Le abitazioni dell'Antica Roma

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Le abitazioni dell’ Antica Roma si differenziavano, come quelle moderne, a seconda dello stato sociale dei cittadini. Gli edifici privati presentavano molte differenze rispetto agli edifici pubblici, solitamente monumentali, che si possono ancora vedere passeggiando per Roma.
I più poveri abitavano in gruppi di edifici in muratura, composti da poche stanze, piccole e modeste; i più ricchi avevano case più grandi e ville in campagna. Queste ultime potevano essere semplici alloggi destinati alle vacanze oppure vere e proprie tenute agricole.

24

Domus

La cosiddetta domus era la casa delle famiglie più abbienti, caratterizzata da ampi spazi e suddivisa in più ambienti. La copertura consisteva in un tetto inclinato verso l’interno e sorretto da quattro colonne, in modo tale che fosse possibile raccogliere l’acqua piovana in una vasca, collegata alla cisterna. Un muro esterno la proteggeva dalla confusione e dal traffico e la porta d'accesso conduceva in un lungo corridoio culminante in un atrio di forma quadrata. Attorno a quest'atrio si aprivano le stanze da letto, alcuni locali di servizio chiamati alae e, sul lato opposto rispetto all'entrata, il tablinum, ossia l’ambiente principale di ricevimento. In alcune case, in aggiunta a ciò, si poteva trovare un ambiente aperto circondato da colonne, oppure un giardino interno.

34

Il cavedio

A coloro che avevano condizioni economiche più modeste erano destinate le insulae, costruzioni a più piani, come i moderni condomini, con poche stanze e un cortile interno ad uso comune (cavedio). Al livello della strada si trovavano magazzini e negozi e al primo piano alloggiavano i possessori delle botteghe e i loro aiutanti. Con il salire dei livelli, diminuiva il valore dell'appartamento e di conseguenza il rango della famiglia che vi risiedeva. L'igiene e, in particolar modo, la sicurezza di queste strutture erano assai basse, infatti spesso erano distrutte da incendi che si trasmettevano con molta velocità da un'insula all'altra.

Continua la lettura
44

Le ville

I romani più ricchi avevano anche delle ville in campagna, dove si recavano per periodi di riposo. Solitamente queste si trovavano al centro di possedimenti agricoli ed erano custodite da uomini fidati, dediti alla coltivazione dei terreni e alla cura dell’abitazione. I padroni vi si recavano periodicamente anche per controllare l'andamento della tenuta.
Vi erano anche le ville urbane, usate per dimostrare il prestigio e la ricchezza dei proprietari che vi organizzavano ricevimenti e banchetti. Erano munite di ogni comodità, come stanze da bagno, palestre e piscine, grandi parchi verdi e servitù numerosa.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Mostre e Musei

Guida al Guggenheim Museum di Bilbao

Se decidiamo di andare a fare una vacanza a Bilbao una città dei Paesi Baschi a nord della Spagna, non bisogna perdere una visita al Museo di arte contemporanea. Questi appartiene alla fondazione Guggenheim ed è stato progettato da Frank Gehry nel 1997...
Arti Visive

5 elementi architettonici dello stile romanico

Tra l'XI e il XIII, a seguito del periodo buio determinato dall'Anno Mille e dai timori sulla fine del mondo, l'arte e la cultura conobbero un periodo di nuova vitalità e di ripresa. La corrente stilistica che nacque in questi secoli fu chiamata "romanico",...
Arti Visive

Architettura e scultura romanica: breve guida

L'arte romanica è un'eredità che ci proviene nei secoli. Essa si afferma intorno all'anno Mille in un periodo in cui l'Europa stava vivendo una grande fase di sviluppo. Durante questo periodo storico vennero erette grandiose abbazie e molte cattedrali...
Arti Visive

La scultura nell'arte gotica

Il periodo in cui si diffuse l'arte gotica fu un momento di profonda trasformazione, nel quale si rafforzarono le monarchie nazionali in Europa; stiamo parlando del XII secolo, ma successivamente nel XIII secolo il gotico si propagò anche in Italia....
Recitazione

Bollywood e il cinema indiano

Bollywood è una parola formata da Bombay ed Hollywood, e sta a significare il cinema popolare indiano che ad oggi è diventato un vero e proprio impero. Ricordate il film vincitore di ben 8 premi Oscar "The Millionaire"?. È solo uno degli ultimi capolavori...
Letteratura

Manga e anime: storia e origine

Approfondiamo dunque la trattazione di manga e anime: storia e origine sono molto antiche. I manga raccontano storie, attraverso un'impaginazione e uno svolgimento ben più ampie dei fumetti tradizionali. Le anime, storicamente successive ai manga, danno...
Musica

La musica nella tradizione napoletana

La musica riveste un ruolo fondamentale nello sviluppo e nella storia della civiltà. Ogni popolo ha una propria tradizione musicale con sonorità precise che la contraddistinguono rendendola unica ed inimitabile. E se questa affermazione è vera per...
Letteratura

Guida al Manierismo italiano

Il Manierismo è una corrente artistica che ha avuto la sua nascita e la sua evoluzione in Italia nel corso della seconda metà del XVI secolo. Ha avuto modo di svilupparsi in varie forme culturali ed artistiche: dall’arte figurativa all’architettura...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.