La pittura nell'arte romana

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

L'arte della pittura ha da sempre affascinato l'uomo e le popolazioni, ed è stata tra le prime forme di comunicazione che siano state inventate. Nel corso dei secoli, le popolazioni hanno sfornato artisti da tutto il mondo che, grazie alle influenze e al genio artistico, hanno creato quadri e pitture rimaste nella memoria e nel cuore delle persone. Una delle più belle testimonianze dell'arte rimane la pittura romana. In questa guida vedremo di approfondire ancora di più qualcosa riguardo all'arte romana.

24

Le figure compendarie

Secondo gli schemi fissi, nacquero dalla pittura a memoria le figure "compendarie", cioè tracciate con tocco rapido a macchie di pochi colori distinte in zone di ombra e luce ricomposte dall'osservatore mentalmente. Fino ai primi decenni del I secolo, i caratteri stilistici delle decorazioni parietali vengono analizzati attraverso le opere pervenuteci dagli scavi di Pompei, Ercolano e Stabia. La conservazione delle decorazioni, degli oggetti d'arte, artigianali e di uso quotidiano fu favorita dall'eruzione che nel 79 d. C. Distrusse le città campane. Queste opere esprimono un vivo naturalismo sottolineando la tendenza ellenistica che raffigurava lo spazio tridimensionale mediante l'uso del chiaroscuro e della prospettiva.

34

Lo stile a incrostazione

Nel Primo stile (200 a. C. - 90 a. C.), Vitruvio scrive che "gli antichi che avviarono la moda della decorazione parietale all'inizio imitarono i diversi tipi ed il collocamento dei rivestimenti in marmo ed in seguito le diverse disposizioni di cornici e blocchi". Dunque questo stile detto "a incrostazione", decorava le pareti in modo da fingere il marmo o altri materiali. Nel Secondo stile (90 a. C. - 20 a. C.) i pittori riproducevano nel corso del I secolo a. C. Lo spazio tramite princìpi di illusionismo prospettico e le pitture erano ispirate all'imitazione dei rilievi architettonici. Invece a partire dalla seconda metà del secolo, la fantasia prese il sopravvento e le pareti con aspetto scenografico si aprivano all'esterno in impossibili "padiglioni" e "nicchie".

Continua la lettura
44

Il terzo e il quarto stile

Nel Terzo stile (20 a. C.-50 d. C.) la ridondanza cui era pervenuto il secondo stile nella sua ultima fase con l' età augustea, lasciò il posto ad una pittura più equilibrata e serena. Si aprivano al centro della parete ampi spazi in cui pitture di paesaggio si alternano a temi mitologici. Nel Quarto stile (50 d. C. - 79 d. C.), in forma più sontuosa e teatrale, vennero riproposte le scenografie architettoniche del secondo stile. Comparvero piccole figure, stucchi e finti tendaggi, in un cromatismo acceso ricco di contrasti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Mostre e Musei

Come visitare il Museo Archeologico Nazionale di Madrid

Nel 1867, grazie al decreto Regio di Isabella II, l'allora sovrano Spagnolo Filippo III fondò il Museo Archeologico Nazionale di Madrid (Museo arqueológico nacional de España in lingua originale). Creato con lo scopo di conservare, classificare ed...
Mostre e Musei

Le mostre archeologiche più belle d'Italia

Le mostre archeologiche prevedono degli itinerari che portano indietro nel tempo per rivivere la storia di quei luoghi che hanno testimoniato la nascita della cultura tradizionale. Visitare gli itinerari archeologici non è solo sintomo di desiderio di...
Mostre e Musei

Le caratteristiche dell'arte gotica

All'interno della presente guida, la tematica che andremo a sviluppare riguarderà la materia dell'arte. Essendo più precisi, ci occuperemo di arte gotica. Infatti, come avrete potuto leggere attraverso il titolo che accompagna questa guida, ora andremo...
Arti Visive

L'architettura nell'età imperiale

Quando si parla dell'architettura dell' età imperiale, torniamo indietro nel tempo e precisamente nel 29 a. C. Quando vi fu l’ ascesa al potere di Augusto che promosse una versione monumentale di Roma, la Genus Iulia, accanto ad una idealizzata immagine...
Letteratura

Arte: i principali esponenti del neoclassicismo

Barocco e Rococò sono due correnti artistiche caratterizzate dallo sfarzo, dal lusso e dall'esagerazione. Il XVII secolo, infatti, fu oberato proprio da questo stile fantasioso, bizzarro e potente, il quale andò a scatenare, tra la seconda metà del...
Arti Visive

Filippo Rusuti: biografia e dipinti

Il pittore italiano Filippo Rusuti, esponente della Scuola Romana attiva alla fine del XIII secolo, visse tra il 1255 e il 1325 e operò principalmente a Roma e a Napoli. Artista versatile, fu allievo e compagno di Jacopo Torriti e Pietro Cavallini, anch’essi...
Arti Visive

Jacques Louis David: vita e opere

Jacques Louis David introdusse il neoclassicismo in Francia, maturato dai viaggi che egli fece per visitare Roma e quindi dagli studi che approfondì sulle opere italiane. Dopo il 1789 passò ad uno stile Realistico per rappresentare in maniera migliore...
Arti Visive

I capolavori di Giotto

Giotto di Bondone è uno dei massimi rappresentanti della pittura medievale italiana e i suoi capolavori sono di fama mondiale. Pittore e architetto, nacque a Colle di Vespignano intorno al 1266-67. Ebbe vastissima fama presso i contemporanei, come testimoniano...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.