Guida alle Cappelle Medicee

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Le Cappelle Medicee si trovano a Firenze e sono il luogo dove la famiglia Medici, la signoria che dominò Firenze e gran parte della Toscana, scelse di venire sepolta. Per chi predilige la cultura e la religione, non può non visitare le cappelle che questa città offre, di cui si parla nella guida. Oltretutto Firenze è ben nota come patria di grandi talenti artistici e, quello che offre, è di sicuro all'altezza. Nel caso in cui vi troviate in questo luogo, allora, non potete non fare una visita a tali ben note cappelle. Mettetevi all'opera, buona lettura.

27

Occorrente

  • Cappelle medicee
37

Le Cappelle Medicee si trovano nel quartiere di San Lorenzo e più precisamente in Piazza Aldobrandini, dove si tiene quotidianamente un bel mercato; ma per renderti più facile trovarle, sappi che si trovano annesse alla celebre Basilica di san Lorenzo, quindi nell'area più turistica della città. All'ingresso troverai il personale che ti farà consegnare tutti gli oggetti metallici e ti priverà di videocamere, fotocamere e macchine fotografiche, perché è severamente scattare fotografie. Quindi potrai iniziare la tua visita.

47

Il primo ambiente che incontrerai è la Cripta chiamata anche Vestibolo: è di forma ottagonale, con il soffitto a vele di archi ribassati, e qui riposano Cosimo I e Cosimo II con le loro mogli, ma anche Giovanni dalle Bande Nere. Qui potrai ammirare anche parte dei Tesori dei Medici; anzi, a dire il vero, si tratta di parte dei doni ricevuti dalla basilica di San Lorenzo da fedeli illustri e ricchissimi. Una scala sulla destra conduce poi alla magnificente Cappella dei Principi.

Continua la lettura
57

Quando si spense l'ultima discendente della famiglia l'edificio era ancora incompiuto e furono i Lorena a occuparsi della decorazione della cupola con un ciclo di affreschi di Pietro Benvenuti, mentre altre parti della cappella furono completate solo XX secolo. Tutto l'ambiente è un tripudio di alabastro, porfido, granito, quarzo. Ma vediamo nei dettagli cosa la nuova Sagrestia offre ai suoi visitatori, che di sicuro saranno affascinati dai meravigliosi affreschi sulle pareti e sul tetto. Proseguiamo nella lettura.

67

Da uno stretto corridoio si giunge alla Sagrestia Nuova che ospita quelli che sono i monumenti più noti al grande pubblico: le opere di Michelangelo. La sagrestia sorse nel XVI secolo ed è un ambiente molto più raccolto delle cappelle che rende omaggio a Lorenzo, Giuliano, al Duca di Nemours e al Duca di Urbino. Le sculture presenti sono quasi tutte opera di Michelangelo. Questa guida volge al termine, non vi resta che mettere zaino in spalla ed avventurarvi in questa magica esperienza, alla riscoperta di vere meraviglie artistiche e culturali. Non dimenticate di portarvi dietro una buona macchina fotografica che possa immortalare tutti i più piccoli dettagli di questa visione. Buona fortuna.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • non dimenticare di visitare anche l'attigua basilica e la biblioteca

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Mostre e Musei

I 5 musei più interessanti d'Italia

L'Italia è il paese con il più alto numero di siti inclusi nella lista del patrimonio dell'umanità. Tra le tante meraviglie che caratterizzano da nord a sud lo stivale italico, questa lista ha l'arduo compito di individuare i 5 musei più interessanti...
Arti Visive

I più importanti artisti del Rinascimento

Il Rinascimento è un movimento artistico e culturale nato in Italia, con precisione a Firenze, nei primi anni del XV secolo che si protrarrà, poi, fino ai primi decenni del secolo successivo. Inoltre, questo è anche un periodo che, storicamente parlando,...
Arti Visive

Vita e opere di Michelangelo Buonarroti

Michelangelo Buonarroti, nacque a Caprese nel 1475 e morì a Roma nel 1564. Era un architetto, uno scultore, un pittore ed un poeta. Da Caprese tornò a Firenze con la famiglia e, a tredici anni, entrò come apprendista al Ghirlandaio. Tra le sue opere...
Arti Visive

Sandro Botticelli: vita e opere

La guida in questione si occuperà d'arte, andando a concentrarsi sull'artista Sandro Botticelli, di cui tratteremo una breve biografia per porre dei punti fermi sulla sua vita, e poi le sue opere principali. Sandro Botticelli aveva come nome reale Alessandro...
Arti Visive

I capolavori di Botticelli

Sandro Filipepi, detto Botticelli (Firenze 1445-1510) è uno degli artisti maggiormente legati alla corte di Lorenzo il Magnifico. Con la sua arte, è stato uno dei più importanti rappresentanti del Rinascimento fiorentino, creando capolavori di delicata...
Mostre e Musei

Guida al Museo di Palazzo Medici Riccardi a Firenze

Se vi ritenete degli appassionati di musei o di arte in generale, ed avete deciso di visitare il Palazzo Medici Riccardi nella città di Firenze, questa è la guida che fa al caso vostro. Grazie a questo semplice ed interessante articolo di guida potrete...
Arti Visive

Beato Angelico: vita e opere

Beato Angelico il cui nome originario era Guido di Pietro, fu uno dei più grandi pittori del Quattrocento, le cui opere nell'ambito del primo stile rinascimentale, incarnano un atteggiamento sereno e religioso e riflettono una forte influenza classica....
Mostre e Musei

Guida la Museo Nazionale del Bargello

Il Museo Nazionale del Bargello si trova a Firenze ed è parte integrante del Polo Museale del capoluogo fiorentino. È ubicato in un edificio risalente al 1200 che, appena costruito, fu la sede del Capitano del Popolo, poi del Podestà e infine del...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.