Klimt: le migliori opere

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Gustave Klimt fu il secondo figlio di ben otto fratelli. Figlio di un orafo, Gustave Klimt sviluppò sin da subito una passione per l'arte, così come pure gli altri fratelli (due dei quali, Ernst e Georg, divennero anch'essi pittori). Nato a Vienna nel 1862, frequentò dapprima la scuola del distretto, poi fu ammesso alla scuola d'arte e mestieri dell'Austria. Si discostò però subito da quelli che erano i canoni imposti dall'Accademia, fino a fondare un proprio gruppo insieme con altri 19 pittori. Rimase colpito dai sue due viaggi a Ravenna del 1903. Lì fu ammaliato dai mosaici bizantini. E fu proprio a questi che si si ispirò per alcune delle sue migliori opere. L'ultimo periodo della sua vita fu molto confuso, Klimt iniziò infatti a mettere in dubbio la legittimità della propria arte, soppiantata ormai da nuove forme quali l'espressionismo. Terminò i suoi giorni il 6 febbraio 1918.

27

Occorrente

  • Libro di storia dell'arte
37

Le prime opere

Sin dalle prime opere vengono messe in evidenza le sue capacità come anche il suo stile: alla base del suo stile vi era sicuramente la figura femminile, anche se questo suscitò molto la concezione morale del periodo. Ciò non toglie che famiglie di ebrei trovarono di buon gusto questo nuovo stile, prendendo in esempio il quadro di Giuditta I del 1901. Infatti tanta fama tra questi popoli lo porto a ispirarsi alle donne di questi ricchi mercanti.
Prendeva ispirazione per le sue opere dall'amante Adele Bloch-Bauer.

47

Le tre età della donna

Altra opera imprescindibile è la tela "Le tre età della donna", del 1905: il sintetismo raggiunge esiti straordinari così come l'uso di colori preziosi quali l'oro.
SI tratta di una rivisitazione della vita di una donna attraverso le fasi principali, fino all'inesorabile vecchiaia, dalla quale non si può sfuggire.
Tra le opere più famose di Klimt possiamo annoverare "Il bacio": il tema è quello classico, ricorrente nella storia dell'arte, di due amanti immortalati nell'attimo del bacio.
Tuttavia quest'opera risulta del tutto anticonvenzionale, in pieno stile "klimtiano": sintesi e preziosità la fanno da padroni in questa tela molto suggestiva e luminosa.

Continua la lettura
57

Il fregio per Beethoven

Non molto conosciuto è il fregio del palazzo della Secessione dedicato a Beethoven. La decorazione raffigura diverse tematiche cioè l'anelito alla felicità, le forze ostili e l'inno alla Gioia. Klimt apparteneva a tale corrente storica, e la sua opera rappresenta uan sintesi delle varie forme d'arte in quanto doveva essere accompagnata attraverso letture e ascolti preparati appositamente per l'inaugurazione. L'artista ha svolto più di 3000 opere che rappresentano il suo stile sinuoso, rappresentando uno dei più importanti esponenti della corrente della Secessionel.

67

Guarda il video

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Mostre e Musei

Guida alla Galleria Internazionale d'arte Moderna di Venezia

La penisola italiana è un Paese ricco di grandi monumenti architettonici e musei nazionali dove i turisti amanti della cultura e della storia possono ammirare le collezioni più importanti a livello internazionale. Una città ricca di cultura è senza...
Mostre e Musei

Come visitare la Galleria austriaca Belvedere di Vienna

L'Austria è una nazione piena di bellezze naturali e artistiche, con palazzi reali dal valore inestimabile e di grande fascino. Chi di noi non ha mai sentito parlare dell'Imperatrice Sissi? Credo nessuno e come ben saprete l'Austria è stata la sua seconda...
Mostre e Musei

Le più belle mostre di ottobre a Milano

Tutti sanno che Milano è la capitale della moda, ma pochi sono a conoscenza delle innumerevoli iniziative culturali che vengono ospitate da questa meravigliosa città. Essendo una città abbastanza cara, spesso si opta per visitarla in bassa stagione,...
Arti Visive

Arte Nouveau: storia, stile e maggiori esponenti

L'Arte "Nouveau" si colloca tra la fine del 1800 e l'inizio del 1900 in Europa. Essa si riferisce alle arti figurative, ma anche a quelle applicate e all'architettura. In poco tempo si diffonde in vari paesi, assumendo simili caratteristiche e connotati,...
Arti Visive

Simbolismo in arte: correnti e caratteristiche

Il termine Simbolismo sta a indicare un movimento culturale originatosi in Francia alla fine del XIX secolo. Questa corrente artistica interessa soprattutto il campo della letteratura, i cui principali esponenti sono Rimbaud, Verlaine, Baudelaire, per...
Arti Visive

La pittura a tempera: strumenti e tecniche

La pittura a tempera è una delle forme artistiche più antiche: era infatti giá utilizzata da Egizi, Greci e Romani. Il nome deriva dal latino “temperare” ovvero mescolare. Per tempera si intende infatti quella tecnica che usa pigmenti in polvere...
Mostre e Musei

Come organizzare una visita ai musei austriaci

Se non abbiamo mai visto l'Austria e quest'anno vogliamo organizzare una visita ai musei austriaci, decidiamo se andare a Vienna o a Salisburgo. Questo facilita gli spostamenti se il tempo che abbiamo è poco. Se la vacanza dura qualche mese aumentano...
Arti Visive

Hayez: vita e opere

Francesco Hayez (Venezia 1791-Milano 1882), ultimo di 5 fratelli, è considerato il caposcuola del Romanticismo italiano. Nato in una famiglia povera (padre di origini francesi, madre veneta) viene affidato alla zia sposata con un mercante amante della...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.