leonardo da Vinci (1452-1519) è stato uno delle figure più importanti del Rinascimento italiano ed è considerato uno dei più grandi geni dell'umanità. Leonardo si occupò infatti di scultura, architettura, anatomia, e fu pittore, musicista e inventore....
Arti Visive

Ultima cena: guida del Cenacolo

La figura simbolo della genialità made in Italy è senza dubbio Leonardo da Vinci. Inquadrarlo in un'unica categoria è riduttivo. Infatti, durante la sua straordinaria vita Leonardo, si interessò di molteplici argomenti: noti sono i quadri, le invenzioni...
Arti Visive

I 10 quadri più misteriosi al mondo

Da sempre le opere d'arte vengono analizzate e studiate da professionisti, in quanto esse sono ricche di fascini e misteri. Dietro a un'opera si nascondono infatti, storie, racconti e veri e propri intrighi, e ancora oggi su alcune di esse non si è riuscito...
Arti Visive

Breve guida alla pittura rinascimentale

Con la chiusura dell'oscuro periodo del Medioevo, si entra nell'età culturale del Rinascimento. Negli anni che vanno dal 400 al 1500 l'Europa vede una grande rinascita in ogni campo culturale, dalla letteratura alla musica all'arte in particolare. In...
Arti Visive

Il paesaggio nella storia dell'arte

Il paesaggio nella storia dell'arte ha avuto continui sviluppi nel corso della storia. Esso ha esercitato un grande fascino sugli artisti da sempre. Bisogna però dire che nei suoi primi sviluppi esercitava ben poca influenza, essendo considerato un elemento...
Arti Visive

5 idee per uno shooting fotografico

Le idee per uno shooting fotografico possono diventare sempre più ripetitive con il passare del tempo e la fantasia può andare in letargo. Per risvegliarla ecco qui 5 originali e frizzanti idee per il vostro shooting fotografico. Che sia in esterno...
Arti Visive

Vita e opere principali di Raffaello

Solitamente, quando si pensa a Raffaello Sanzio (uno dei pittori maggiormente promettenti del Cinquecento italiano), vengono in mente anche Leonardo da Vinci e Michelangelo Buonarroti, perché egli è un loro contemporaneo. La propria reputazione ed importanza...
Arti Visive

I quadri più famosi al mondo

Le arti visive sono state praticate dall'uomo sin dalle origini più remote. L'arte ha sviluppato diverse forme, ma probabilmente la pittura è stata da sempre quella che più è stata capace di trasmettere il suo potenziale allo spettatore, catturare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.