Il mito della Fenice

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

La Fenice è una creatura mitologica unica al mondo nel suo genere. I primi a nominare questo animale furono gli storici greci Esiodo ed Erodoto e il poeta latino Ovidio. Nel corso degli anni, però il mito della fenice è diventato sempre più forte ed ha avuto varie interpretazioni a seconda del luogo e del periodo storico. Ripercorriamo insieme in questa breve guida il mito della fenice, dalle prime storie su questo fantastico uccello mitologico, alle diverse interpretazioni che ne hanno dato i popoli nel corso dei secoli.

24

I poeti grechi

Il poeta greco Esiodo scrisse riguardo la fenice lodandone la sua longevità. Erodoto, invece, ci fornisce maggiori dettagli. Egli infatti prima la descrive fisicamente paragonandola ad un aquila con tutte le penne di colore rosso tranne quelle della chioma che, invece, sono dorate; ne descrive poi le abitudini: un animale molto raro da vedere poiché, come affermavano i sacerdoti di Eliopoli, si mostra solo alla morte del padre, cioè ogni 500 anni circa; la fenice alla morte del padre ne prende il corpo e lo porta al tempio del dio Sole. Il poeta latino Ovidio, invece, ci descrive la fenice come un uccello unico nel suo genere poiché essendo solo una al mondo non si riproduce come tutti gli altri animali ma per riprodursi si crea un nido in Arabia da qui l'appellativo araba, con delle piante aromatiche, esala l'ultimo respiro e dalla carcassa nasce una nuova fenice che, una volta cresciuta, compirà lo stesso gesto di portare il corpo del padre al tempio del dio Sole.

34

Il mito

Il mito della fenice è conosciuto in tutto il mondo anche se con diverse annotazioni. In Cina la fenice (Feng) è considerata uno dei quattro animali che decide le sorti della Cina insieme alla tigre bianca, all'unicorno e alla tartaruga o al serpente ed è simbolo di potere e prosperità. La tradizione indiana invece, narra che la fenice (Garuda) venne resa immortale per liberare la madre da Kadru, la madre dei serpenti. Per la sua immortalità viene scelta dal dio Visnu come suo avatar.

Continua la lettura
44

Nel paradiso terrestre

In Giappone la fenice viene rappresentata come un aquila con piume dorate in grado di sputare fuoco. Nella tradizione cattolica, invece, la fenice soprattutto nel periodo medievale è stata accostata alla resurrezione di Gesù. Ma, sempre nella tradizione cattolica, questa figura viene nominata in altre situazioni. La fenice è presente nell'episodio nel paradiso terrestre dove Eva convince tutti gli animali a mangiare la mela, frutto proibito da dio; la fenice, rifiutandosi, viene poi ricompensata da Dio con l'immortalità. Infine gli egizi, che furono i primi a nominare questo uccello sacro. Per loro però non aveva fattezze di un'aquila ma più di un passero o di un airone.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Letteratura

Come nasce il mito delle sirene

Se pensiamo alle sirene, ci viene subito in mente l'immagine di splendide creature per metà umane e per metà pesci, capaci di ammaliare con il loro fascino. Possiamo trovare storie sul loro conto in qualsiasi ambito della narrativa, dalle favole per...
Letteratura

Breve guida all'opera di Cesare Pavese

"La letteratura è una difesa contro le offese della vita. Le dice: Tu non mi fai fesso: so come ti comporti, ti seguo e ti prevedo, godo anzi a vederti fare e ti rubo il segreto componendoti in scaltrite costruzioni che arrestano il tuo flusso"Da questa...
Letteratura

L'importanza dei miti nella cultura greca

l'importanza dei miti nella cultura greca intesi come patrimonio di idee, tradizioni, istituzioni religiose e sociali, andavano a determinare la cultura di un popolo nella sua fase primitiva. Succedeva questo grazie alla narrazione di eventi accaduti...
Letteratura

Harry Potter: significati e metafore

I racconti di Harry Potter sono famosi in tutto il mondo e il giovane mago è ormai diventato celebre per le sue avventure. Tutti conoscono le storie, ma in pochi sono a conoscenza della molteplicità di significati che si celano dietro alle vicende di...
Letteratura

La leggenda di Robin Hood

Chi non conosce questo incredibile personaggio reso celebre anche da molte opere cinematografiche, non ultima quella di Walt Disney? Meno conosciuta forse è invece la sua leggenda tradizionale inglese e soprattutto le sue basi di realtà. Sì perché...
Letteratura

Claudio Magris: vita e opere

Claudio Magris è nato nel 1939 a Trieste, ed è un saggista e filosofo culturale, nonché docente di letteratura tedesca. Le opere di fama internazionale sono Danubio (1986) e Microcosmi (1997), ed entrambi parlano di viaggi liberi dell'immaginazione...
Letteratura

La Chimera in mitologia

Nella mitologia greca, la Chimera era un mostro ibrido, figlio di Tifeo e Echidna e fratello di Cerberus e Idra di Lerna. Aveva la testa e il corpo di un leone, la testa di una capra attaccata alla sua schiena e una coda che si conclude con la testa di...
Letteratura

La figura del vampiro nella letteratura

Il vampiro è una figura che da secoli affascina i cultori del genere horror, sfociando però molte volte anche nel romantico. Dal tenebroso vampiro di Polidori, all'immortale Dracula, alle mille sfaccettature che questa creatura della notte ha avuto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.