La scultura nell'arte etrusca

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

La civiltà Etrusca si affermò nella regione compresa tra il fiume Arno e il fiume Tevere, tra il IX e l'VIII secolo a. C. E poi, alla fine del VII secolo a. C. Gli Etruschi si estesero a Sud, nel Lazio, nella Campania e poi anche nel Nord nella Pianura Padana. L' arte Etrusca trovò congeniale la scultura, più delle altre arti, sia per il crudo realismo, che per l' immediatezza di esecuzione e per la forte espressività.

24

La produzione della ceramica

Gli Etruschi primeggiarono nella produzione della ceramica, con la quale venivano realizzati sarcofagi, statue per la decorazione di templi e suppellettili. Nella città di Veio si vantava un' importante scuola di tecnica di lavorazione della terracotta detta "Coroplastica"; fu importante lo scultore Vulca, l' unico etrusco di cui si sia tramandato il nome. Di quest' artista ricordiamo la statua di "Apollo" in terracotta, dal tempio di Portonaccio a Veio, del 500 a. C.

34

Le sculture in bronzo

In particolare gli Etruschi erano anche molto abili nella realizzazione di sculture in bronzo. Le opere databili tra la fine del V secolo a. C. E i primi decenni del IV secolo a. C. Ci mostrano una tecnica raffinatissima. Tra le sculture più conosciute ricordiamo l' Arringatore del Trasimeno (nell' immagine principale) e La Chimera di Arezzo (nella foto qui accanto). Quest'ultima evidenzia l'influsso della stilizzazione greca ionica, ma ciò che più colpisce è l'accentuazione espressiva. Secondo la mitologia, la chimera era un terribile mostro che sputava fuoco; aveva corpo di capra, testa di leone e coda di serpente. L'opera è stata oggetto di due restauri.

Continua la lettura
44

L'argilla

I primi esempi di scultura risalgono all' età arcaica (sec. VII-VI a. C.) e sono stati rinvenuti nel territorio di Chiusi: i "canòpi", urne in terracotta o in bronzo che contenevano le ceneri del defunto, e il coperchio ne raffigurava il ritratto stilizzato. Poi si diffuse nel VI secolo a. C. L' uso di riprodurre nelle coperture dei sarcofagi i defunti così com'erano in vita, spesso in atteggiamento conviviale. La mancanza del nudo testimonia la scarsa tendenza a idealizzare le immagini. I ritratti etruschi sono realistici. Questo popolo preferisce l'argilla modellata dalle mani. Nella foto Sarcofago detto degli sposi, in terracotta, circa 520 a. C. Abbiamo un esempio dell' arte etrusca, e qui i due sposi sono raffigurati con tratti essenziali, ma fedeli alle loro fattezze. Per quanto riguarda la somiglianza dei due volti, c'è una tendenza alla tipizzazione. Il loro sguardo enigmatico ed impenetrabile e il loro sorriso avvolgono le figure in un alone di mistero.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

La scultura nell'arte gotica

Il periodo in cui si diffuse l'arte gotica fu un momento di profonda trasformazione, nel quale si rafforzarono le monarchie nazionali in Europa; stiamo parlando del XII secolo, ma successivamente nel XIII secolo il gotico si propagò anche in Italia....
Arti Visive

La pittura dell'arte etrusca

In qualsiasi epoca, l'Italia ha conosciuto diversi stili di arte con relativi artisti che fanno parte della storia del paese. Per arte etrusca, si intende lo stile artistico che si è sviluppato nei territori che vanno da nord di Roma fino ad arrivare...
Arti Visive

Il Romanticismo nell'arte

Per Romanticismo si intende quel periodo che parte dai primi anni dell'Ottocento e che continua per tutto l'intero secolo. L'arte romantica si sviluppa principalmente in Germania, per poi diffondersi in altri Paesi europei come la Spagna, la Francia,...
Arti Visive

La pittura nell' arte gotica

Nel periodo in cui iniziò ad affermarsi nell'arte gotica, la borghesia cittadina si oppose alla nobiltà feudale e riuscì così ad avere una funzione sociale e civile molto determinante. Come avvenne per la scultura, anche la pittura ebbe soggetti religiosi....
Arti Visive

Il Futurismo nell'arte

Futurismo è una movimento artistico e letterario di avanguardia, nato in Italia ma estesosi a tutta l'Europa, che ha preso piede nella prima metà del Novecento, la cui principale caratteristica è la forte di volontà di rompere con la tradizione passato....
Arti Visive

La pittura nell'arte romana

L'arte della pittura ha da sempre affascinato l'uomo e le popolazioni, ed è stata tra le prime forme di comunicazione che siano state inventate. Nel corso dei secoli, le popolazioni hanno sfornato artisti da tutto il mondo che, grazie alle influenze...
Arti Visive

Architettura e scultura romanica: breve guida

L'arte romanica è un'eredità che ci proviene nei secoli. Essa si afferma intorno all'anno Mille in un periodo in cui l'Europa stava vivendo una grande fase di sviluppo. Durante questo periodo storico vennero erette grandiose abbazie e molte cattedrali...
Arti Visive

Scultura: i principali esponenti del 700

La scultura offre un panorama immenso di opere e artisti. Se molto noti sono il 1500 e il 1600 come periodi in cui la civiltà occidentale ha conosciuto un susseguirsi particolarmente florido di opere artistiche e scultorie, è altrettanto vero che anche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.