I Malavoglia di Giovanni Verga: analisi

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

I Malavoglia di Giovanni Verga è una delle opere tipicamente verista. Il verismo fu una corrente letteraria di fine '800 che, avvalendosi di una narrazione in terza persona e ponendo anche il narratore come spettatore di ciò che racconta senza alcun giudizio personale, permetteva al lettore una libera interpretazione priva di qualsiasi influenza. Volendo tracciare filo conduttore nell'analisi dei Malavoglia dovremmo porre al centro della narrazione una continua ed estenuante lotta per i bisogni materiali. Il lavoro incessante porta l’uomo ad ottenere i risultati sperati che però vengono distrutti dalle disgrazie.

24

Tutta la vicenda si nei confini di Aci Trezza, un piccolo paese di pescatori vicino Catania. E’ volutamente specificato il periodo storico: parte dal 1863 e termina nel 1876. L’opera narra le vicissitudini e le sventure della famiglia Toscano, soprannominati Malavoglia perché, come il narratore spiega “il cognome nasce in base alla qualità opposta al carattere della famiglia” quindi possiamo intendere che i Toscano fossero tutt'altro che pigri e svogliati. Dedicando la vita al lavoro, i Malavoglia hanno come obiettivo l’emancipazione dopo un momento critico: inizialmente i Malavoglia vengono presentati come agiati proprietari della casa “del Nespolo” e di una barca chiamata “Provvidenza”. La perdita della casa del Nespolo ha una forte valenza simbolica: è il loro punto di riferimento, la loro forza, il loro punto d’unione.

34

Verga ha il merito di riuscire a filtrare la narrazione attraverso i discorsi, le azioni e i pensieri dei personaggi, mettendo in pratica quella che viene definita “tecnica del discorso rivissuto”: non è più il narratore a raccontare ma il personaggio a rivivere l’evento. Il narratore agisce come un popolano che, dall'esterno, osserva gli eventi affermando che a nessuno appartiene il diritto di giudicare. È un romanzo corale in quanto il villaggio e gli abitanti che fanno da sfondo creano un sottofondo, un coro che accompagna continuamente il racconto. Il lettore si ritrova immerso nella folla, attorniato da gente sconosciuta senza però che questa lo introduca e lo integri come parte attiva e giudicatrice nell'ambiente.

Continua la lettura
44

Gli avvenimenti si srotolano tra il 1863 e il 1877 con un ritmo sostenuto e incalzante, alternato da momenti di riflessione e descrizioni dettagliate. Flashback e riferimenti ad eventi passati sono completamente assenti. Le uniche indicazioni temporali sono l'alternarsi delle stagioni e le feste comandate che tradizionalmente scandivano il passare del tempo nella cultura contadina. Il racconto delle avventure e disavventure dei Malavoglia ha un apparente lieto fine, concludendosi con il tanto desiderato riappropriarsi della casa del Nespolo, ma a questa situazione di apparente gioia fa da sfondo il tragico smembramento dell'unità familiare.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Letteratura

Le opere di Giovanni Verga

Giovanni Verga è uno scrittore italiano. Nato nel 1840, a Catania, da una famiglia agiata con ideali liberali, si dedica al mestiere dello scrittore non appena compie 16 anni. Scrive infatti un primo romanzo, ma non riscuote molto successo tra i suoi...
Letteratura

Verga, il verismo e la Sicilia

Il Verismo è un movimento letterario sviluppatosi alla fine dell'Ottocento (precisamente nell'ultimo trentennio del XIX secolo), ed annovera Giovanni Verga come maggiore esponente. Basa i suoi fondamenti sul Naturalismo francese e sui principi dell'ideologia...
Letteratura

Giovanni Pascoli: Myricae e poetica

Giovanni Pascoli, il cui vero nome è Giovanni Agostino Placido Pascoli, nasce il 31 di Maggio del 1885 (san Mauro di romagna), cessa di vivere a Bologna nel 1912 (6 Aprile). Molte le sue produzioni letterarie ed i componimenti poetici che lo hanno immortalato...
Letteratura

Come scrivere un'analisi letteraria

L'analisi letteraria di un testo è molto importante, in quanto analizzare un testo significa non solo capirne il significato, ma anche interpretare ciò che il testo vuole comunicare, esprimere la propria opinione e i propri giudizi.Per imparare come...
Letteratura

A Silvia di Giacomo Leopardi: analisi

Tra le numerosissime poesie scritte da Giacomo Leopardi, nato nel 1798 a Recanati e morto nel 1837, "A Silvia" rappresenta, oltre all'opera probabilmente più conosciuta della sua produzione, anche uno dei vertici della sua scrittura. "A Silvia" tratta...
Letteratura

Analisi di "Venuto al mondo" di Margaret Mazzantini

Margaret Mazzantini è un'autrice che non ha bisogno di tanti aggettivi per poter essere presentata. Ma senza ombra di dubbio su di lei è bene sapere che ha uno stile di scrittura molto delicato, utilizza dei termini molto semplici ma li propone in...
Letteratura

Come fare l'analisi di un testo poetico

Che si tratti di scuole medie o di esame di maturità, l'analisi del testo può rappresentare uno scoglio importante da affrontare. Il tutto peggiora se il testo da analizzare è una poesia con un linguaggio un po' antiquato. Consultando questa semplicissima...
Letteratura

I 10 migliori classici della letteratura italiana

Quando ci accingiamo a scegliere un libro da leggere, molto spesso ci orientiamo verso i grandi classici. Ciascun libro presenta caratteristiche differenti in base al genere letterario che tratta o a seconda del contesto storico in cui si colloca. Inoltre...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.