Guida alle opere di Gauguin

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Paul Gauguin fu un grande pittore, nato a Parigi nel 1848 e vissuto fino al 1903. All'età di un anno la madre lo portò con lei in Perù dal nonno, dove visse la sua infanzia tra agi e ricchezze. Nel 1855, si trasferì con la mamma ad Orléans, ma il Perù rimase ben impresso nei sui ricordi e fu grato per aver avuto modo di conoscere un tipo di civiltà tanto differente da quella occidentale. Quando la madre morì, visse da uno zio amante dell'arte e durante gli anni a seguire, nel 1874 decide di iscriversi all'Accademia Colarossi ed iniziò a frequentare uno dei fondatori dell'Impressionismo, Camille Pissarro, che poi diventò il suo maestro. In questa guida ci occuperemo di fornirvi alcune informazioni utili sulle opere più famose di questo grande importantissimo artista.

25

La Senna con il ponte di Jena

Gauguin inizialmente si mostrò lontano dalle linee impressionisti, in quanto utilizzava in modo particolare delle tinte fredde e pastore che esprimevano profondità e immobilità. Prendiamo ad esempio una delle sue prime opere, "La Senna con il ponte di Jena" nella quale il soggetto si avvicina a quelle che erano le linee della corrente impressionista.

35

Nudo di donna che cuce

Un'opera molto famosa di questo pittore è sicuramente "nudo di donna che cuce": si tratta per la prima volta di un dipinto che si rivolgeva proprio al corpo femminile e i critici d'arte affermarono che nessuno fino a quel momento era riuscito ad esprime il nudo in maniera così realistica e dettagliata. Un'altra opera che segue una visione naturalista e realista è sicuramente "sala in casa dell'artista a Parigi", dove si possono trovare delle espressioni del dipinto date dai pennelli colmi di colore e le varie sfumature che danno quel senso di profondità. Nel dipinto "mucche in un puntano" possiamo finalmente rintracciare quella che fu la linea personale dell'artista: questo si nota molto bene dalle pennellate piatte a ampie, dove il chiaroscuro viene lasciato in secondo piano e invece viene curata la profondità.

Continua la lettura
45

Arearea

Da1891 fino al 1893, Gauguin si trasferì a Tahiti, dove sviluppò una pittura fondata in modo particolare sulle abitudini quotidiane della popolazione e dedicata alla storia mitologica della Polinesia. Quando, in seguito a questo soggiorno, ritornò a Parigi, le sue opere destarono enorme interesse per il cambiamento che subirono: in particolare, risaltava l'utilizzo di tinte forti e la presenza di aspetti decorativi. Possiamo quindi dire che è proprio qui che si nota particolarmente la maturità dell'artista. L'opera sicuramente più famosa risalente a questa fase di maturità è Arearea, nella quale i colori che vengono utilizzati sono molto luminosi e il dipinto, a sua volta, suscita in chi lo guarda un senso di tranquillità, dovuta anche dalla bellezza del paesaggio sottostante. Queste sono senza dubbio le opere più importanti e conosciute di questo grande artista: ognuna di esse mostra una fase e uno sviluppo artistico dell'autore.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Guida alle opere di Chagall

Marc Chagall nacque a Vitebsk nel 1887 e morì nel 1985 a St. Paul de Vence. Fu un famoso pittore russo, frequentò l'Accademia di Belle Arti Russa sotto l'egida del maestro Nikolaj Konstantinovic Roerich. Nel 1908 esordì con opere che inizialmente si...
Arti Visive

Guida alle opere di Claude Monet

Claude Monet nacque a Parigi nel 1840. Monet intraprese la carriera di pittore a soli 18 anni. Le opere di Monet hanno grande successo ancora oggi in tutto il mondo. Così giovane, Monet creò quindi una corrente alternativa spesso criticata dagli oppositori....
Arti Visive

Guida alle opere più importanti di Gustav Klimt

Nato alla periferia di Vienna nel 1862, il pittore austriaco Gustav Klimt divenne noto per lo stile altamente decorativo e la natura erotica delle sue opere, che sono state viste come una sorta di ribellione contro la tradizionale arte accademica del...
Arti Visive

Guida alle opere di Sandro Botticelli

Botticelli è uno dei più famosi pittori italiani vissuti nel rinascimento. Sono moltissime le opere dell'artista in Italia, in particolar modo agli Uffizi di Firenze, dove si può ammirare tutta la sua magnificenza pittorica. Capire fino in fondo i...
Arti Visive

Guida alle opere di Giorgio De Chirico

Giorgio De Chirico è un artista vissuto nei primi anni del novecento che con la sua "pittura metafisica" ha messo per la prima volta l'inconscio dell'artista al centro delle opere. La sua pittura, infatti, ha posto le basi per la corrente surrealista...
Arti Visive

Guida delle opere di Gaudì

Antoni Gaudì, nasce a Reus (Tarragona), in Catalogna, ed è oggi uno dei più grandi architetti spagnoli di cui si possa fare menzione. La sua vita è costellata di lutti e disgrazie familiari, a partire dalla prematura morte del fratello Francesc, col...
Arti Visive

Guida alle opere di Dante Gabriel Rossetti

Pittore e poeta, Dante Gabriel Rossetti, è il padre fondatore del movimento preraffaellita ed un cardine del Simbolismo, invece, per quanto riguarda la pittura. Nel 1852, sposa nel Lizzie Siddal, ovvero, la sua musa ispiratrice. In Inghilterra, in particolare,...
Arti Visive

Guida alle opere di Edward Hopper

Edward Hopper fu un pittore, incisore e illustratore statunitense. Nacque nel 1882 a Nyack, una piccola cittadina situata sull'Hudson River. Morì nel 1967 a New York. Già nell'infanzia dimostrò grandi doti per il disegno. Più avanti, con il suo realismo,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.