La musica nella tradizione napoletana

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La musica riveste un ruolo fondamentale nello sviluppo e nella storia della civiltà. Ogni popolo ha una propria tradizione musicale con sonorità precise che la contraddistinguono rendendola unica ed inimitabile. E se questa affermazione è vera per la maggior parte dei popoli lo è ancora di più per la famosissima canzone napoletana, ancora attuale. La storia della musica napoletana costituisce un caso a se' sia per la ricchezza della produzione sia per il "raggio" di diffusione, in crescente espansione. Nella guida che segue cercheremo di comprendere meglio il ruolo e la concezione della musica nella tradizione napoletana attraverso i secoli citando anche quelli che potrebbero essere gli "orizzonti" per il futuro.

26

Occorrente

  • Desiderio di approfondire la conoscenza della tradizione musicale napoletana
36

La tradizionale classica napoletana

Nell'Ottocento si assiste ad un fenomeno del tutto nuovo che consacra, inevitabilmente la musica di questo secolo come quella 'tradizionale classica napoletana': si tratta della nascita delle prime case editrici musicali che consentono una diffusione massima del repertorio partenopeo ben oltre i confini regionali. Tali novità, unite agli importanti flussi migratori all'esterno del nostro paese (durati fino alla seconda metà del Novecento) hanno consentito una diffusione capillare della tradizione napoletana anche oltre oceano. Ed è proprio qui, nel nuovo continente che le sonorità napoletane incontrano il jazz, e lo swing e finiscono per creare insoliti "ibridi" dell'esito interessantissimo ed unico.

46

I tipici canti intonati

Le villanelle, i tipici canti intonati dalle lavandaie che si recavano al fiume per lavare i panni. Si trattava di musiche dolci, simili a ninne nanne, vere e proprie litanie che hanno caratterizzato la musica napoletana del Cinquecento. Il secolo seguente, il Seicento, vede invece l'affermarsi di quella che sarebbe poi divenuta l'emblema della canzone napoletana tipica: la tarantella derivata dal tarantismo pugliese. Essa si presenta con un ritmo incalzante, molto coinvolgente e viene ballata, oggi come allora, fino allo sfinimento. Il Seicento, secolo barocco per eccellenza, si arricchisce di spartiti allegri, ballabili, popolari, che sono arrivati fino a noi; tale energia perdura per tutto il Settecento sconfinando anche nelle opere teatrali.

Continua la lettura
56

I vari generi

Infine, gli ultimi decenni del Novecento hanno confermato il primato della tradizione musicale napoletana ed hanno visto il proliferare di vari generi che, pur conservando la forte matrice dialettale, hanno orientato i contenuti nelle direzioni più impreviste e disparate: si va dalla musica demenziale, a quella neomelodica, passando per il rap fino alla musica elettronica senza dimenticare il trip-hop dai contenuti sociali e politici. La canzone napoletana è ancora oggi molto diffusa ed apprezzata e i potenziali sviluppi per il futuro sono ancora tanti.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Documentarsi sempre preventivamente sulla storia e le origini del genere musicale

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Musica

Come suonare la tarantella napoletana

Sapere suonare delle musiche di origini molto antiche che accompagnano balli tradizionali è il sogno di numerosi musicisti, ma non sempre è un impresa semplice da adempiere in quanto l'utilizzo degli strumenti tipici non è di facile apprendimento....
Musica

Storia della canzone italiana

Nota in tutto il mondo dove, storicamente, ha dettato le regole e i modi del bel canto o del "canto all'italiana", la canzone italiana ha una lunga storia, che può essere fatta risalire al 1700 ed arriva fino ai nostri giorni, diversificandosi in generi...
Mostre e Musei

Come e perchè visitare il museo di Pulcinella ad Acerra

Nel comune partenopeo di Acerra esiste un museo itinerante davvero originale ed inusuale, molto diverso dai tanti altri musei folkloristici sparsi sul territorio italiano ed, in particolare, su quello campano. Acerra ha dedicato questo museo alla figura...
Letteratura

Breve storia della letteratura italiana

In questa guida troverete un breve excursus sulla storia della letteratura italiana che parte dal Duecento e procede fino ai nostri giorni in un intreccio di generi e influenze difficili da delineare. Il secolo XIII, dunque, vede la nascita della letteratura...
Musica

Guida ai più famosi chitarristi del mondo

La musica è un linguaggio universale, che in qualsiasi forma e genere appassiona gli individui di tutto il mondo. Gli amanti del genere rock, in genere sono anche coloro a cui piacciono molto strumenti come la batteria, ed in particolar modo la chitarra....
Arti Visive

Breve storia dell'arte moderna

L'arte moderna rappresenta un insieme di idee in evoluzione tra un certo numero di pittori, scultori, scrittori ed artisti che, sia individualmente che collettivamente, hanno cercato dei nuovi approcci nel creare arte. Anche se l'arte moderna è iniziata,...
Musica

Domenico Scarlatti: vita e opere

Domenico Scarlatti nasce in Campania, a Napoli nel 1685 ed è il sesto di dieci figli del celebre compositore Alessandro Scarlatti, che fu anche insegnante ed esponente di punta della Scuola Napoletana. Domenico è un clavicembalista classificato come...
Recitazione

Guida ai teatri di Napoli

Napoli è una città che ha un patrimonio storico, artistico e culturale enorme, conosciuto ed ammirato in tutto il mondo; motivo per cui sono sempre numerosi i turisti provenienti da tutto il mondo ogni anno che accorrono nel capoluogo campano. Per quanto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.