La street art di Banksy

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Sono molto felice di parlarvi di Banksy, un artista di street art presumibilmente inglese. Nato probabilmente a Bristol negli anni Settanta, la sua identità è sconosciuta, avendo scelto di rimanere avvolto nel mistero. Questo fatto, cioè di poter avere in vantaggi della notorietà senza i suoi inconvenienti, ha suscitato l'ammirazione, condita con un pizzico di invidia, di celebrità perseguitate dai fotografi senza alcuna pietà. I suoi lavori di guerilla art, eseguiti principalmente con la tecnica dello stencil, sono particolarmente ironici e dissacranti e lo hanno reso noto in tutto il mondo. Degno di nota anche il suo documentario sul mondo street. Banksy, il nostro supereroe della pittura, un po' Spiderman, un po' Ralph Supermaxieroe...

26

Se credete di poter trovare i lavori di Banksy solo in strada vi sbagliate: per sua iniziativa, i suoi lavori si materializzano nei musei più importanti al mondo. Però sono camuffati in mezzo ad altri quadri importanti, si mimetizzano con essi. Solo un'attenta osservazione rivela l'aggiunta ironica di particolari anacronistici che non c'entrano nulla. Ha voluto sfruttare in modo per così dire avventuroso la noia che caratterizza i sorveglianti dei musei: spesso passano giorni prima che essi si accorgano del suo scherzo. Essendo famoso, a volte le sue opere rimangono nei musei in cui le ha furtivamente introdotte: per esempio, nella sezione archeologica del British Museum, accanto a ritrovamenti millenari ora figura un finto reperto archeologico preistorico, rappresentato da un uomo col carrello della spesa, come se fosse un graffito primitivo (a ognuno i resti della propria civiltà, poiché la nostra è consumistica). Ma chi sarà mai stato a mettercelo? Indovinate un po'.

36

Non è possibile catalogare il numero di suoi graffiti sparsi per il mondo, poiché sono molti gli artisti che si divertono ad imitarlo, senza rendersi conto che in questo modo, non diversamente dall'Obey di Fairey, non fanno altro che contribuire all'accrescersi della sua fama. I suoi lavori spesso non durano che qualche giorno, a causa della ripulitura dei muri “imbrattati”. Per fortuna che esiste la fotografia. Tali immagini così fanno il giro del mondo, attraverso il web e i social network. I nuovi media vengono indubbiamente sfruttati: non molto tempo fa i turisti di N. Y. Sono stati trasformati in cacciatori di taglie, in quanto Bansky aveva lanciato loro la sfida di coglierlo sul fatto mentre realizzava un suo lavoro, smascherandolo.

Continua la lettura
46

Le classiche città, cornici delle sue “toccate e fuga”, sono le grandi capitali europee: Londra, Parigi e Berlino. Anche l’America non sfugge ai suoi stencil, ma risulta molto ambizioso il progetto realizzato in Cisgiordania, per cui su muri logorati dal tempo ha realizzato trompe-l'œil di squarci che lasciano intravvedere pezzi di mare cristallino e vedute bellissime. Ha aperto in tal modo vere e proprie finestre sul muro della Palestina. In Italia sono stati scoperti due suoi graffiti a Napoli, di cui uno rimosso. Io credo di averne trovato uno, una bellissima Catwoman fatta con lo stencil, a Parma, ma anch'essa è stata cancellata da sinistroidi ignoranti.

56

Le accuse lui rivolte vanno dal vandalismo e alla cospirazione, ed è ricercato dalla polizia; del resto la guerrilla art ha coloriture anti-capitaliste e protesta usando l'arte come mezzo. I suoi stencil deridono le guardie reali londinesi, la regina, il capitalismo, le armi, i militari, la politica, il consumismo, le icone cinematografiche oggetto di becero culto. In particolare, piuttosto celebre è l’immagine di una scena di Pulp Fiction di Tarantino, dove i due protagonisti, John Travolta e Samuel Jackson, invece di tenere in mano due pistole hanno due banane. Una sorta di parodia della parodia. Famosi sono i suoi Rats (niente a che vedere col gruppo rock), cioè ratti rappresentati con una sega, una macchina fotografica, un paracadute, una scopa oppure accostati a slogan e frasi di impatto. Un'invasione di ratti. Chissà se vogliono rappresentare gli street artist, disposti a tutto per avere successo? Popolari sono quelle immagini particolarmente ironiche che suscitano divertimento in chi le guarda come quello della camerierina che nasconde la polvere sotto il muro, oppure immagini più delicate e malinconiche che raffigurano bambini e i loro sogni spezzati, poiché questo è un mondo duro per i puri, i bambini e i sognatori.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Art Nouveau in breve

L'Art Nouveau è un movimento culturale che ha donato un enorme contributo a tutta la storia dell'arte. L'art nouveau si sviluppa storicamente in Europa alla fine dell'Ottocento ma influenza anche il primo decennio del Novecento. I primi bagliori dell'Art...
Arti Visive

Breve guida alla Pop Art

Quando parliamo di Pop Art ci riferiamo ad una tendenza artistica che si diffuse a partire dalla Gran Bretagna nel secondo Dopoguerra, durante gli Anni Cinquanta. Il nome della corrente deriva dall'espressione inglese ''popular art'', non inteso nella...
Arti Visive

Come fare un quadro in stile pop art

La pop art è una corrente artistica che nasce negli anni '50 in Gran Bretagna. Le immagini in stile pop art, colorate, divertenti e ironiche, mantengono il proprio fascino inalterato nel tempo e sono sempre di moda. La caratteristica principale che le...
Arti Visive

Art Decò: storia, stile e maggiori esponenti

L'Art Deco' trova il suo nome solo a partire dal 1960 anche se le sue radici affondano nel più remoto 1925, quando a Parigi si tenne l' Exposition Internationale des Arts Decoratifs et Industriels Modernes, ossia un'esposizione che guardava soprattutto...
Arti Visive

Andy Warhol e la Pop Art

Una rottura degli schemi dell'arte tradizionale è evidente quando si parla di Pop Art. Questa movimento, innovativo all'epoca, nacque nella seconda metà del XX secolo e vide infatti uno stravolgimento dei canoni classici dell'arte, intesa come la rappresentazione...
Arti Visive

Come dipingere pop art

In questo tutorial vi spiegheremo come dipingere il Pop Art. Se amate George Segal, ed avete i poster di Andy Warhol magari sparsi in casa, e vi state chiedendo come dipingere questa arte, siete perciò capitati nel tutorial per voi. Essa è una delle...
Arti Visive

Come dipingere con effetto trompe l'oeil

Il Trompe oeil, nella sua più pura accezione visiva, è uno stile pittorico dalle radici molto antiche utilizzato e conosciuto addirittura prima della nascita di Cristo sia negli ambienti artistici Greci che in quelli Romani. Il termine con cui lo conosciamo,...
Arti Visive

Come disegnare una cavità geometrica in prospettiva

Volete disegnare una cavità geometrica? Negli ultimi anni si è molto diffusa la tecnica dei disegni in visione prospettica, dai disegni a matita su carta, alla street art tridimensionale, fino alle rappresentazioni per gli spot pubblicitari. Questa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.