Leonardo da Vinci: le opere più importanti

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Leonardo da Vinci (1452-1519) è stato uno delle figure più importanti del Rinascimento italiano ed è considerato uno dei più grandi geni dell'umanità. Leonardo si occupò infatti di scultura, architettura, anatomia, e fu pittore, musicista e inventore. Ripercorriamo le sue opere più importanti in questa breve guida.

26

La gioconda

Iniziamo dal quadro più famoso di Leonardo Da Vinci, "La Gioconda". Leonardo impiegò 10 anni per disegnarla; fu infatti occupato con la tela dal 1506 al 1516. Attualmente il quadro è conservato al Museo del Louvre di Parigi. Sicuramente il dato più controverso riguardo al dipinto è l'identità della donna raffigurata. Tra le varie ipotesi c'è anche quella che attribuisce l'identità del ritratto a Leonardo stesso, il quale avrebbe raffigurato se stesso allo specchio. Il sorriso enigmatico che ha reso celebre il quadro sarebbe allora quello del maestro fiorentino che pregustava lo sconcerto dei posteri.

36

L'uomo Vitruviano

Continuiamo con "L'uomo vitruviano", celeberrimo quadro datato 1490. Il dipinto è conservato in questo caso a Venezia, presso la Galleria dell'Accademia. Il dipinto può essere considerato un capolavoro dell'anatomia umana. Leonardo infatti dimostra pienamente le sue avanzate conoscenze delle proporzioni del corpo umano.
Il quadro prende il nome da Vitruvio, architetto romano del! Secolo a. C. Leonardo ha voluto mostrare che le proporzioni del corpo umano sono inscrivibili all'interno delle figure geometriche del cerchio e del quadrato.

Continua la lettura
46

La dama con l'ermellino

Chi non conosce "La dama con l'ermellino"?. Il quadro realizzato tra il 1488 e il 1490 è attualmente esposto al Museo di Cracovia "Czartoryski", e raffigura quella che era l'amante di Ludovico il Moro, Cecilia Gallerani. Proprio nel dipinto si possono ritrovare tutti gli indizi che svelano la relazione. Infatti in greco l'ermellino si dice "galè", nome che richiama anche il cognome della dama. Inoltre l'ermellino era uno dei simboli di Ludovico stesso. In questo dipinte traspare la magistrale tecnica di illuminazione tipica di Leonardo.

56

L'ultima cena

"L'ultima cena" è un dipinto a tempera grassa su intonaco delle dimensioni di 460 cm per 880 cm. Si trova a Milano, nel refettorio di santa Maria delle Grazie. Leonardo lo dipinse tra il 1494 e il 1498. Si tratta naturalmente della raffigurazione dell'ultima cena di Gesù e degli apostoli. La tecnica con cui è stato realizzato il dipinto, nonostante lo abbia reso particolarmente vivido, ne pregiudica però anche la conservazione. Infatti la tela soffre molto dell'umidità dell'ambiente in cui è conservato. Fu Ludovico il Moro a commissionare il dipinto a Leonardo.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se possibile recatevi in uno dei musei citati per ammirare dal vivo i capolavori leonardeschi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Ultima cena: guida del Cenacolo

La figura simbolo della genialità made in Italy è senza dubbio Leonardo da Vinci. Inquadrarlo in un'unica categoria è riduttivo. Infatti, durante la sua straordinaria vita Leonardo, si interessò di molteplici argomenti: noti sono i quadri, le invenzioni...
Arti Visive

I 10 quadri più misteriosi al mondo

Da sempre le opere d'arte vengono analizzate e studiate da professionisti, in quanto esse sono ricche di fascini e misteri. Dietro a un'opera si nascondono infatti, storie, racconti e veri e propri intrighi, e ancora oggi su alcune di esse non si è riuscito...
Arti Visive

Vita e opere principali di Raffaello

Solitamente, quando si pensa a Raffaello Sanzio (uno dei pittori maggiormente promettenti del Cinquecento italiano), vengono in mente anche Leonardo da Vinci e Michelangelo Buonarroti, perché egli è un loro contemporaneo. La propria reputazione ed importanza...
Arti Visive

Breve guida alla pittura rinascimentale

Con la chiusura dell'oscuro periodo del Medioevo, si entra nell'età culturale del Rinascimento. Negli anni che vanno dal 400 al 1500 l'Europa vede una grande rinascita in ogni campo culturale, dalla letteratura alla musica all'arte in particolare. In...
Arti Visive

I 10 quadri più famosi della National Gallery di Londra

La National Gallery è un museo situato a Londra dal 1824. Oggigiorno esso è meta di numerosi turisti che si recano appositamente per visitare le famosissime opere che vi risiedono all'interno. In questa guida pertanto verranno presentati i dieci quadri...
Arti Visive

Biografia e opere del Bergognone

Ambrogio da Fossano (ca. 1451 - ca. 1522), detto il Bergognone, fu un pittore lombardo allievo di Vincenzo Foppa e strettamente legato artisticamente al mondo del minuzioso naturalismo in voga presso i pittori fiamminghi dell'epoca. Le notizie riguardanti...
Mostre e Musei

Guida al Castello Sforzesco di Milano

Il castello Sforzesco di Milano è uno degli edifici storici più caratteristici della città, assieme al Duomo. La costruzione risale al medioevo, quando la famiglia dei Visconti ebbero l’esigenza di costruire una fortificazione per difendere la città....
Arti Visive

Correggio: vita e opere

Correggio è il nome d'arte di un pittore italiano: Antonio Allegri, nato e morto proprio nella città di Correggio, in provincia di Reggio Emilia. È considerato uno dei maggiori esponenti della pittura del Cinquecento. Il suo stile è nato da uno studio...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.