I riti di passaggio: Arnold Van Gennep

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

Per capire il concetto di rito di passaggio, è indispensabile analizzare bene questo concetto. Quando si parla di rito di passaggio, si intende sicuramente un cambiamento che riguarda il ciclo della vita di un essere umano come ad esempio il passaggio dalla nascita alla morte e i vari cambiamenti biologici presenti negli individui in generale. In sostanza il rito di passaggio, non è altro che il cambiamento da uno status a un altro ed è un fenomeno indispensabile che permette ad ogni individuo di legarsi anche ad un gruppo e di gestire e strutturare la propria vita in maniera specifica. I riti di passaggio, sono stati studiati soprattutto dall'etnologo Arnold Van Gennep e proprio in questa guida, troverete riassunti i suoi concetti.

26

Occorrente

  • Studio specifico sull'argomento.
36

Rito di separazione

Il rito di separazione, è uno dei riti più discussi da Arnold Van Gennep ed è incluso nella prima fase della sua teoria. La separazione è infatti viene spesso descritta e vista come drammatico momento di forte dolore, di sofferenza in cui ogni famiglia o ogni singolo individuo che ha subito la perdita, deve essere aiutato dalle persone di ogni comunità a superare questo straziante e triste momento di passaggio e di perdita. Grazie alla comunità e al gruppo, questo momento del rito di separazione, viene superato con la possibilità di accettare la nuova situazione e la perdita.

46

Rito di margine

La seconda fase o il secondo rito di passaggio da uno stato determinato ad un altro della vita, è definito secondo dall'etnologo "rito di margine". Si tratta sempre di un rito di passaggio che celebra un mutamento. Il rito di margine, non è altro che un rito o una fase chiamata "liminare". È una sorta di passaggio o soglia, che separa due fasi determinate della vita come ad esempio la gravidanza e il fidanzamento, la vita terrena da quella dei morti, ecc.. Si tratta di un momento di sospensione molto particolare che ogni individuo passa nelle fasi della propria vita come ad esempio evitare determinati cibi nel periodo di lutto o vestirsi in un determinato modo per evidenziare questo momento.

Continua la lettura
56

Rito di aggregazione

Secondo il concetto di questo famoso etnologo, il rito di aggregazione non è altro che il rito del matrimonio. I riti matrimoniali secondo il concetto di Arnold Van Gennep, non sono altro che una celebrazione pubblica che lega e sancisce il legame tra due individui che vogliono legarsi civilmente o religiosamente nel matrimonio. Si tratta quindi di un rito di passaggio in cui un individuo passa da uno stato di vita ad un altro.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Leggete ed analizzate i concetti in maniera dettagliata su libri di testo specializzati.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Simbolismo: storia, stile e maggiori esponenti

Nel corso degli anni si sono susseguiti moltissimi movimenti culturali che hanno caratterizzato le opere di opere di moltissimi artisti che vi hanno preso parte. Se siamo degli amanti della storia della cultura e ci piacerebbe riuscire a conoscere tutti...
Letteratura

Come scrivere una lettera d'addio

Dire addio a qualcuno è noto essere difficile. Non è qualcosa che si fa tutti i giorni e spesso lo si deve fare anche contro la propria volontà, magari tradendo una promessa, o venendo costretti da cause di forza maggiore. In ogni caso, il dialogo...
Recitazione

10 motivi per andare a teatro

Il teatro, fin dall'antichità, ha sempre affascinato l'uomo, il quale ha trasmesso mediante i vari spettacoli, l'anima, la propria performance migliore, per rappresentare un mondo fatto di magia e di fantasia. Il teatro nasce originariamente in Grecia...
Danza

La danza tra il Medioevo e il Rinascimento

La danza è conosciuta e amata ormai in tutto il mondo, ma non sempre si discute o si danno informazioni sulle sue origini. Il periodo al quale in particolare ci soffermeremo è a cavallo tra il Medioevo e il Rinascimento, in cui vediamo nascere una danza...
Arti Visive

Caratteristiche dell'arte mesopotamica

Le enormi civiltà dell’Egitto e della Mesopotamia (terra dei fiumi) si svilupparono 5.000 anni fa: esse avevano in comune la presenza di grossi fiumi, che servivano come mezzo di comunicazione e grazie alle proprie piene rendevano molto fertili le...
Arti Visive

Guida alle opere di Canaletto

In questo articolo vorrei darvi una guida alle opere di Canaletto.Giovanni Antonio Canal è conosciuto in tutto il mondo con il nome di Canaletto. Canaletto era nato a Venezia il 18 ottobre del 1697 ed era morto sempre a Venezia il 19 aprile del 1768....
Mostre e Musei

I musei più belli di Parigi

Parigi è una città bellissima che vale la pena di visitare per tantissimi motivi. Uno di questi è sicuramente la presenza di innumerevoli musei, ognuno con le proprie caratteristiche e con tante importanti opere esposte. Per questo, i musei di Parigi...
Mostre e Musei

10 cose da vedere a Treviso

Treviso, città situata nella provincia del Veneto (nord Italia) si trova a circa 30 km dal suo capoluogo che è Venezia.Questo luogo offre ai suoi visitatori un ampia scelta di luoghi da poter visitare.Le principali attrazioni che riguardano la città...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.