Le satire di Ariosto

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

Chi è questo poeta che soffre di come il mondo è e di come non è e potrebbe essere, eppure lo rappresenta come uno spettacolo multicolore (nel Furioso) da contemplare con ironica saggezza? [..] Una vita non di uomo di corte, insomma, ma di funzionario a cui venivano affidati incarichi di fiducia. Anni movimentati e faticosi in mezzo ai quali Ariosto seppe ricavare il tempo o la concentrazione necessari per comporre l’Orlando Furioso, oltre a liriche, commedie e sette satireche. Se il Furioso ha permesso ad Ariosto di poter procedere trionfante per le vie dell’Olimpo dei letterati d’Italia, le Satire ci restituiscono l’immagine di un Ariosto ora serafico, proteso all’ira ed allo sdegno, il ritratto genuino e sincero di un uomo in lotta contro “le astuzie che son ora”(Satira III, 210).

25

Duplice piano di lettura

L’innovazione delle satire, e la loro grandezza, consta proprio nel duplice piano di lettura: un piano letterale ove si pone la parte ufficiale, offerta dall’occasione; un piano allegorico e profondamente più intimo. Nota, inoltre, Santoro quanto sia improbabile la mera estemporaneità della satira ariostesca: le Satire mostrano come Ariosto ben aderisca all’Umanesimo volgare e come esse nascano da un preciso proposito lettarario: instaurare nella lettaratura volgare un genere illustre della tradizione classica. Palese è l’ispirazione all’Orazio delle epistole e delle satire che ricade volentieri nella rielaborazione di topoi tipici del poeta latino.
Si fonde alla rievocazione oggetiva della propria vita la voce brillante di un autore a tratti bucolico, mite, a tratti invettivo, burlesco. Ciononostante retorica e linguaggio non si configurano ampollosi o arroganti. E’ disincantato lo sguardo di Ariosto, eppure non distaccato o indifferente, amaramente ironico: consapevole della irrazionale fragilità dell’uomo, dunque anche di sé stesso.

35

Riassunto delle Satire

Duplice destinatario ha questa satira: il fratello minore Alessandro e Ludovico da Bagno, cancelliere del cardinale Ippolito d'Este. Siamo nel 1517, dopo la partenza del cardinale nominato vescovo di Eger, in Ungheria. Ariosto, suo segretario, dovrebbe seguirlo ma si rifiuta. Con la satira Ariosto intende spiegare i motivi del rifiuto e chiarirsi con un Ippolito irato. Coglie anche l'occasione di riflettere con amara ironia sulla vita di corte e sul cortigiano, ponendo le due figure in un rapporto di servus/dominus. Dunque il rifiuto per Ariosto è affermazione della sua autonomia in quanto uomo e letterato.

Continua la lettura
45

Il personaggio Ariosto

Nell’affrontare le satire di Ariosto non si può non guardare al personaggio Ariosto ed a quelle che sono le sue passioni, a quel bonario animo di poeta non ribelle ma che mai tace. E non perché ogni singola satira abbia spirito autobiografico e muove i primi passi da esperienze realmente avvenute. L’episodio in sé ha ben poco valore quanto più la cornice che Ariosto costruisce intorno ad esso, poiché quella cornice è Ariosto stesso il quale ci si mostra in tutta la sua dottrina, il suo classicismo umanista, la sua spontaneità, la sua purezza.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Edizione consigliata: L. ARIOSTO, Satire, ediz. critica e commentata a cura di C.SEGRE;

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Guida alle caratteristiche principali del manierismo

Con il termine "Manierismo", coniato da Vasari, si intende una corrente artistico-letteraria (e per estensione il periodo storico che la vede protagonista) che si colloca nel XVI secolo e guida il passaggio dalla cultura Umanistico-rinascimentale, dominante...
Letteratura

Plauto: vita e opere

Tito Maccio Plauto fu un poeta comico latino, nato a Sarsina (Umbria) tra il 254-251 a. C. Ancora oggi, le sue inconfondibili opere riscontrano un notevole interesse tra gli appassionati del genere. La sua vita si concluse a Roma nel lontano 184 a. C....
Letteratura

Letteratura del Rinascimento in breve

La parola Rinascimento indica il rinnovamento filosofico di tutte le arti, nato tra il Quattrocento e il Cinquecento in Italia.Il termine rinascimento indica storicamente il passaggio dall'età medievale a quella moderna. A livello artistico ma anche...
Recitazione

Le caratteristiche del teatro di narrazione

A partire dalla metà degli anni ottanta del ventesimo secolo inizia a farsi strada, in Italia, una nuova modalità teatrale ispirata ad innovazioni già presenti nell'ambiente teatrale europeo e ai monologhi teatrali di Dario Fo del decennio precedente...
Letteratura

Charles Perrault: vita e opere

Magari per molti il nome di "Charles Perrault" non significa nulla, non ci si ricorda di averlo studiato a scuola tra i libri di testo insieme al Leopardi, al Manzoni, o ad Ugo Foscolo, tanto per citarne alcuni, ne di averlo letto tra i nomi dei filosofi...
Letteratura

Victor Hugo: vita e opere

All'interno di questa guida, andremo ad occuparci di letteratura. Nello specifico, in questo caso, presteremo attenzione a Victor Hugo. Cercheremo di ripercorrere le sue esperienze di vita con una biografia temporale, legandola alle sue opere principali....
Letteratura

Alexander Pope: vita e opere

Alexander Pope, figlio di un commerciante di stoffe, fu uno dei più grandi poeti del XVIII secolo. Nato a Londra il 22 maggio 1688 da una famiglia cattolica, a causa della sua appartenenza religiosa, non poté frequentare le scuole regolari, perciò...
Letteratura

Vita e opere di Voltaire

Francois Marie Arouet (1694-1778), vero nome del filosofo noto come Voltaire, fu la figura che meglio incarnò gli ideali dell'illuminismo. Egli è l'emblema dell'intellettuale moderno che non si vanta della sua vuota erudizione, ma che utilizza le sue...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.