La Chimera in mitologia

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Nella mitologia greca, la Chimera era un mostro ibrido, figlio di Tifeo e Echidna e fratello di Cerberus e Idra di Lerna. Aveva la testa e il corpo di un leone, la testa di una capra attaccata alla sua schiena e una coda che si conclude con la testa di un serpente. La Chimera risiedeva in Licia, un luogo dell'Asia Minore dove avrebbe devastato le terre con il suo alito di fuoco. Si racconta poi che fu uccisa da Bellerofonte, assistito da Pegaso, su richiesta del re Lobate di Licia. Bellerofonte avrebbe cavalcato Pegaso, che sapeva volare, ed avrebbe sparato frecce alla Chimera dall'alto.

24

L'aspetto

L'aspetto della Chimera è diverso a seconda della fonte chiamata in causa. Talvolta è in grado di sputare fuoco, altre volte no. Spesso è dotata di due - in alcuni casi anche tre - teste e una coda di serpente. La sua descrizione più antica giunta fino a noi è quella attribuita ad Omero nell'Iliade. La chimera ha una testi di leone, il petto di capra e la coda di drago. Dalla bocca "vomitava" vampe di fuoco.
Nell'araldica il suo aspetto, sebbene sempre basato sulla figura mitologia greca, è variabile. A volte è raffigurata con la testa di una donna, in altre rappresentazione appaiono caratteristiche tipiche dell'aquila. E la lista potrebbe continuare.

34

L'attività

Secondo il mito è stata allevata dal sovrano Amissodore. La Chimera era sfruttata da quest'ultimo allo scopo di terrorizzare gli abitanti della Licia (odierna Turchia), fino a quando non incontrò la sua fine per mano dell'eroe Bellerofonte.
Bellerofonte venne infatti costretto a darle la caccia da Preto (Re di Tirinto) per volontà della moglie Stenebea. Ella, frustrata dal non essere riuscita a sedurre l'eroe, pretese con l'inganno la sua morte dal marito.

Continua la lettura
44

La sua morte

Costretto dalle leggi dell'ospitalità, Preto inviò quindi Bellerofonte alla corte di Lobate, suo suocero e sovrano della Licia, che per le medesime leggi assegnò all'eroe quella che, secondo i suoi piani, avrebbe dovuto risultare una missione suicida: l'assassinio della Chimera.
Bellerofonte, dietro consiglio dell'indovino Polibo e grazie all'ausilio della dea Minerva, ottenne l'aiuto del cavallo alato Pegaso durante la sua caccia al mostro.
La Chimera tuttavia sembrò dimostrarsi del tutto invulnerabile. Per questo motivo l'eroe gettò la punta della sua lancia tra le fauci della chimera. Fu in questo modo che il piombo di cui era composta si fuse una volta a contatto con le fiamme emanate dalla fiera che così infine morì, definitivamente soffocata.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Letteratura

Gli dei della mitologia greca

Le mitologie predominanti tramandate nel corso dei secoli sono quelle dei Greci e dei Romani. La mitologia di ogni cultura comprende dei e dee che hanno interagito con gli esseri umani, con le buone, cattive e indifferenti motivazioni. La cultura greca...
Letteratura

Il grifone in mitologia

La storia della letteratura è ricca di miti e leggende, che si sono sviluppate praticamente all'interno di ogni popolazione e di ogni civiltà del mondo. Nel Medioevo, si compilavano i cosiddetti "Bestiari", ovvero libri in cui si elencavano tutti gli...
Letteratura

Come nasce il mito delle sirene

Se pensiamo alle sirene, ci viene subito in mente l'immagine di splendide creature per metà umane e per metà pesci, capaci di ammaliare con il loro fascino. Possiamo trovare storie sul loro conto in qualsiasi ambito della narrativa, dalle favole per...
Letteratura

Guida alle opere di J.R.R. Tolkien

John Ronald Reuel Tolkien, o meglio conosciuto come J. R. R. Tolkien, è stato uno degli scrittori più prolifici e influenti del XX secolo. I suoi libri hanno contribuito a far conoscere alle grandi masse e ridisegnare l'intero genere fantasy. Ha influenzato...
Letteratura

Giovanni Pascoli: Myricae e poetica

Giovanni Pascoli, il cui vero nome è Giovanni Agostino Placido Pascoli, nasce il 31 di Maggio del 1885 (san Mauro di romagna), cessa di vivere a Bologna nel 1912 (6 Aprile). Molte le sue produzioni letterarie ed i componimenti poetici che lo hanno immortalato...
Letteratura

Divina Commedia: guida al VI Canto

La Divina Commedia è l'opera più celebre di Dante Alighieri. Scritta tra il 1304 ed il 1341 (anni del suo esilio in Lunigiana e Romagna) è un'importante testimonianza della civiltà medievale fiorentina. Il VI Canto dell'Inferno, si svolge nel terzo...
Letteratura

La letteratura fantasy

Le origini della letteratura fantasy si possono collocare intorno alla seconda metà del 1800. Gli autori che si sono cimentati in questo genere sono diversi e cercheremo di analizzare quelle che sono le opere principali di questi autori e di illustrare...
Letteratura

Le divinità dell'Olimpo

I Greci erano politeisti e pregavano le molte divinità per ottenere le loro grazie.La mitologia greca è affascinante e ancora oggi ai licei si studia la storia e le origini delle gesta degli dei dando origine così a miti e leggende, creando eroi, culti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.