L'Architettura egiziana

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

L'Egitto ha visto sorgere una delle civiltà più antiche e geniali. L'affascinante attività creativa degli egizi, non solo dal punto di vista della tecnica e dell'innovazione, ma anche e sopratutto dal punto di vista artistico, ha lasciato un segno indelebile nella storia dell'umanità. L'architettura egiziana nasce come strumento per dare forma all'idea dei regnanti di indistruttibilità ed eternità. Un tema onnipresente nelle varie strutture create ad arte. Vediamo insieme le più importanti.

25

Le tombe

Il palazzo (la casa del sovrano), il Tempio (la casa di Dio) e la tomba (la casa del morto) sono espressioni di arte per il popolo del Nilo. La tomba era, come il Tempio, il più importante monumento, tramite d'immortalità, mausoleo e luogo eterno (non a caso, infatti, il defunto veniva seppellito con tutti gli oggetti utilizzati in vità). Durante questo periodo, la tomba si presenta come un tumulo architettonico di forma tronco-piramidale, chiamato Mastaba, costruito con mattoni crudi o calcare a blocchi.

35

Le piramidi

Premesso ciò, il tipo di sepoltura più famoso è quello piramidale, nato come forma "a gradoni", sviluppatosi in seguito con la forma che tutti conosciamo, ossia la piramide perfetta. La piramide più importante e nota è quella di Cheope, in cui, oltre la sala contenente il sarcofago del faraone, vi è anche la “camera della regina” e la “camera del re”; le varie camere sono collegate tra di loro da una serie di cunicoli e corridoi, il cui unico accesso esterno, posto a 15 metri dal suolo, era chiuso e dissimulato dal rivestimento in calcare.

Continua la lettura
45

I templi

Altro tema fondamentale nell'architettura egiziana è quello del Tempio, ricco di preziosi geroglifici, dove si ritrovano per la prima volta gli ordini architettonici della colonna, che, a differenza di quella greca, con il passare del tempo subisce un progressivo appesantimento delle proporzioni. La colonna, insieme alla struttura composta da architrave e piedritti, è l'elemento caratterizzante e principale del Tempio, e le sue varietà (colonne papiriforme, lotiforme e campaniforme) scandiscono i diversi stili e periodi di costruzione.

55

I palazzi

Accanto ai Templi ed alle piramidi, ci sono i palazzi destinati ai Faraoni. Questi, non si distinguevano dalle case comuni in fatto di materiali (mattoni di fango e tronchi di palma), ma solo per l'ampiezza e la ricchezza degli ambienti, caratterizzati da porticati, giardini e chioschi. Di grande importanza è il palazzo di Ramses III a Medinet-Habu, in cui si susseguono vari ambienti ad andamento abbastanza libero, destinati principalmente allo svago del faraone.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Guida all'architettura razionale

Siamo ben pronti e lieti, d'affrontare, in questo articolo, un argomento alquanto interessante ed anche molto amato dai nostri lettori. Stiamo parlando dell'architettura ed in particolare modo cercheremo di offrire, una guida, pratica e del tutto efficace,...
Arti Visive

L'architettura nell'età imperiale

Quando si parla dell'architettura dell' età imperiale, torniamo indietro nel tempo e precisamente nel 29 a. C. Quando vi fu l’ ascesa al potere di Augusto che promosse una versione monumentale di Roma, la Genus Iulia, accanto ad una idealizzata immagine...
Arti Visive

L'architettura nel Rinascimento

L'architettura nuova del '400, rispetto al periodo del Gotico, possedeva delle regole nuove. Infatti, nella meravigliosa Firenze, cominciò un processo di revisione, grazie anche all'ausilio dell'ingegnere italiano Filippo Brunelleschi, che diede un aspetto...
Arti Visive

Breve guida sull'architettura gotica

L'arte e l'architettura di stile gotico si sono diffusi nel continente europeo all'incirca a partire dalla metà del 1100. In tale periodo storico le popolazioni europee hanno avuto notevoli mutamenti sociali ed economici, con la decadenza della nobiltà...
Arti Visive

Architettura: i principali esponenti del 700

Il Settecento fu un secolo caratterizzato da una grande alternanza di stili architettonici. Nei primi anni, infatti, era ancora in voga il Barocco, lo stile che aveva dominato il secolo precedente, che poi si evolse nel Rococò. Dalla seconda metà del...
Arti Visive

Architettura e scultura romanica: breve guida

L'arte romanica è un'eredità che ci proviene nei secoli. Essa si afferma intorno all'anno Mille in un periodo in cui l'Europa stava vivendo una grande fase di sviluppo. Durante questo periodo storico vennero erette grandiose abbazie e molte cattedrali...
Arti Visive

Architettura: i principali esponenti del razionalismo italiano

La corrente architettonica del razionalismo si sviluppò in Italia tra gli anni venti e gli anni trenta del ventesimo secolo. Tale movimento nacque dall'idea di un gruppo di architetti: Luigi Figini, Gino Pollini, Ubaldo Castagnoli, Guido Frette, Carlo...
Arti Visive

Come disegnare una colonna dorica

L'arte e l'architettura contemporanee sono debitrici in gran parte all'antica Grecia. Fu infatti in questo paese, tra il V e il IV secolo a. C., che si fondarono le basi della società moderna occidentale: non a caso la Grecia viene considerata la culla...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.