Guida alle opere di Sandro Botticelli

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Botticelli è uno dei più famosi pittori italiani vissuti nel rinascimento. Sono moltissime le opere dell'artista in Italia, in particolar modo agli Uffizi di Firenze, dove si può ammirare tutta la sua magnificenza pittorica. Capire fino in fondo i dipinti di Botticelli e il suo stile pittorico non è però semplice come si pensa in quanto si tratta di uno dei grandi della pittura italiana, e ha un suo stile ben preciso con colpi di pennello dati in maniera particolare e un effetto scenico creato ad hoc. In questa breve guida cercheremo di dare risalto e di spiegare, per quanto sia possibile, le opere di Sandro Botticelli.

24

Il San Sebastiano

Una delle prime opere realizzate autonomamente da Sandro Botticelli è il San Sebastiano, conservato alla Gemaldegalerie di Berlino. L'opera raffigura il martirio del santo, il cui corpo statuario occupa il primo piano e funge da asse di simmetria dell'intera tela. Lo sfondo, tra cui il paesaggio, fa da contorno alla figura centrale sulla quale si regge l'intero dipinto, questo sia per dare simmetria al quadro ma anche, e soprattutto, per dare risalto all'evento che è poi il soggetto della tela. L'opera probabilmente esprime le idee dell'accademia Neoplatonica, molto in voga all'epoca, secondo la quale l'uomo occupava una posizione privilegiata all'interno del creato, ma era pur sempre soggetto ad errore e in quanto tale poteva perdere la sua condizione di favorito da Dio per cadere nelle tenebre spirituali.

34

La Nascita di Venere

Molto proficua fu la collaborazione con la potente famiglia dei Medici, al servizio dei quali Botticelli si pose e realizzò opere ritenute fra le più belle al mondo. Di questo periodo è una delle opere più conosciute del pittore, La Nascita di Venere, terminata attorno al 1485. Quest'opera, realizzata con colori delicati e linee sinuose e sensuali, mostra la nascita della Dea, bellissima, la quale giunge al mondo trasportata dal mare a bordo di una conchiglia. La dea è aiutata in questo dal soffio di due venti, Zefiro e Aura. La tela è esposta al Museo degli Uffizi di Firenze, si tratta di un autentico capolavoro di stile pittorico e di contenuto.

Continua la lettura
44

La Primavera

IL nome di Botticelli non può poi essere non associato alla famosa Primavera, immortalata spesso come copertina, su diversi testi di storia dell'arte. Il soggetto è la Primavera stessa e la modella è la stessa che ha posato per la Venere. Gli stili sono simili anche se il soggetto è totalmente differente. Altre opere fondamentali di questo artista sono la Madonna del Magnificat, e la Natività Mistica, una delle ultime tele realizzate dall'artista, in cui tra l'altro si può notare un cambiamento stilistico.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

I capolavori di Botticelli

Sandro Filipepi, detto Botticelli (Firenze 1445-1510) è uno degli artisti maggiormente legati alla corte di Lorenzo il Magnifico. Con la sua arte, è stato uno dei più importanti rappresentanti del Rinascimento fiorentino, creando capolavori di delicata...
Arti Visive

Guida alle opere di Chagall

Marc Chagall nacque a Vitebsk nel 1887 e morì nel 1985 a St. Paul de Vence. Fu un famoso pittore russo, frequentò l'Accademia di Belle Arti Russa sotto l'egida del maestro Nikolaj Konstantinovic Roerich. Nel 1908 esordì con opere che inizialmente si...
Arti Visive

Guida alle opere di Claude Monet

Claude Monet nacque a Parigi nel 1840. Monet intraprese la carriera di pittore a soli 18 anni. Le opere di Monet hanno grande successo ancora oggi in tutto il mondo. Così giovane, Monet creò quindi una corrente alternativa spesso criticata dagli oppositori....
Arti Visive

Guida alle opere più importanti di Gustav Klimt

Nato alla periferia di Vienna nel 1862, il pittore austriaco Gustav Klimt divenne noto per lo stile altamente decorativo e la natura erotica delle sue opere, che sono state viste come una sorta di ribellione contro la tradizionale arte accademica del...
Arti Visive

Guida alle opere di Giorgio De Chirico

Giorgio De Chirico è un artista vissuto nei primi anni del novecento che con la sua "pittura metafisica" ha messo per la prima volta l'inconscio dell'artista al centro delle opere. La sua pittura, infatti, ha posto le basi per la corrente surrealista...
Arti Visive

Guida delle opere di Gaudì

Antoni Gaudì, nasce a Reus (Tarragona), in Catalogna, ed è oggi uno dei più grandi architetti spagnoli di cui si possa fare menzione. La sua vita è costellata di lutti e disgrazie familiari, a partire dalla prematura morte del fratello Francesc, col...
Arti Visive

Guida alle opere di Dante Gabriel Rossetti

Pittore e poeta, Dante Gabriel Rossetti, è il padre fondatore del movimento preraffaellita ed un cardine del Simbolismo, invece, per quanto riguarda la pittura. Nel 1852, sposa nel Lizzie Siddal, ovvero, la sua musa ispiratrice. In Inghilterra, in particolare,...
Arti Visive

Guida alle opere di Edward Hopper

Edward Hopper fu un pittore, incisore e illustratore statunitense. Nacque nel 1882 a Nyack, una piccola cittadina situata sull'Hudson River. Morì nel 1967 a New York. Già nell'infanzia dimostrò grandi doti per il disegno. Più avanti, con il suo realismo,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.