I benefici della tecnica Horton

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Lester Horton, danzatore, coreografo ed insegnante di danza, nacque ad Indianapolis 1906 e morì ad Hollywood nel 1953. Nel 1920 si dedicò allo sviluppo della creazione di una sua tecnica formativa, che potesse adeguare al suo stile i propri danzatori. Per cui, avvalendosi anche dell'aiuto della danzatrice Bella Lewitzky, incontrata nel 1934 e divenuta successivamente una sua collaboratrice, cominciò ad elaborare questa tecnica di danza, che prenderà poi il suo nome, tramite la quale si può allungare e rafforzare il corpo dei danzatori perché possano divenire lo strumento più adatto ad una danza di espressione. Essendo tarchiato e di altezza media, Lester Horton era un danzatore con limitate capacità di indagine sugli sviluppi del movimento, ma Bella Lewitzky, danzatrice straordinariamente istintiva, fu per lui una vera e propria proiezione di ciò che il suo fisico non gli permetteva, ossia "l'estensione delle sue intenzioni coreografiche". Nasce quindi una nuova tecnica di danza: analizziamone i benefici.

26

Moltiplica le possibilità di articolazione

Partendo dalle articolazioni Horton ha creato una serie di movimenti tramite i quali parti del corpo come le dita, i polsi, le spalle, gli occhi, il collo, le costole, le braccia, le gambe ed i piedi possano essere flessibili. Questo studio fu incentrato su tutte le possibilità di articolazione della colonna vertebrale, dalla quale viene originato tutto il movimento.

36

Allunga i muscoli

Il metodo Horton è basato sulla possibilità di poter allungare ogni muscolo, avendone a tal fine esercitato le articolazioni, isolando ogni sezione del corpo e studiando ogni singolo movimento nelle sue infinite possibilità spaziali ed in ogni possibilità di variante ritmica.

Continua la lettura
46

Fortifica il corpo

Considerando gli altri impulsi di movimento dettati dalle spalle, dallo sterno o dalla cintura pelvica e gestendo gli effetti originati dalla forza di gravità sui movimenti, con il metodo Horton si rafforza il fisico, rendendo il busto particolarmente solido e stabile, ed imparando a fare resistenza alla suddetta forza di gravità mediante un accostamento di movimenti che portano in un primo momento ad inclinare l'equilibrio, per poi riacquistarlo subito dopo.

56

Gestisce il corpo

Quella di Horton è una tecnica che, esplorando logicamente ogni parte del corpo senza escludere il viso (occhi e bocca) e partendo dalle articolazioni, mette il danzatore nella capacità di poter gestire il proprio corpo in qualsiasi movimento fluido e dinamico egli debba mettere in atto.

66

Rende massima libertà di espressione

Nella tecnica Horton si fanno importanti riferimenti al lavoro del piede e delle sue articolazioni, con alcune influenze di origine afroamericane, perché si possa ottenere un'espressione dinamica totalmente fluida e morbida, enfatizzando il risultato della massima libertà di espressione del corpo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Danza

I benefici della danzaterapia

La danzaterapia è una disciplina che aiuta a diminuire il rischio di patologie che possono colpire sia la mente che il corpo. Questa tecnica utilizzata sin dall'antichità è in grado di garantire numerosi benefici psicofisici e aiuta a trasmettere le...
Danza

Danza del ventre: benefici

La danza e lo sport servono a vincere lo stress dovuto alla vita quotidiana e cittadina, aiutano il fisico a mantenersi in forma e costituiscono un ottimo strumento di socializzazione. La danza del ventre, praticata in preponderanza dalla donne ma insegnata...
Danza

Suggerimenti per migliorare la tecnica di ballo sulle punte

Nella presente guida andremo a trattare il tema della danza e, come indicato lungo il titolo che contraddistingue questa guida, ora andremo a offrirvi dei suggerimenti per migliorare la tecnica di ballo sulle punte.L'allenamento e la tecnica, nel ballo...
Danza

Guida alla danzaterapia: i benefici

La danzaterapia è nata in Inghilterra e successivamente si è sviluppata negli Stati Uniti. Nei nostri giorni molte scuole e istituti organizzano corsi e promuovono dei corsi che fanno specializzare in discipline che riguardano la musicoterapia. Si è...
Danza

Danza contemporanea: Il metodo Graham

Martha Graham è stata considerata la pioniera della danza contemporanea. La Graham ha condizionato la danza del XX secolo e ha teorizzato lo stile moderno. Ancora oggi le sue idee sono oggetto di studio da parte di molti ballerini in tutto il mondo....
Danza

Consigli per gli adulti che iniziano a praticare la danza classica

Si dice che, in antichità, gli uomini delle caverne amassero danzare tutto il giorno, augurandosi una pioggia "rispettosa" nei confronti delle loro piantagioni. Allo stesso modo il ballo ha avuto la sua evoluzione nel corso della storia, diventando il...
Danza

Come eseguire il riscaldamento nella danza moderna

Molti ballerini purtroppo a volte trascurano una delle cose più importanti: il riscaldamento.Non effettuando l'adeguato riscaldamento, si rischia con il tempo di aumentare la possibilità di contrarre infortuni e mettere a repentaglio la vostra stessa...
Danza

Come preparare una coreografia di danze orientali

Preparare una coreografia, di qualsiasi stile di danza, richiede sempre del tempo e molta creatività. Infatti va curato ogni dettaglio della coreografia: anche l'entrata e l'uscita. Non sempre l'ascolto della musica precede la creazione di alcune parti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.