Le 10 più belle commedie di Moliere

Tramite: O2O 11/01/2018
Difficoltà: media
112

Introduzione

Jean-Baptiste Poquelin nacque a Parigi il 15 gennaio del 1622. Come artista, assunse lo pseudonimo di Moliere. La sua arte si manifestò soprattutto con l'attività di scrittore di belle commedie, per le quali è famoso in tutto il mondo. Ma fu anche un attore di teatro. Con le sue commedie dimostrò la sua grande capacità di analisi dell'animo umano. Moliere, nonostante le critiche ricevute, riuscì ad impersonare la natura fondamentale del teatro. Portando sul palcoscenico pregi e difetti della società di allora. Moliere morì a Parigi il 17 febbraio del 1673, lasciando al teatro numerose opere. Qui di seguito, ecco le 10 più belle commedie di Moliere.

212

Il malato immaginario

La lista delle 10 più belle commedie di Moliere inizia con "Il malato immaginario". Fu proprio durante l'interpretazione di questa opera teatrale che Moliere trovò la morte. Fra tutte le sue commedie, è una di quelle più famose. La parola "immaginario", all'epoca del commediografo, significava pazzo. Il protagonista Argante è un anziano ipocondriaco, che cerca di salvarsi angosciosamente. Chiede al suo dottore dei trattamenti che risultano soltanto peggiorativi delle sue condizioni. Nella trama si interseca la vicenda della figlia del protagonista. La ragazza ama un uomo ed intende sposarlo. Il padre invece ha delle mire su un'altra persona, come sposo della figlia. L'amato della ragazza inganna Argante, spacciandosi per un maestro di musica. Frattanto il protagonista fa testamento, credendosi ormai alla fine dei suoi giorni. Quando il fidanzato rivela la sua identità ad Argante, lui lo caccia via. Il testamento è comunque indicativo di un'amara realtà: l'interesse economico della moglie di Argante. Il protagonista, fingendosi morto, scopre l'amore della figlia e il disinteresse della moglie verso di lui. Argante, dopo la triste scoperta, smaschera l'inganno. Accettando la scelta amorosa della figlia.

312

La scuola delle mogli

La scuola delle mogli pare che sia una delle commedie autobiografiche di Moliere. Il protagonista Arnolfo, tradito dalla moglie, adotta Agnese ancora bambina. Il suo intento è di educarla, affinché rimanga innocente e nubile. In realtà vorrebbe che in futuro diventi sua moglie. Ma, una volta cresciuta, la ragazza ha un pretendente: Orazio. Egli, ricambiato da Agnese, la rapisce. Ma Arnolfo riesce a riprenderla. Infine, ecco il colpo di scena: l'arrivo del vero padre di Agnese, che la lascia libera di sposare Orazio.

Continua la lettura
412

L’avaro

Ecco un'altra fra le 10 più belle commedie di Moliere. Il protagonista de "L?avaro" è Arpagone e la commedia si articola nel tempo di un solo giorno. Il vecchio avaro non fa altro che accumulare ricchezze, tramite mezzi anche illeciti. La sua avarizia si ripercuote sui rapporti con i figli e la servitù. Ormai da tempo vedovo, decide di sposare Marianna. La giovane e povera ragazza è invece la fidanzata di suo figlio Cleante. Mentre il suo uomo di fiducia Valerio ama (ricambiato) Elisa, l'altra sua figlia. Nell'intrigo appare Frosina, una donna che combina matrimoni. Dopo una serie di circostanze ed un finto furto di danaro, Arpagone rimane da solo. I suoi figli, invece, celebrano la propria felicità.

512

Sganarello o il cornuto immaginario

Sganarello o il cornuto immaginario è una fra le 10 commedie più belle e rappresentative di Moliere. L'opera teatrale si fonda su una serie di equivoci, in ultimo chiariti. Gorgibus è il padre di Célie, promessa a Lélie. In assenza di questi le propone Valère, un partito migliore. Célie, angosciata, sviene trovando il soccorso di Sganarelle. La moglie di quest'ultimo vede il fatto dalla finestra della propria casa e immagina una tresca fra i due. Frattanto la moglie di Sganarelle vede un ritratto di Lélie. Affascinata da tanta bellezza, elogia le fattezze del ragazzo. Il marito la scopre e pensa ad un tradimento. Sganarelle sfida Lélie per il proprio onore coniugale. Mentre lui si convince che la moglie di Sganarelle è la sua fidanzata Célie. Il delitto non si compie per la natura pigra di Sganarelle. Infine tutto si risolve, chiarendo anche che Valère ha già moglie.

612

Il misantropo

Ne "Il misantropo" Moliere critica fino al ridicolo l'aristocrazia convenzionale della sua epoca. L'idealismo del protagonista Alceste non gli consente di piegarsi alle consuetudini della società. Cerca di convincere la sua amata Célimène a comportarsi allo stesso modo. Ma la ragazza preferisce le frivolezze e la loro relazione non ha seguito. Il personaggio contrapposto ad Alceste, in questa opera teatrale, è il suo amico Filinte. Egli afferma che il mondo, con i suoi difetti, non potrà mai cambiare. E che l'unica soluzione è l'adattamento ad esso. Il finale della quinta fra le 10 commedie più belle di Moliere vede Alceste sconfitto e deluso, che si ritira a vita solitaria.

712

Anfitrione

Anfitrione è un'opera teatrale di Moliere, il cui tema principale è l'adulterio. La sesta fra le 10 commedie più belle di Moliere si svolge in chiave mitologica, con i tipici personaggi. Giove, in assenza di Anfitrione, entra ingannevolmente nel letto di sua moglie. Al suo ritorno accade una serie di malintesi. Infine Giove stesso conferma la fedeltà della moglie di Anfitrione. Poiché soltanto assumendo le sembianze del marito ha potuto sedurla. Anfitrione si onora di avere un dio come rivale. Ma Giove gli comunica che, a seguito di questo fatto, nascerà il semidio Ercole. Nonché figlio di Giove.

812

Don Giovanni

Don Giovanni è una fra le 10 commedie più belle e tragiche di Moliere. Il protagonista è proprio Don Giovanni, grande seduttore. Dopo aver convinto alla fuga dal convento Donna Elvira, la abbandona. Lei lo maledice. Lui continua con altre donne nei suoi egoistici comportamenti. Finché una notte, scoperto dal padre di Donna Anna (altra sua vittima) lo uccide. La commedia prosegue con le scene di Don Giovanni e la statua parlante dell'ucciso. Il protagonista lo sfida, con l'affermazione di non paventare la morte. Infine la statua lo trascina negli inferi.

912

Le intellettuali

Le intellettuali è una commedia, fra le 10 più belle di Moliere, che si basa sulle opinioni differenti di due sorelle. In particolare, relativamente al tema del matrimonio. Armande è più spirituale, mentre Henriette più concreta. Questa si innamora, ricambiata, di Clitandre. Ma inizialmente il giovane aveva degli interessi sulla sorella, sempre rifiutati. Nella commedia si evince l'eterno conflitto fra il ruolo femminile e quello maschile. L'opera si articola in modo complesso, con una serie di vicende. Alla fine l'ottava fra le 10 commedie più belle di Moliere si conclude con il matrimonio di Henriette e Clitandre.

1012

Il Tartufo

La commedia "Il Tartufo" si ambienta in una casa nobiliare del periodo di Luigi XIV. Tartufo è ospite del padrone di casa, Orgone. Questi gli promette in sposa la figlia Marianna, la quale ama Valerio. In realtà Tartufo è un personaggio infido, che mira alla moglie di Orgone. Alla fine, dopo una serie di vicissitudini, si scopre la vera natura di Tartufo. Per il quale, a motivo delle sue malefatte, è pronta la galera. Mentre Valerio e Marianna possono finalmente convolare a nozze.

1112

Le preziose ridicole

Magdelon e Cathos sono cugine e provengono dalla provincia. Giungono a Parigi, alla scoperta della sfera aristocratica della città. All'arrivo, si pongono in modo snobbante con due gentiluomini. I quali, per scoprirle, organizzano uno stratagemma. Le fanno incontrare con due dei propri servi, travestiti da nobili. Le ragazze cadono nel tranello ed infine raccolgono soltanto una brutta figura. Fra tutte le 10 commedie più belle di Moliere, questa ridicolizza coloro che mostrano una alta condizione sociale non veritiera.

1212

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Letteratura

William Shakespeare: le 10 opere più belle

Se si pensa al teatro non può che venire in mente William Shakespeare, il drammaturgo inglese più famoso di tutti i tempi nato a Stratford-upon-Avon, Regno Unito, nel 1564 e considerato da tutti gli esperti di commedie e tragedie il massimo esponente...
Letteratura

La Belle Epoque

Il periodo che parte dalla fine del 1800 ed arriva allo scoppio del primo conflitto mondiale, cioè dal 1870 al 1914, viene definito "Belle Epoque" cioè epoca bella. L'Europa visse cosi un periodo di progresso, benessere e pace. Si stava diffondo fra...
Letteratura

Le più belle poesie di Umberto Eco

Decisamente, Umberto Eco è stato uno degli ultimi letterati più influenti a cavallo tra il XX e il XXI secolo. Uomo di straordinaria cultura e conosciuto per il romanzo "Il Nome della Rosa", ha scritto tanto, tantissimo e sempre in maniera impeccabile,...
Letteratura

Le più belle fiabe popolari italiane

Siamo cresciuti tutti a suon di fiabe: creature magiche, castelli incantati, avventure emozionanti... Chi non ne conosce almeno una? Tuttavia, la cosa che non tutti sanno è che il patrimonio italiano è ricco di bellissime fiabe e leggende popolari che...
Letteratura

Le 5 storie d'amore più belle della letteratura

L'arte delle lettere ha la capacità di far sognare milioni di persone, soprattutto quando si parla di romanticismo e di tormenti sentimentali. Nel corso dei secoli, i più grandi scrittori si sono cimentati con questo argomento, arrivando ad appassionare...
Letteratura

Le più belle poesie di Pablo Neruda

Pablo Neruda (1904-1973) è considerato uno dei più grandi esponenti della letteratura latino-americana e mondiale di tutti i tempi. Molto spesso definito come il “poeta-pittore”, perché proprio come un artista dipinge la realtà attraverso le sue...
Letteratura

Le 10 fiabe più belle di sempre

Basta pronunciare "c'era una volta " per vedere tutti i bambini attenti, nei loro lettini, in attesa della favola. Le fiabe piacciono sempre e trasportano i bimbi in un mondo fantastico, pieno di principesse, fatine con la bacchetta magica ed animali...
Letteratura

Le biblioteche storiche più belle di Roma

Roma è un luogo meraviglioso dove la storia, l'arte e le scienze moderne si uniscono a formare una città dalle mille affascinanti sfumature. Emblema della cultura millenaria dell'Urbe sono le sue biblioteche storiche, che sono da secoli templi e custodi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.