L'arte Longobarda

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

La bellezza delle opere d'arte italiane affascina ogni anno milioni di visitatori, ma per comprendere pienamente il suo valore occorre anche conoscere la sua storia; molto spesso, infatti, sono gli stessi Italiani ad ignorare le origini dei capolavori delle loro città. L'Italia fin dai tempi più remoti è stata terra di passaggio di numerosi popoli che hanno lasciato traccia della loro cultura soprattutto attraverso la costruzione di edifici. Uno dei popoli che ha abitato la nostra penisola per secoli è quello dei Longobardi, stirpe germanica che nel 568, sotto la guida di Alboino raggiunse la nostra terra. L'arte Longobarda sopravvive ancora nelle nostre città.

24

Città con architetture e sculture longobarde

Cividale del Friuli, in provincia di Udine è la città che ha le architetture e le sculture longobarde meglio conservate. Tra queste spicca l’Altare del duca Ratchis, eseguito tra il 734 e il 744 (quando il duca Ratchis ricoprì la carica di duca del Friuli). Fu Realizzato da un artista anonimo ed è formato da quattro lastre di pietra da Aurisina. Nel prospetto frontale si trova il bassorilievo della Majestas Domini, che raffigura Cristo che sale al cielo rinchiuso in una mandorla arborea, sollevata da quattro angeli.

34

Il tempietto di Santa Maria in Valle

Sempre a Cividale, il Tempietto di Santa Maria in Valle risale all’ VIII secolo, ed è un edificio rettangolare coperto da tre volte a botte poggiate su colonne. L’ingresso si trovava nella parte ovest ed è qui che ci sono i resti meglio conservati. I mosaici che ricoprivano l’abside e gli affreschi sono andati quasi completamente perduti. Sono molto significative le decorazioni di stucco, che all'epoca era formato da calce, polvere di marmo e acqua, e veniva lavorato quando era solido e secco. La contro facciata ha un arco con foglie, grappoli d’uva, fiori e rose che ricordano lo stile bizantino (Cividale era bizantina prima dell’arrivo dei barbari). Le statue, molto ben conservate, hanno forma longilinea e i panneggi degli abiti gli danno un senso di movimento e leggerezza e accentuano la volumetria. Lo stile del Tempietto riprende modelli classici, ma si nota la scuola longobarda soprattutto nei fregi decorativi.

Continua la lettura
44

Fregi decorativi

La scena è incorniciata da un motivo ornamentale e al centro c’è la figura di Cristo, che è più grande di tutte le altre a simbolo della maggiore importanza che riveste. La figura è affiancata da due angeli ed è inserita in una mandorla, che nell'iconografia medievale simboleggia la gloria divina. La mandorla è formata da quattro rami tenuti ai lati da altrettanti angeli, come a volerla portare in cielo, azione rappresentata simbolicamente dalle mani molto grandi. La composizione è schematica e abbozzata, tutti gli spazi vuoti sono stati riempiti da fiori e croci disposti in apparente casualità, come a riempire dei vuoti che fanno paura.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Arte Nouveau: storia, stile e maggiori esponenti

L'Arte "Nouveau" si colloca tra la fine del 1800 e l'inizio del 1900 in Europa. Essa si riferisce alle arti figurative, ma anche a quelle applicate e all'architettura. In poco tempo si diffonde in vari paesi, assumendo simili caratteristiche e connotati,...
Arti Visive

Arte Romanica e Gotica

L'Italia è un paese ricco di storia, arte e cultura. Dopo l'anno mille vi fu un fortissimo fermento culturale. L'arte che all'epoca rappresentava la massima espressione del concetto di "cultura", fu ovviamente coinvolta. Negli anni successivi al 1000...
Arti Visive

L'arte celtica

Ogni qualvolta si parla di arte, è abbastanza semplice ricordare quelle più conosciute e più famose. Però sono esistiti diversi popoli che hanno diffuso, se anche per poco tempo, una nuova arte. Mi riferisco in questo caso all'arte Celtica che si...
Arti Visive

Arte nella Civiltà Mesopotamica

Con arte mesopotamica si intende l'arte sviluppatasi in Mesopotamia nel IV millennio a. C, quando l'unificazione era un intento ma ancora un miraggio. Una regione del Vicino Oriente, invasa da ogni sorta di popolo e situata nella mezzaluna fertile, ossia...
Arti Visive

Arte povera: storia, stile e maggiori esponenti

L'arte è una disciplina molto importante, perché ci permette di conoscere e comprendere alla perfezione tutte le opere realizzare dai vari artisti negli anni, collocandoli in particolari correnti artistiche che ci consentono di comprendere in maniera...
Arti Visive

Breve guida sull'arte islamica

Quando si parla di arte naturalmente si intende ogni forma proveniente dall'estro di una persona definita artista. Non necessariamente deve avere a che fare con la pittura o la scultura, ma arte può essere anche quella di strada per esempio apprezzabile...
Arti Visive

Come diventare fotografo di arte contemporanea

L'arte contemporanea, a differenza di quanto chi si affaccia sui suoi panorami per la prima volta possa pensare, si differenzia dall'arte moderna. Quest'ultima infatti si riferisce esclusivamente ad un periodo che precede i nostri tempi, posizionandosi...
Arti Visive

5 app per esplorare l'arte

Oggi è possibile esplorare l'arte direttamente da casa propria, utilizzando smartphone e tablet. Grazie alle moderne tecnologie, infatti, anche chi non può viaggiare può comunque girovagare tra musei ed esposizioni virtuali. Ci sono molte app che consentono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.