Impressionismo: contesto storico e culturale

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

L'Impressionismo è un movimento artistico nato nella capitale francese alla fine dell'Ottocento (1860) e durato fino agli inizi del Novecento. In questa guida ci occuperemo di analizzare quale fu il contesto storico e culturale che ne permise la diffusione e l'adesione da parte degli artisti.
Innanzitutto, non possiamo assolutamente scindere l'impressionismo dal realismo. Romanticismo e realismo, correnti letterarie che spesso vanno di pari passo con quelle artistiche, avevano diramato le loro idee anche a Parigi e in tutta la Francia, dove gli autori cominciarono a disegnare paesaggi realistici, basandosi sull'ispirazione derivata dalla realtà quotidiana.

25

Occorrente

  • Documenti riguardanti il periodo storico dell'impressionismo
35

Il nome impressionismo ben calzò all'opera che lo aprì, almeno secondo quanto scrissero i giornali dell'epoca, e cioè quella di Claude Monet, Impressione: levar del sole.  I pittori a cui conseguentemente fu attribuito l'aggettivo di impressionisti erano soprattutto borghesi dediti alla vita mondana. I maggiori pittori impressionisti sono, oltre a Monet, Edgar Degas, Edouard Manet, Pierre-Auguste Renoir e Alfred Sisley. Gli impressionisti dipingevano "en plein air", con una tecnica rapida che permetteva di completare l'opera in poche ore. Essi volevano riprodurre sulla tela le sensazioni e le percezioni visive che il paesaggio comunicava loro nelle varie ore del giorno e in particolari condizioni di luce, lo studio dal vero del cielo, dell'atmosfera, delle acque, eliminò il lavoro al chiuso, nell'atelier, lo studio nel quale venivano completati i quadri più grandi o eseguiti i ritratti; molti ritratti erano però anche realizzati all'aperto. Lo sfondo, il paesaggio, non è qualcosa di aggiunto, ma avvolge le figure. Oggetti e persone sono trattati con la stessa pennellata ampia e decisa. Gli artisti più importanti dell'impressionismo sono: Edouard Manet, Claude Monet, Edgar Degas, Pierre-Auguste Renoir, Alfred Sisley, Camille Pissarro e Jean-Frédéric Bazille.

45

Il contesto culturale dell'impressionismo è quello delle scoperte. Se l'impressionismo è una fotografia della realtà, lo deve soprattutto alla nascita della macchina fotografica e altre scoperte in campo ottico. Le scoperte sono proprio firmate Francia, in particolare per mano di Chevreul, un chimico che si occupa della legge sui contrasti simultanei. Anche un inglese, il matematico e fisico Maxwell, contribuisce a questa crescita: studia la propagazione della luce. Nascono i colori ad olio in tubetto, facili da portare per i pittori. Ed infatti i pittori impressionisti dipingono "en plein ar", all'aria aperta, poggiando le tele su un cavalletto e portando con sé i colori. La luce è la parola d'ordine per gli espressionisti.

Continua la lettura
55

La luce contrasta con le ombre, viene a galla con l'uso di colori forti e accesi, che raccontano la natura, disegnano la natura. Gli impressionisti avranno larga eco anche in Italia, con Giuseppe De Nittis per esempio. Però la situazione in Italia è completamente diversa: il Bel Paese è lontano anni luce dalla Francia perché è nel periodo difficile, quello post-unitario, in cui si sta ancora formando.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Le caratteristiche principali dell'impressionismo

Quando si sente parlare di Impressionismo si sta facendo riferimento ad una corrente artistica nata in Francia, a Parigi, nella seconda metà dell'Ottocento, precisamente tra il 1860 e il 1870. È un movimento che ha avuto origine grazie ad un gruppo...
Arti Visive

Autori e opere del Post Impressionismo

Agli inizi del 1900 vengono apportate delle modifiche alla corrente artistica dell'impressionismo con il quale gli autori francesi soprattutto si erano espressi finalmente rivelando anche il pensiero soggettivo attraverso i propri quadri. La svolta riguarda...
Arti Visive

Espressionismo in breve

L' espressionismo è un movimento artistico che basa il suo operato su contenuti sociali e sensazioni legate alla drammaticità degli eventi. È un movimento a 360° poiché riguarda un po' tutti i vari campi culturali come pittura, letteratura, musica...
Arti Visive

Giuseppe De Nittis: biografia e opere

All'interno di questa guida ci soffermeremo sulla spiegazione della biografia e delle opere di Giuseppe de Nittis, un pittore di origini italiane appartenente alla corrente compresa tra i periodi del Verismo e dell'Impressionismo italiano; periodi storici...
Arti Visive

Come valutare un dipinto

Un'opera d'arte ha in genere una funzione estetica. L'arte fisica si esprime attraverso la pittura, la scultura, l'architettura nonché la fotografia. Esiste poi l'arte scenica o teatrale basata sulla musica, la danza ed il cinema. Un pennello, una tela...
Arti Visive

Futurismo e aeropittura

Il Futurismo è un movimento culturale italiano, che si sviluppa in tutte le espressioni artistiche portando con sé forte rinnovamento e capacità di critica all'interno della discussione sul post-Impressionismo. Dotato di un programma di intervento...
Arti Visive

Edgar Degas: le migliori opere

Edgar Degas nacque a Parigi nel 1834 e morì nel 1917. Egli fu uno dei più importanti esponenti e fecondi dell'Impressionismo. Ma si distinse dagli altri componenti del movimento sia dal punto di vista artistico che sociale. Si mostrò infatti poco...
Arti Visive

Renoir: le migliori opere

La storia dell'arte è piena di artisti e pittori che hanno contribuito ad arricchire con la loro opera la cultura mondiale. Gli impressionisti con i loro quadri pieni di colori e dalle tonalità sobrie sono riusciti donare all'umanità una visione del...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.