I maggiori esponenti del cubismo

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

All'inizio del '900 diversi pittori francesi cominciarono a riprendere i loro soggetti da varie angolazioni simultaneamente, riportando sopra la tela anche i dettagli degli oggetti che loro già erano a conoscenza. Il risultato fu veramente sorprendente ed innovativo per l'epoca, tanto che tali pittori fondarono un vero e proprio movimento artistico, chiamato il cubismo. Il nome di tale corrente, che vedeva il proprio centro a Parigi, fu scelto da Matisse dopo aver visto un'opera di Braque formata da dei cubi piccoli. "Les Demoiselles d'Avignon" di Picasso è considerata la prima vera opera cubista. In questo tutorial vi indicheremo quindi chi sono i maggiori esponenti del cubismo. Buona lettura!

24

Fondatori principali e prime opere

Le prime opere di Gris e Léger sono talmente simili che è quasi impossibile riconoscere chi dei due ne sia l'autore. Si caratterizzano, oltre che per la frantumazione dell'immagine, per l'uso quasi esclusivo delle tonalità dei colori grigio ed ocra, rendendo quasi un tutt'uno l'oggetto dipinto e lo sfondo. I fondatori principali del movimento cubista sono sicuramente Georges Braque e Pablo Picasso, però anche altri pittori hanno apportato dei fondamentali contributi allo sviluppo del movimento. Se a Cézanne andrà riconosciuta la sperimentazione della visione e dello stile del futuro cubismo, a Juan Gris e Fernand Léger occorrerà riconoscere uno spirito maggiormente scientifico e razionale, e il rifiuto del monocromatismo, a favore di colori luminosi ed armoniosi.

34

Tecniche

Con il trascorre degli anni, però il cubismo diventa sintetico. Sulle tele di artisti come Juan Gris si aggiungono al semplice tratto a pennello anche alcune figure ottenute con tecniche nuove come il collage o delle stencil. Vengono riprodotti oggetti con la tecnica del trompe l'oeil per ingannare l'occhio dell'osservatore illudendolo di vedere oggetti tridimensionali o reali che però in realtà non lo sono. Le forme diventano geometriche e vengono composte in modi diversi, lasciando dei caratteristici spazi vuoti. Il colore ritorna a far parte dell'immagine. Léger introduce i tre colori primari: rosso, blu e giallo.
In questo periodo vengono inseriti nei dipinti biglietti da visita, carte da gioco o listelli di legno.

Continua la lettura
44

Anni del cubismo

Il cubismo ebbe però vita breve. Già all'inizio della Prima Guerra Mondiale nuove correnti avanguardiste iniziarono a prevalere sul cubismo. In Italia non ebbe molti seguaci, forse perché contemporaneo o quasi del futurismo. Altri pittori che hanno sicuramente lasciato un contributo importante al movimento cubista sono Robert Delaunay, Marcel Duchamp e suo fratello, Francis Picabia, Max Weber e Gino Severini. In quegli anni il movimento cubista fu così irrompente che anche la musica e la letteratura ne furono fortemente influenzate.
Fu comunque un momento importante nella storia dell'arte, perché segnò l'inizio di un nuovo modo di pensare e vivere la pittura.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Barocco: storia, stile e maggiori esponenti

La parola "barocco" definisce lo stile che predominò la cultura e l'arte del diciassettesimo secolo. Questo termine iniziò ad usarsi a partire dal XVIII secolo. Ma spesso soltanto negativamente, per indicare la pochezza di spirito, la leziosità e la...
Arti Visive

Linearismo: storia, stile e maggiori esponenti

Il Linearismo è uno stile artistico, sviluppatosi in Italia agli inizi del 1400. Trae il nome dall'importanza attribuita alla linea rispetto al colore. Nelle arti pittoriche, si sottolinea la netta dominanza della forma. Questo va a scapito della profondità,...
Arti Visive

Arte povera: storia, stile e maggiori esponenti

L'arte è una disciplina molto importante, perché ci permette di conoscere e comprendere alla perfezione tutte le opere realizzare dai vari artisti negli anni, collocandoli in particolari correnti artistiche che ci consentono di comprendere in maniera...
Arti Visive

Dadaismo: storia, stile e maggiori esponenti

Tra il 1916 e il 1923 a Zurigo, città della Svizzera, si sviluppa il Dadaismo, un modo di vedere e concepire l'arte, soprattutto quella visiva ma che influenzò anche altri ambiti artistici. Se siete interessati a sapere qualcosa in più sul Dadaismo,...
Arti Visive

Arte concettuale: storia, stile e maggiori esponenti

Con il termine Arte concettuale s'intende uno stile in cui il concetto espresso risulti maggiormente importante rispetto all'estetica dell'opera medesima. Specificatamente, questo movimento nacque e si sviluppò negli Stati Uniti d'America (USA) intorno...
Arti Visive

Art Decò: storia, stile e maggiori esponenti

L'Art Deco' trova il suo nome solo a partire dal 1960 anche se le sue radici affondano nel più remoto 1925, quando a Parigi si tenne l' Exposition Internationale des Arts Decoratifs et Industriels Modernes, ossia un'esposizione che guardava soprattutto...
Arti Visive

Simbolismo: storia, stile e maggiori esponenti

Nel corso degli anni si sono susseguiti moltissimi movimenti culturali che hanno caratterizzato le opere di opere di moltissimi artisti che vi hanno preso parte. Se siamo degli amanti della storia della cultura e ci piacerebbe riuscire a conoscere tutti...
Arti Visive

Arte moderna: storia, stile e maggiori esponenti

La storia dell'arte moderna rappresenta nel complesso, un movimento artistico compreso tra la seconda metà del milleottocento e la seconda metà del millenovecento, frutto di profonde trasformazioni. I precursori di tale movimento, nonché i maggiori...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.