Le principali tecniche di scultura

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La scultura si sa è una disciplina plastica che di solito si inizia a studiare alle superiori, principalmente al liceo artistico. Chiamata anche modellato, è una materia che vi insegnerà a utilizzare più materiali, principalmente legno e argilla. Considero questa disciplina una tra le più soddisfacenti in quanto permette allo scultore, alunno, o artista di dare forma alla sua opera. Di renderla quasi vera, tangibile e con una sua dimensione. Riuscirà quindi a essere percepibile in modo totalmente diverso nello spazio rispetto a un dipinto o a un disegno. In questa lista vedremo quali sono le principali tecniche di scultura e in cosa consistono.

26

Tecnica a tutto tondo

Sicuramente la più conosciuta e la più soddisfacente per tutti quelli che vogliono realizzare delle figure in modo tridimensionale. Ed è proprio per questo che questa tecnica si chiama a tutto tondo. Perché comunque la scultura che andrete a realizzare sarà modellata in ogni suo lato.

36

Tecnica del bassorilievo

La tecnica dello schiacciato è un'altra tra le più utilizzate, consiste in un piano piatto dal quale esce la figura. Come se fosse un disegno sul foglio ma con una parte in rilievo. Spesso utilizzata per raffigurare delle figure più statiche. Ma non sempre. Pensate a le sculture dei primi anni del rinascimento. Tra tante opere anche una di Michelangelo che mostra in pieno la torsione dei corpi e la figura umana. Realizzato come un basso rilievo.

Continua la lettura
46

Tecnica dell'alto rilievo

Anche con questa tecnica c'è sempre un piano che fa da base alla scultura in sé. Ma qua si tratta più di un mix tra a tutto tondo e basso rilievo. La figura esce quasi totalmente dal piano dando così una quasi totale tridimensionalità. Utile per fare dei ritratti e raffigurare dei volti. Per capire meglio pensate a un premio sportivo che ha una specie di piedistallo sul quale poggia una coppa o magari una figura umana intenta a svolgere la disciplina praticata.

56

Tecnica con scalpello

Utilizzata principalmente per la lavorazione di materiali più duri come ad esempio il legno o il marmo. Si tratta dunque come già la parola stessa vuole indicare di togliere materiale piuttosto che crearlo come nelle altre tecniche. Dunque da un blocco di marmo o da un pezzo di legno si scolpisce e si tira fuori la figura desiderata.

66

Tecnica con fusione

Utilizzata dai più esperti e con materiali meno reperibili rispetto agli altri sopracitati. La fusione è un'altra tecnica con il quale si potrà creare qualsiasi tipo di scultura. Utilizzata con uno "stampo'' e un materiale che appunto può essere fuso. Si andrà a riempire lo stampo che verrà creato prima e si otterrà così la figura desiderata. Esattamente come gli orafi lavorano l'oro. Si possono usare tantissimi materiali.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Mostre e Musei

Le statue più significative del cimitero monumentale di Milano

Il cimitero monumentale di Milano nasce dall'estro dell'architetto Carlo Maciachini. La costruzione fu avviata nel 1864 e conclusa nel 1866. A renderlo famoso è il suo stile eclettico che mescola il gotico al romantico. Nel susseguirsi dei secoli, il...
Arti Visive

Scultura arcaica greca: i principali esponenti

La scultura greca arcaica si sviluppò tra il VI secolo a. C. e il 480 a. C., quando vennero distrutte le mura della città di Atene dai Persiani. La scultura greca arcaica si distingue in tre diverse correnti, in rapporto alle zone in cui si svilupparono:...
Arti Visive

Come fare una scultura in legno

Il legno è uno dei materiali prescelti dall'uomo, sin dall'antichità, per realizzare delle sculture. La creatività umana ha prodotto opere davvero fantastiche, semplicemente partendo da un blocco di legno. Intagliare questo materiale così naturale...
Arti Visive

Architettura e scultura romanica: breve guida

L'arte romanica è un'eredità che ci proviene nei secoli. Essa si afferma intorno all'anno Mille in un periodo in cui l'Europa stava vivendo una grande fase di sviluppo. Durante questo periodo storico vennero erette grandiose abbazie e molte cattedrali...
Arti Visive

La scultura Italiana : tecniche e materiali

Questa guida, in pochi e semplici passi, espone alcune tecniche particolari e tradizionali che vengono adoperate e sono state usate nel tempo per quanto riguarda la scultura italiana. Si tratteranno i materiali utilizzati un tempo e quelli utilizzati...
Arti Visive

Come realizzare una scultura in cera

Per tutti coloro che sono creativi la scultura è una parte fondamentale dell'arte. Diventa il coronamento naturale di tutte le espressioni fantasiose ed artistiche che uniscono l'abilità di creare a quella di dipingere o modellare. Quindi terminare...
Arti Visive

Come fare una scultura in creta

Cosa c'è di meglio che decorare la casa con degli oggetti fatti con le nostre mani? Le possibilità sono moltissime: dalla pittura, al riciclo, alla scultura. Per realizzare decorazioni originali potete utilizzare materiali semplici e facili da reperire....
Arti Visive

Come fare una scultura con il Das

Il Das è una pasta sintetica molto simile alla creta che si impiega spesso nelle scuole per creare vari tipi di lavoretti. Essendo piuttosto versatile, questo materiale si presta anche ad un utilizzo professionale, regalando ottimi risultati.A differenza...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.