I migliori locali jazz di Napoli e dintorni

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Importata dagli americani sul finire degli anni '40, la musica jazz a Napoli vanta ormai una tradizione tutta propria, collaudata da rassegne, festival e serate che da molti anni attraggono appassionati e non da ogni parte del capoluogo. Di seguito la lista con i migliori locali jazz di Napoli e dintorni.

26

Bourbon street (via Bellini, 52/53)

Luogo di passaggio dei maggiori artisti jazz (Miles Griffith, Billy Cobham) e banco di prova per molti esordienti, iI Bourbon Street è da annoverare sicuramente fra i ritrovi storici di musicisti e appassionati di jazz & blues a Napoli.
American bar disposto su due piani e dall'acustica impeccabile, il Bourbon street si fregia di un ricco palinsesto, che va dai concerti alle jam sessions. Da non perdere gli aperijam del mercoledì sera.

36

Blue Around Midnight (via Giuseppe Bonito, 32)

Il Blue Around Midnight (ex Around Midnight) cambia gestione nel 2016 ma non il fatto di restare uno dei templi del jazz partenopeo: sotto le sue colonne sono passati i maggiori nomi del panorama jazzistico nazionale: da Antonio Onorato a Pietro Condorelli, passando per Marco Zurzolo.
Locale non grandissimo, vanta cionondiméno una buona scelta enogastronomica oltre che ovviamente di una selezione musicale di tutto rispetto: si parte con l'aperijazz del giovedì, proseguendo con i venerdì del total jazz, per arrivare al meltin' pot del sabato, dedicato ai gruppi di vario genere.

Continua la lettura
46

Pepita Jazz (Via G. Martucci, 47)

Situato in zona Vomero, il Pepita Jazz è un altro dei grandi ritrovi del jazz napoletano; sul suo palco si sono succeduti i maggiori nomi della nostra scena musicale.
A differenza di altri music bar della zona il Pepita Jazz si caratterizza per una programmazione assai varia, offrendo ai suoi ospiti la possibilità di prendere parte a numerose serate a tema (si va da quelle celtiche a quelle cubane).

56

Miles Jazz Club (Via Tommaso Caravita, 23)

Club dalla storia abbastanza recente, il Miles Jazz Club negli ultimi anni si è distinto per lo spazio dato alla nuova scena jazz e blues nostrana. Piccola perla incastonata nel ventre di un antico quartiere del centro storico, prende vita di sera passando, invece, quasi inosservato di giorno.
Jazz club non più grande di una sala prove, il Miles riesce in ogni caso ad attrae un buon numero di cultori del genere.

66

Jazz Cafè (Via Genoino, 40, Frattamaggiore)

Dicono che nella botte piccola ci sia il vino buono e il Jazz Café non fa eccezione. Il locale è abbastanza piccolo ma la qualità del menù unite all'ottima scelta musicale (che spazia dal jazz allo swing) e degli arredamenti in perfetto stile jazz club renderà godibilissima la vostra serata.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Musica

Dove trovare tutti gli standard jazz

Viene definito uno standard jazz un pezzo del repertorio jazz che è conosciuto, apprezzato e spesso riprodotto da diversi musicisti nel corso della storia, e che gli ascoltatori riconoscono già dalla prima nota.Come potete immaginare, non essendoci...
Musica

I maggiori esponenti del jazz

Il jazz è una tipologia di musica nata nei primi anni del '900. Essa ha origine nelle comunità afroamericane del sud degli Stati Uniti, già grandi amanti del blues. Oltre alla sua importanza fondamentale per sconfinate tipologie di generi successivi,...
Musica

Breve storia della musica jazz

Il Jazz è un particolare genere musicale nato negli Stati Uniti, nello stato della Louisiana, nel corso del XIX secolo, la cui caratteristica peculiare è l’improvvisazione. Il jazz si differenzia in particolare per la grande libertà di espressione...
Musica

Thelonius Monk: Il jazz degli anni 40'

La musica che siamo soliti ascoltare oggi è molto differente rispetto a quella di decenni fa. Tuttavia parecchi maestri di allora, hanno lasciato le loro "impronte" ed ancora oggi molti testi ricordano sotto certi aspetti quelle caratteristiche. Tra...
Musica

Come ascoltare la musica jazz

Se state leggendo questa guida è perché, probabilmente, avete avuto modo di ascoltare qualche brano che vi ha fatto appassionare di un genere musicale ricco di storia ed emozioni: il jazz. Chi il jazz lo ha ascoltato solo attraverso qualche spot pubblicitario,...
Musica

Come improvvisare un pezzo jazz al piano

La musica jazz è nata all'inizio del Novecento in America; con la deportazione e la schiavitù del popolo africano. In quegli anni, la patria indiscussa del jazz era New Orleans, in Louisiana. All'inizio i pezzi si eseguivano con la batteria e gli strumenti...
Musica

Guida alla musica jazz in America

La musica jazz è nata negli Stati Uniti d'America agli inizi del novecento, frutto della commistione tra diversi generi quali il ragtime, il blues e lo swing unito all'improvvisazione. Sull'origine invece della parola "jazz" vi sono più teorie più...
Musica

Come imparare ad improvvisare nel jazz

Il Jazz è un genere musicale americano proveniente dal ragtime e dal blues. Le sue caratteristiche includono i ritmi sincopati, la polifonia e l'improvvisazione ovvero l'arte di creare e organizzare una linea melodica in modo estemporaneo ovvero senza...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.