Le 10 Barbie più famose della storia

Tramite: O2O
Difficoltà: media
111

Introduzione

Con il suo sorriso perenne, le sue gambe incredibilmente lunghe e la sua passione per i vestiti, la Barbie è sicuramente la bambola più famosa nel mondo. Più di un miliardo di Barbie sono state vendute dal 1959, anno in cui la pin up di plastica, alta pressapoco 25 centimetri, fu lanciata sul mercato dalla Mattel Corporation e in breve tempo divenne il giocattolo più desiderato dalle bambine e allo stesso tempo un modello irraggiungibile di bellezza femminile. Creata dall'imprenditrice Ruth Handler per mostrare alle bambine che potevano essere qualsiasi cosa volessero essere e che "una donna ha delle scelte", Barbie, il cui nome completo è Barbara Millicent Roberts, è sicuramente un'icona globale che è riuscita a non invecchiare in tutti questi anni reinventando continuamente se stessa, cambiando i suoi vestiti per restare al passo con la moda e adattando la sua immagine in risposta al più ampio mutamento dei costumi sociali e culturali. Divertiamoci a seguire questi cambiamenti scoprendo quali sono le 10 Barbie più famose della storia.

211

Barbie originale - 1959

È nato tutto da qui: la prima Barbie in assoluto ha debuttato sul mercato nel 1959 indossando un costume intero molto chic a righe bianche e nere, degli occhiali da sole modello cat-eye con la montatura bianca e ai piedi delle scarpe col tacco nere e lucide. Tipica dei tempi era l'acconciatura con la coda di cavallo, i grandi orecchini a cerchio e l'ombretto azzurro. Nessuno avrebbe immaginato che che l'immagine di quella elegante modella sarebbe diventata un fenomeno di costume a livello mondiale. Ad acquistarla allora sarebbe costata appena tre dollari, oggi il modello originale viene stimato 8.000 dollari ed un esemplare è stato venduto all'asta per ben 27.000 dollari.

311

Barbie red flare - 1962

Era il 1962, l'icona di eleganza assoluta era rappresentata da Jacqueline Kennedy, la moglie del presidente americano. Ogni donna desiderava imitare lo stile e la classe della first lady e naturalmente anche Barbie non fu da meno: la Barbie red flare indossava un outfit che avrebbe potuto indossare Jackie, un ampio cappottino rosso, un cappellino modello pillbox, scarpe in tinta, borsa a busta e lunghi guanti bianchi. Ed ecco Barbie pronta per un cocktail party o un'occasione mondana in puro stile anni '60.

Continua la lettura
411

Barbie american girl - 1965

La Barbie american girl, messa in vendita dal 1965 fu una vera e propria rivoluzione: per la prima volta la bambola aveva le gambe pieghevoli, che la rendevano più realistica e aumentavano le possibilità di gioco. Ma un'altra caratteristica altrettanto sorprendente fu il suo taglio di capelli, un bob piuttosto corto e gonfio, assolutamente glamour, disponibile in diverse sfumature, dal nero al rosso al biondo cenere. La Barbie american girl indossava una tutina corta a righe multicolori nella parte superiore e turchese in quella inferiore.

511

Barbie twist 'n turn - 1967

Se la American girl è stata la prima Barbie con le gambe pieghevoli, la Barbie twist 'n turn è stata la prima che potesse girare in vita. È stata una notevole aggiunta alle prime Barbie che erano del tutto statiche: il busto mobile permetteva una grande varietà di pose da indossatrice. Indossava un bikini rosa salmone, coperto da un copricostume a rete e in risposta agli ideali di bellezza femminile in rapida evoluzione, mostrava, rispetto alle Barbie precedenti, un volto più giovanile, lunghe ciglia morbide e "vere", capelli lisci e lunghi fino al petto con frangia diritta, disponibili in diverse tinte.

611

Barbie live action - 1971

Sono gli anni della controcultura giovanile e anche Barbie segue il cambiamento della moda e diventa una autentica figlia dei fiori. La Barbie live action, immessa sul mercato nel 1971 sfoggia un outfit hippie-chic perfetto per quegli anni: una tuta stampata, con frange svolazzanti e l'immancabile fascia sulla testa a fermare lunghi capelli sciolti. La particolarità della Barbie live action era che, se posta sull'apposito supporto, poteva essere fatta ballare a ritmo di swing.

711

Barbie Malibu - 1971

È del 1971 anche un altro storico modello di Barbie che riscosse molta popolarità, la Barbie Malibu. Dalla pelle ambrata, baciata dal sole, un nuovo volto che mostrava per la prima volta, uno sguardo diretto e rilassato, un sorriso aperto, a Barbie Malibu, senza trucco e con i capelli schiariti rappresentava la ragazza ideale della California, pronta a lanciarsi sulle onde con il suo surf. Con il tempo fu fornita di numerosi modelli di costumi da bagno e di ogni sorta di accessori per la spiaggia: la Dune buggy, la tenda da campeggio, la canoa e la bicicletta.

811

Black Barbie - 1980

Prima del 1980, a rappresentare l'etnia afro-americana esisteva Julia, l'amica di colore di Barbie a cui si era aggiunta nel 1968 anche Christie. La black Barbie fu dunque la prima Barbie vera e propria che avesse la pelle nera e regalò a molte ragazze una bambola in cui potersi finalmente identificare mostrando al tempo stesso che nero è decisamente bello. La bambola sfoggia una bellissima capigliatura crespa e un vestito lungo dal colore rosso e dal tessuto lucente, che le lascia le spalle scoperte, ed ha orecchini e accessori in tinta. Nello stesso anno debuttò sul mercato la Barbie ispanica.

911

Barbie day to night - 1985

Siamo nel pieno degli anni '80 e sempre più donne, non solo entrano nel mondo del lavoro, ma entrano in competizione con i loro colleghi maschi. La Barbie day to night di giorno è una perfetta donna in carriera, indossa un tailleur da perfetta manager, sebbene rosa confetto, con tanto di foulard al collo, cappellino, valigetta e tacchi alti. Ma se si preannuncia una serata speciale ecco che basta togliere la giacca per rivelare un top con paillettes da abbinare a una vezzosa gonna in tulle e Barbie è pronta per il party. Questo modello mostrò alle bambine che essere una modella non era l'unico lavoro da sogno: anche lavorare in ufficio poteva essere desiderabile.

1011

Barbie superstar - 1977

La Barbie superstar è stato uno dei modelli più amati e popolari della celebre bambola. Un'icona della bellezza femminile di quegli anni era senza dubbio l'attrice Farah Fawcett e la Barbie superstar, con la sua chioma bionda e voluminosa, i suoi occhioni spalancati e il suo sorriso smagliante ne riproduceva le fattezze. Il suo vestito rosa con tanto di boa hanno fatto sognare le bambine di tutto il mondo.

1111

Barbie totally hair - 1990

La Barbie totally hair è stato il modello in assoluto più venduto della bambola della Mattel, un vero e proprio record. La sua particolarità sono i lunghissimi capelli ondulati che le arrivano ai piedi, tenuti indietro da una fascia colorata intonata al vivace mini dress che scopre le gambe. La bambola era venduta con un pettine e con una serie di accessori per capelli ed era la gioia della bambine che potevano giocare con le innumerevoli possibilità di acconciatura.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Mostre e Musei

I 5 capolavori da non perdere presenti agli Uffizi

In tutto il mondo, uno dei musei più famosi è la Galleria degli Uffizi a Firenze. Al suo interno è possibile ammirare un eccezionale patrimonio artistico, specialmente di capolavori rinascimentali. Molte delle pregiatissime opere in esso contenute...
Mostre e Musei

I musei imperdibili di Milano

Sia che la si scelga per passare il week end o per un periodo di tempo maggiore, chi sceglie Milano come meta per trascorrere il proprio tempo libero, ha sicuramente voglia di scoprire il meglio di questa città; ogni giorno sempre più affascinante e...
Mostre e Musei

Le più belle mostre d'arte a Firenze

La città di Firenze in Italia accoglie un patrimonio artistico e culturale di grandi dimensioni, attirando migliaia di turisti durante tutto l'anno. Grazie a capolavori di inestimabile valore, è sede delle più belle mostre d'arte permanenti e temporanee...
Mostre e Musei

Musei Vaticani: le opere da non perdere

I musei vaticani sono i musei più antichi di tutto il mondo. Fondati nel sedicesimo secolo da Papa Giulio II, contengono al proprio interno un patrimonio di opere inestimabile. I musei sono situati nel piccolo stato del Vaticano a Roma, e sono visitabile...
Mostre e Musei

I migliori musei del cinema in Italia

"Il cinema è un'invenzione senza futuro" dissero i fratelli Lumière nel 1895 dopo averlo inventato. Loro pensavano che gli spettatori si sarebbero ben presto stufati dello spettacolo del movimento su grande schermo, ma non potevano che sbagliarsi enormemente....
Mostre e Musei

Come visitare il Museo Picasso di Madrid

Con l'arrivo imminente delle vacanze estive e delle belle temperature, i viaggi iniziano a farsi da protagonisti delle nostre giornate e settimane. Sicuramente, le mete più ambite come sempre, sono le capitali europee, grazie alla miriade di bellezze...
Mostre e Musei

Come visitare il Museo di arti decorative di Praga

A Stare Mesto (il quartiere della città vecchia) nell'area di Josefov si trova Il Museo delle arti decorative - Praga, per la precisione l'indirizzo è: 17. Listopadu 2, Praga 1, è possibile arrivarci tramite Metro A per Saromestskà. Potrete visitare...
Mostre e Musei

Le 10 opere più belle degli Uffizi di Firenze

La galleria degli Uffizi di Firenze è uno dei musei più importanti al mondo, vi si trovano la più grande collezione di Raffaello e Botticelli, oltre ad altri artisti come Caravggio, Tintoretto, Tiziano, Giotto ed altri. L’edificio che ospita la Galleria...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.