Recitazione: il metodo Meisner

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Sanford Meisner rappresenta, nel mondo della recitazione, uno dei più importanti e influenti insegnanti di recitazione. Nato negli Stati Uniti e scomparso nel 1997 è conosciuto soprattutto per la sua importante opera di formazione, che lo ha portato a "creare" star internazionali del calibro di Gregory Peck, Grace Kelly, Sydney Pollack e molti altri attori e registi di fama internazionale. Nella presente guida verrà descritto il metodo Meisner, utilizzato ancora oggi per insegnare recitazione in tutto il mondo.

24

L'obiettivo del metodo Meisner è quello di creare i presupposti che permettano agli attori di lavorare in modo efficace sulla recitazione, reagendo a certi impulsi e cercando di sviluppare il "senso del vero" in ogni occasione. Il metodo Meisner prevede una serie di esercizi, che vengono eseguiti in diverse fasi. Il primo e, probabilmente, quello che rappresenta il punto focale del metodo, è denominato "ping-pong"; consiste nel disporre due attori uno davanti all'altro e nel far iniziare a parlare uno dei due, che dovrà esprimere un'osservazione sul secondo attore. Questa dovrà essere relativa a qualcosa di "vero" (ad esempio la descrizione di un particolare dell'abbigliamento dell'altra persona) e verrà ripetuta dall'altro attore, continuando in modo alternato a ripetere le stesse parole, finendo per creare un dialogo piuttosto assurdo costituito da una sola frase.

34

Le due voci dovranno evitare di accavallarsi, ma anche di lasciare troppo spazio tra una ripetizione e l'altra. Secondo Meisner tale approccio, pur apparendo meccanico e disumano, rappresenta comunque l'inizio di qualcosa. Terminato tale esercizio, si potrà passare al secondo, nel quale verranno introdotte delle osservazioni personali da parte dei due attori. La differenza con il primo sarà anche costituita dal fatto che la ripetizione non dovrà essere letterale; ognuno degli attori pronuncerà la frase in base al proprio punto di vista (ad esempio, uno dirà "ti stai grattando i capelli" e l'altro risponderà "mi sto grattando i capelli"). Le frasi, nel corso del dialogo, potranno variare completamente ma questo dovrà nascere dall'osservazione di un cambiamento avvenuto nell'altra persona.

Continua la lettura
44

Sarà necessario, comunque, evitare che il cambiamento sia dettato da una manipolazione rivolta a raggiungere una direzione particolare. Quello che dovrà essere pronunciato dai due attori, secondo lo stesso Meisner, dovrà dipendere esclusivamente da quanto fatto dal compagno di recitazione. Questi esercizi sono necessari perché permettono agli attori di iniziare a lavorare solamente sull'istinto; nelle fasi successive del metodo Meisner, invece, vengono introdotti elementi nuovi come personaggi, situazioni e, solo più tardi, testi. Tutto deve avvenire con una certa gradualità; basti considerare, a tal proposito, che l'intera fase delle ripetizioni potrà durare anche diversi mesi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Recitazione

Le migliori tecniche di recitazione

L'arte della recitazione porta con se una serie di metodologie teatrali e recitative che fin dalle prime manifestazione della recitazione, vengono fedelmente seguite nel circuito della recitazione, come dei veri manuali. Scopriamo insieme quali sono le...
Recitazione

Recitazione a soggetto: le tecniche fondamentali

La recitazione a soggetto è quella tecnica che permette agli attori di stare sul palcoscenico senza un vero e proprio copione da ripetere ma inventano sul momento dialoghi e colpi di scena. Si tratta di un metodo le cui tracce risalgono ad Aristofane...
Recitazione

5 consigli per la la scelta di un corso di recitazione

I motivi che conducono alla scelta di un corso di recitazione possono essere diversi. E non tutti necessariamente legati al desiderio di diventare un attore. A volte lo stesso lavoro svolto richiede una buona capacità di comunicazione. Oppure l'esigenza...
Recitazione

Come scegliere un corso di recitazione

Vi entusiasma l'idea di trasformarla in una professione vera e propria? Avete una passione reale per la recitazione? Frequentare una scuola di recitazione, non basterà a plasmare in maniera automatica degli attori o attrici, ma potrà offrire le necessarie...
Recitazione

5 motivi per studiare recitazione

Ci sono tante persone che hanno il sogno della carriera cinematografica, televisiva o teatrale. Certamente non è facile entrare nel mondo dello spettacolo, ma altrettanto non è impossibile. Con tanto impegno e tanta forza di volontà insieme a determinazione...
Recitazione

Recitazione: tecniche di improvvisazione teatrale

Qualora foste interessati al teatro e vorreste provare a cimentarvi con copioni e palcoscenico, sappiate che la recitazione non si basa soltanto su un testo prestabilito, chiamato appunto copione. Esistono, infatti, tutta una serie di tecniche di recitazione...
Recitazione

Come affrontare la prima recitazione a teatro

Quando si sceglie di intraprendere un corso di recitazione, bisogna mettere in conto che bisognerà mettersi molto in gioco. Considerando che a tutte le età si può iniziare, in quanto non ci sono limiti. Ma oltre questo, tutti possono farlo, anche le...
Recitazione

Errori da evitare durante un provino di recitazione

Un provino di recitazione è una performance artistica, che viene eseguita davanti ad una giuria o dinanzi ad un regista. L’aspirante esegue un pezzo imparato in precedenza, oppure assegnato poco prima dagli esaminatori. Un provino di recitazione è...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.