La vita di Dante Alighieri

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

La vita di Dante Alighieri inizia a Firenze nel 1265 in un periodo storico in cui la città vive una fase di straordinario sviluppo economico ma anche una situazione politica e sociale complessa. La città in seguito alle lotte tra Impero e Chiesa è divisa in due parti politiche: i Guelfi (sostenitori del papato) e i Ghibellini (sostenitori l'imperatore). Le due fazioni, in lotta tra di loro, si contendono il potere della città e si alternano nel suo governo. Nel momento in cui Firenze è comandata dai Guelfi, gli esponenti politici dei Ghibellini devono lasciare la città.

24

Dante nella Firenze ghibellina

Dante apparteneva ad una famiglia Guelfa, ma nacque in un periodo in cui Firenze era Ghibellina. Il padre Alighiero si dedicava all'attività di cambiavalute. Forse anche grazie a questa occupazione, non venne cacciato della città. In quest'epoca perfino i matrimoni venivano combinati secondo una logica politica: i guelfi sposavano i guelfi; i ghibellini sposavano i ghibellini. Anche Dante seguì questa linea, tanto che nel 1285 sposò Gemma Donati appartenente ad una famiglia Guelfa. Insieme ebbero quattro figli (Pietro, Giovanni, Antonia e Iacopo).

34

Formazione culturale e impegno politico di Dante

La sua prima formazione scolastica sarebbe stata il latino. Il primo maestro di Dante fu Brunetto Latini, un notaio, giudice e famoso letterato. Da questo maestro Dante acquisì un'idea "alta" della politica, intesa come azione al servizio dei cittadini. Dalla sua "rettorica" acquisì l'arte del dire e dello scrivere. Dante entrò presto in contatto con un gruppo di intellettuali fiorentini. Uno dei più illustri fu Guido Cavalcanti. Dante partecipò alle vicende politiche e militari della sua città. Combatté per la fazione guelfa nel 1289 a Campaldino contro la ghibellina Arezzo. Più tardi si iscrisse alla corporazione dei medici per intraprendere la sua carriera politica che fu molto intensa: fece parte del Consiglio speciale del Capitano del popolo, come Guelfo bianco fu eletto Priore. Nel 1301 presero il possesso della città i Guelfi Neri. Dante fu costretto a lasciare la città alla quale non fece più ritorno. Dante morì a Ravenna il quattordici settembre del 1321.

Continua la lettura
44

Le opere

Nei lunghi anni dell'esilio, un periodo doloroso della vita di Dante Alighieri, il poeta compose molte opere. Le più conosciute sicuramente sono: il Convivio, il De Vulgari eloquentia, Monarchia e la Commedia (in futuro, Boccaccio la rinominò Divina Commedia). Nel Convivio, composto nel 1304, Dante desidera riconquistare la sua fama che l'esilio ha offuscato. Il De Vulgari eloquentia, è un'opera composta insieme al Convivio ma è incompleta. L'obiettivo di questa opera era quello di contribuire a definire una lingua volgare "alta". La Monarchia, un trattato in latino, nel quale Dante dimostra la necessità di una divisione tra il potere spirituale e quello temporale. La Divina Commedia è l'opera più conosciuta di Dante e, sicuramente della letteratura italiana,.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Letteratura

Divina Commedia: guida al I Canto dell'Inferno

Gentili lettori, all'interno della guida che seguirà andremo a parlare di letteratura. E non di letteratura qualsiasi, bensì della Divina Commedia di Dante Alighieri. Tutta la guida e le sue argomentazioni complessive ruoteranno intorno al I canto dell'Inferno.Proveremo...
Letteratura

Divina Commedia: guida al VI Canto

La Divina Commedia è l'opera più celebre di Dante Alighieri. Scritta tra il 1304 ed il 1341 (anni del suo esilio in Lunigiana e Romagna) è un'importante testimonianza della civiltà medievale fiorentina. Il VI Canto dell'Inferno, si svolge nel terzo...
Letteratura

Appunti sul Dolce stil novo

Il Dolce stil novo è un movimento nato nella seconda metà del III secolo a Firenze. Il nome "dolce stil novo" è stato dato da Dante Alighieri, che nel canto XXIV del purgatorio definisce questa sua poetica come chiara e purificata da varie regole....
Arti Visive

Guida alle opere di Dante Gabriel Rossetti

Pittore e poeta, Dante Gabriel Rossetti, è il padre fondatore del movimento preraffaellita ed un cardine del Simbolismo, invece, per quanto riguarda la pittura. Nel 1852, sposa nel Lizzie Siddal, ovvero, la sua musa ispiratrice. In Inghilterra, in particolare,...
Letteratura

Guido Guinizzelli: opere

In questo articolo vogliamo parlare al nostri giovani lettori di quali siano le opere del grande poeta Guido Guinizzelli. Cercheremo di indagare nella sua vita e capire cosa voleva esprimere con le suo poesie, che sono delle vere e proprie opere d'arte....
Letteratura

I 10 migliori classici della letteratura italiana

Quando ci accingiamo a scegliere un libro da leggere, molto spesso ci orientiamo verso i grandi classici. Ciascun libro presenta caratteristiche differenti in base al genere letterario che tratta o a seconda del contesto storico in cui si colloca. Inoltre...
Letteratura

Divina Commedia: guida al I Canto del Paradiso

In questa guida esporremo in maniera sintetica ed essenziale il contenuto del I canto del Paradiso della Divina Commedia. Siamo nell'anno 1300 e Dante e Beatrice ancora sulla cima del Purgatorio, con lo sguardo rivolto all'insù verso il sole, tendono...
Letteratura

10 libri da leggere almeno una volta nella vita

La lettura è uno degli strumenti migliori per lasciar correre la fantasia e catapultarsi in mondi particolari e pieni di avventure da vivere. Si dice che le persone vivano una sola vita, ma che chi legge ne vive migliaia e migliaia. Nella seguente lista,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.