Guida la Museo Nazionale del Bargello

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Il Museo Nazionale del Bargello si trova a Firenze ed è parte integrante del Polo Museale del capoluogo fiorentino. È ubicato in un edificio risalente al 1200 che, appena costruito, fu la sede del Capitano del Popolo, poi del Podestà e infine del Consiglio di Giustizia. Nel 1865, poi, è diventato Museo Nazionale. In questo articolo troverete una breve guida del Museo che fornirà ai lettori le informazioni più utili per visitarlo al meglio. Buon lettura.

27

Le opere più importanti

Tra le opere più importanti che è possibile ammirare all'interno di questo edificio, vi sono diverse ed importanti sculture del periodo rinascimentale. Per fare qualche esempio, possiamo citare le statue di Donatello, di Luca del Robbio, di Michelangelo, del Cellini e del Verrocchio. Il museo non conserva solo statue. Vi potete ammirare ed apprezzare anche sculture, cere, medaglie, arazzi, mobili antichi, maioliche e monili di altro genere.

37

Il cortile

Nel cortile sono ubicate importanti opere come "San Luca Evangelista" di Niccolò di Pietro Lamberti, "Allegoria di Firenze" di Bartolomeo Ammannati, la "Incoronazione di Ferdinando d'Aragona" di Benedetto da Maiano, "La Maddalena" di Fabrizio Farina e altro ancora. Questa sezione è dedicata quasi interamente ai prodotti artistici del periodo precedente al Rinascimento.

Continua la lettura
47

Il salone Michelangelo

Nel salone "Michelangelo" sono esposte varie collezioni di armi, bandiere e trofei dell'epoca medicea. Inoltre ammirerete la bellezza del dipinto di Giotto "la Madonna col Bambino e oranti", la scultura di Michelangelo del 1497 "Bacco" ed alcune statue di Benvenuto Cellini e Giambologna.

57

La sala Donatello

Entrate nella sala dedicata a Donatello e agli scultori del '400 per potervi gustare i loro capolavori. In questo salone troverete il "San Giorgio" e due "David", uno in bronzo e l'altro in marmo. Non lasciate, infine, questo luogo senza aver visto il "Sacrificio di Isacco" di Lorenzo Ghiberti e Filippo Brunelleschi.

67

La sala Bruzzichelli

Recatevi quindi nella Sala Bruzzichelli per vedere alcune statue, medaglie e vetri dell'Arte Toscana, Fiorentina e lavori di Giambologna e non dimenticate di fare un giro nella stanza delle Maioliche per apprezzarne la ricca collezione. Intrattenetevi anche nella Sala del Verrocchio dove troverete il suo "David" in bronzo del 1470, la "Dama del Mazzolino" e il "Busto di Piero di Lorenzo de' Medici".

77

Orari e tariffe

Il Museo è aperto tutti i giorni dalle ore 8:15 alle 17:00. Il costo del biglietto di entrata è di 4 euro, ma i giovani tra i 18 ed i 25 anni e gli insegnanti pagano 2 euro. L'entrata è invece gratuita per i ragazzi inferiori ai 18 anni e per le persone di età superiore ai 65 anni. Con l'acquisto del biglietto per il Museo Nazionale del Bargello si ha diritto, inoltre, a uno sconto per accedere alla mostra "La Primavera del Rinascimento" allestita presso il Palazzo Strozzi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Letteratura

"Il tondo doni" di Michelangelo: analisi e descrizione

Caprese, una provincia di Arezzo, dà i natali a Michelangelo Buonarroti. Michelangelo nasce qui nel 1475 e muore a Roma nel 1564 all'età di 89 anni. Michelangelo negli anni ha svolto una ricerca attraverso l'arte verso la perfezione ideale. Questo è...
Letteratura

L'età della Controriforma: il Manierismo

Quando si parla di Manierismo si fa riferimento ad una forma d'arte che nacque e si sviluppò in un periodo divenuto famoso per una crisi sia storica, che ha avuto il suo vertice nel famoso sacco di Roma (1527), che religiosa, culminata con la Controriforma....
Mostre e Musei

Come visitare la galleria degli Uffizi a Firenze

L'Italia intera è un Paese estremamente ricco di storia e cultura, capace di attirare l'attenzione dei turisti di tutto il mondo. Una delle città d'arte più frequentate in assoluto è senza dubbio la grande culla del Rinascimento: Firenze. L'imperdibile...
Mostre e Musei

La certosa di Pavia

Tra le innumerevoli attrazioni turistiche di Pavia, una che sicuramente occupa un posto di notevole importanza è il monastero della Certosa. Esso è situato nell'omonimo comune distante da Pavia circa 9 Km ed anticamente, prendeva il nome di "Torre del...
Arti Visive

I capolavori di Michelangelo Buonarroti

Genio poliedrico del Rinascimento italiano, Michelangelo Buonarroti ha dato vita ad una serie impressionante di opere pittoriche e capolavori scultorei. Nato nell'aretino nel 1475, nella piccola cittadina di Caprese, Michelangelo è il secondogenito di...
Arti Visive

Consigli per vendere le proprie sculture

L'arte, si sa, rappresenta da sempre un ambito molto particolare. Può regalare tante soddisfazioni all'artista, farlo conoscere in ambiti circoscritti così come in tutto il mondo, nel migliore dei casi sopravvivere alla sua stessa persona e quindi,...
Arti Visive

I maggiori esponenti del barocco

Il termine "barocco", deriva dal francese baroque e fu inventato nel corso del Settecento per contrapporre l'enfasi e l'esagerazione del Seicento alla razionalità illuminista. Proprio per questo, il suo stile mirava a stupire e affascinare, con l'abbondanza...
Mostre e Musei

Le statue più significative del cimitero monumentale di Milano

Il cimitero monumentale di Milano nasce dall'estro dell'architetto Carlo Maciachini. La costruzione fu avviata nel 1864 e conclusa nel 1866. A renderlo famoso è il suo stile eclettico che mescola il gotico al romantico. Nel susseguirsi dei secoli, il...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.