La certosa di Pavia

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Tra le innumerevoli attrazioni turistiche di Pavia, una che sicuramente occupa un posto di notevole importanza è il monastero della Certosa. Esso è situato nell'omonimo comune distante da Pavia circa 9 Km ed anticamente, prendeva il nome di "Torre del Mangano" tratto della torre medioevale che racchiudeva una macchina da guerra costruita per scagliare le pietre contro i nemici. Oggi, il monastero è abitato dai Monaci Cistercensi. Nei prossimi passi della guida, ci occuperemo di illustrare più nel dettaglio questo magnifico e suggestivo luogo.

28

La storia

Il monastero Certosa di Pavia, deve le sue antichissime origini a Gian Galeazzo Maria Visconti il quale volle la sua costruzione come mausoleo sepolcrale per la tutta la sua famiglia. Nove anni prima, la moglie Caterina Visconti, aveva mantenuto il voto di costruire un rifugio per i monaci. Visitando il monastero, vi è prova di questo dalla presenza di ventiquattro celle dei Certosini dietro la struttura. Ogni cella presenta un giardino all'ingresso dove i monaci si dedicavano alla preghiera e al lavoro. Ancora oggi tutto questo avviene giornalmente, infatti i monaci che abitano lì, sono dediti alla preghera e ad lavoro!

38

L'ingresso della basilica

La Basilica si presenta in una magnifica e splendida struttura imponente. D'avanti la chiesa parrocchiale dedicata a San Michele che è il patrone del paese, potete ammirare la maestosità della porta merlata che dà accesso al grande parco visconteo, che all'epoca collegava il Castello di Pavia alla Certosa. L'ingresso che conduce alla Basilica, presenta una porta di marmo scolpita con le medaglie di Gian Galeazzo Visconti e Filippo Maria Visconti che è sicuramente unica al mondo nel suo genere. Percorrendo tutto il percorso dall'ingresso, si presenta un grande cortile lungo dove è situato il Palazzo Ducale che è stato fatto costruire da Frate Maria Richino.

Continua la lettura
48

La facciata della Certosa

Percorrendo l'intero cortile, potrete ammirare la maestosa facciata della Certosa in stile barocco. Alla sua base sono presenti sessanta medaglioni raffiguranti le testi di re ed imperatori, numerosi stemmi e medaglie. La costruzione di tale facciata ha origini antichissime e risale al 1490. Qui si apprezzano le sculture che raccontano la storia dell'uomo, dal peccato originale fino alla morte di Cristo.

58

Dettagli della Certosa

Il portale superiore della facciata è stato realizzato da Cristoforo Lombardo e dai suoi allievi, ed è arricchita delle statue di Galeazzo Visconti, di San Brunone e dei quattro Arcangeli. Inoltre, i fianchi della struttura si presentano in terracotta ed i pinnacoli non sono mai stati terminati. Da notare ed ammirare, sono senza dubbio le decorazioni dei bassorilievi che raccontano, da una parte, la storia di San Siro, San Ambrogio, della Vergine e quant'altro, e dall'altra, la traslazione dei resti di Gian Galeazzo e la consacrazione della Certosa.

68

La cancellata

Anche la meraviglia cancellata in ferro battuto e bronzo è un opera che merita di essere apprezzata. Essa risalente al 1600 e vi sono raffigurati la Vergine, le sette stelle che ricordano i primi sette certosini, due profili di Gian Galeazzo e Caterina Visconti. Alle pareti, inoltre si possono gustare gli affreschi di Daniele Crespi, mentre sul pavimento in terracotta è incisa la scritta GRA-CAR ovvero l'abbreviazione dei nomi di Gian Galeazzo e Caterina VIsconti.

78

Il trittico degli Embriachi

La visita alla Certosa di Pavia, non può tralasciare la valutazione del trittico di Baldassare degli Embriachi che si trova nella vecchia sacrestia. Si tratta di un'opera fatta con legni pregiati, osso tinto a tartaruga e denti di ippopotami. All'interno del refettorio poi, potrai ammirare il Cenacolo, il lavabo in cotto nel Chiostro Piccolo ricco di immagini che raffigurano le Sacre Scritture e l'opera di Bernardino Luini, "Vergine con il Bambino" nella sala del lavabo.

88

Informazioni utili

Se siete in procinto di visitare la Certosa di Pavia alcune informazioni in merito agli orari ed ai periodi di visita potranno tornarci utili: da maggio a settembre, da martedì a domenica dalle 9.00 alle13.00 e dalle 14.30 alle 18.00, mentre da novembre a febbraio, dal martedì alla domenica dalle 9.00 alle 11.30 e dalle 14.30 alle 16.30. Nel mesi di aprile potrai accedere alla Certosa dal martedì alla domenica dalle 9.00 alle 11.30 e dalle 14.30 alle 17.30. L'ingresso è ad offerta.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Mostre e Musei

Guida al Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino

L'Italia è sicuramente il paese con il più vasto contenuto culturale da poter offrire. Tutto ciò viene espresso attraverso siti antichi, quadri, libri antichi statue, arazzi, e mosaici. Questo grande patrimonio viene solitamente conservato nei Musei....
Mostre e Musei

Lista sulle migliori installazioni permanenti

In questa guida troverete una lista delle migliori installazioni permanenti visitabili in Italia. Spaziano tra l'arte contemporanea e la scultura, tra l'innovazione e la tradizione, tra il misticismo e la spiritualità, ma sicuramente tutte capaci di...
Mostre e Musei

Come allestire una mostra temporanea

Chi possiede una galleria d'arte o possiede spazi adeguati da mettere a disposizione degli artisti si trova spesso nella condizione di dover allestire una mostra che, a differenza di quanto avviene nei musei o nelle pinacoteche, ha un carattere temporaneo....
Mostre e Musei

Come organizzare una mostra pittorica

Una mostra pittorica è un evento fondamentale per l'artista, che si presta a mostrare le sue opere d'arte al pubblico, con lo scopo di farle apprezzare e in alcuni casi anche vendere. La stessa mostra di per se' diventa un opera d'arte, forse la più...
Mostre e Musei

Guida al Castello Aragonese di Taranto

Il Castello Aragonese di Taranto, noto anche come Castel Sant'Angelo, è una delle attrazioni turistiche più importanti di questa città pugliese. Se stiamo organizzando una visita alla città di Taranto, non possiamo certo perderci questo gioiello dell'architettura...
Mostre e Musei

Come progettare un museo

Per museo si intende un luogo di tipo pubblico o privato in cui vengo raccolti e catalogati oggetti relativi ad uno o più settori della nostra cultura. I più comuni sono i musei dell'arte, della scienza e della tecnica. Saper progettare in modo corretto...
Mostre e Musei

Guida alla galleria Vittorio Emanuele II

Una delle attrattive principali di Milano è sicuramente la Galleria Vittorio Emanuele II, gioiello artistico della città, ma anche centro dello shopping e della moda. Da sempre considerato il salotto pubblico di Milano la Galleria può raccontare una...
Mostre e Musei

Guida al Museo di Palazzo Medici Riccardi a Firenze

Se vi ritenete degli appassionati di musei o di arte in generale, ed avete deciso di visitare il Palazzo Medici Riccardi nella città di Firenze, questa è la guida che fa al caso vostro. Grazie a questo semplice ed interessante articolo di guida potrete...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.