Storia: biografia di Elisabetta I

Tramite: O2O 25/09/2018
Difficoltà: media
16

Introduzione

Elisabetta I è probabilmente, fra tutte le donne che hanno occupato un trono, la più celebre sia per la sua storia personale sia per l'idea che ha voluto dare di sé al mondo e, per riflesso, a noi posteri. Ancora oggi, infatti, resta nell'immaginario comune come donna e regnante simbolo di forza, coraggio e passione ed occupa, a pieno titolo, un posto di primo piano tra i personaggi che hanno fatto grande la storia dell?Inghilterra.
Elisabetta è stata regina d'Inghilterra, infatti, per quasi mezzo secolo, precisamente dal 1559 al 1603, donando in questo periodo di tempo una potenza al proprio paese, sia dal punto di vista economico che politico, difficilmente eguagliabile ed a cui mirarono nei secoli successivi altri regnanti, in particolare un'altra donna, Vittoria,che occupò il suo stesso trono.
La sua biografia, molto intensa e ricca di avvenimenti, è particolarmente interessante, tanto da essere stata più volte sfruttata per film di successo ( ?The Virgin Queen? del 1955, ?Elisabeth? nel 1998, ?Elizabeth - The Golden Age? del 2007. ) Vediamo dunque insieme quella che è stata una delle piu grandi donne della storia e affrontiamo la biografia di Elisabetta I.

26

L'infanzia

Elisabetta I è stata la quinta ed ultima regnante della dinastia dei Tudor, morì infatti senza lasciare figli e senza essersi mai sposata, dopo avere legato al suo nome per tutta la vita l'immagine della Regina Vergine.
Elisabetta nacque nel 1533 da Enrico VIII ed Anna Bolena, per la quale Enrico aveva lasciato la sua prima moglie, Caterina d'Aragona, e per sposare la quale aveva rotto completamente i rapporti con la Chiesa Romana, creando il primo grande scisma occidentale con la fondazione della Chiesa Anglicana, per la quale ricevette la scomunica. Probabilmente fu la sovrana più grande che l?Inghilterra abbia mai avuto.
L?infanzia di Elisabetta fu molto difficile e ciò sicuramente influì non poco su quella che fu poi la sua personalità. Quando aveva tre anni, infatti, la madre, abbandonata dal padre, che nel frattempo aveva intessuto una relazione con un'altra donna e che accusava di non avergli dato un erede maschio, venne imprigionata con l'accusa di stregoneria ed incesto e successivamente decapitata.
Elisabetta, dichiarata illegittima e perso il titolo di principessa, fu esiliata e soltanto dopo molti anni (1544), riconciliandosi con il padre, che la riconobbe, fu reinserita nella linea di successione del regno.

36

I primi anni

Riavvicinatasi alla famiglia paterna, instaurò un ottimo rapporto con la sesta moglie del padre, Caterina Parr, grazie alla quale ricevette una solida educazione di stampo protestante, acquisendo una profonda cultura, cosa notevole per una donna dell'epoca, e dimostrando eccellenti doti intellettive.
Successivamente, alla morte di Enrico VIII nel 1547, Elisabetta venne fatta rinchiudere, per motivi dinastici, nella Torre di Londra dalla sorellastra Maria Tudor che aveva sposato Filippo di Spagna.
Nel frattempo regnarono Edoardo VI e successivamente Maria (di religione cattolica), entrambi figli di Enrico VIII (nati però da mogli diverse) e fratellastri di Elisabetta.

Continua la lettura
46

L'inizio del regno

Maria, in particolare, fu la principale avversaria di questi anni. Regnò dal 1553 al 1558, poi, colta da un tumore, fu costretta ad incoronare proprio Elisabetta, la detestata sorellastra protestante.
Ebbe così inizio il lungo regno Elisabetta I, che venne fatta regina il 15 gennaio 1559. I suoi primi impegni politico/religiosi mirarono a calmare la violenta ostilità che era nata tra i protestanti ed i cattolici, in cui lei stessa era rimasta coinvolta, con provvedimenti che esaltavano la tolleranza, come l'Atto di Uniformità del 1559, anche se successivamente rifiutò ufficialmente di riconoscere il potere del Pontefice romano dichiarandosi Governatore della Chiesa Anglicana.

56

L'età d'oro

Elisabetta, con le sue decisioni, riuscì nell'intento di dare nuovamente grandezza al Regno mediante un'opera mirata di impulso all'agricoltura, all'industria e al commercio. Durante il suo regno rifiorirono anche la letteratura e le arti, si pensi soltanto al fatto che sono gli anni in cui visse ed operò William Shakespeare. In politica estera Elisabetta fu molto attiva. Ben presto, infatti, la sovrana capì che doveva portarsi allo stesso piano di grandi nazioni continentali, quali Francia e Spagna, per far crescere la potenza dell'Inghilterra. Così nel 1587 l'Inghilterra entrò in guerra contro la Spagna.
L'Invincibile Armada spagnola, senza aspettarselo, fu costretta a soccombere di fronte alla flotta di Sua Maestà e l'Inghilterra vinse la guerra.
Il Trattato di Londra, che mise fine alle ostilità nel 1604, fu siglato dal successore della sovrana.
Elisabetta I morì, infatti, dopo un mese di malattie e sofferenze, all'età di sessantanove anni, precisamente il 24 marzo 1603. Venne sepolta nell'Abbazia di Westminster.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Letteratura

Pocahontas: la vera biografia

Chi è che non conosce Pocahontas, la bella ragazza indiana protagonista del film d'animazione della Disney? Non tutti però conoscono la vera storia di questa eroina nativa americana che differisce da quella raccontata dal cartone, artisticamente molto...
Letteratura

Come scrivere una biografia

Le biografie rappresentano un utile strumento per comprendere al meglio il carattere e la vita di personaggi importanti, da cui potremmo prendere ispirazione per le nostre azioni future. Sicuramente, conoscere la vita di alcune persone, ci incuriosisce...
Letteratura

Daniel Pennac: biografia e opere

Daniel Pennac, nome d'arte (o semplicemente abbreviato) di Daniel Pennacchioni è uno scrittore francese di fama mondiale. Pennac nasce nel 1944 a Casablanca, in Marocco, quarto e ultimo figlio di una famiglia di origini corse e provenzali, e si afferma...
Letteratura

Italo Svevo: biografia e opere

Italo Svevo (biografia) nasce in una famiglia borghese di religione ebraica a Trieste il 19 Dicembre 1861 e muore a Motta di Livenza il 13 Settembre 1928. Viene considerato, da dopo la sua morte, uno tra i maggiori drammaturghi italiani. Scrive tre romanzi...
Letteratura

Dino Buzzati: biografia e opere

Il mondo della letteratura, vasto e complessa, ci regala sempre la possibilità di approfondire una conoscenza molto varia di formazione culturale e poetica. La letteratura offre non solo poesie, ma anche esperienze di grandi maestri della scrittura e...
Letteratura

Ernest Hemingway: biografia e opere

La letteratura è piena di scrittori che hanno lasciato il segno e che hanno trasmesso il loro pensiero fino a noi attraverso le loro opere. Tra gli scrittori più amati ed apprezzati di tutti i tempi sicuramente c'è Ernest Hemingway. Ernest Hemingway...
Letteratura

Oscar Wilde: biografia e opere principali

Oscar Wilde: uno degli autori inglesi più importanti che si affacciano sulla scena dell'epoca vittoriana. Ci vorrebbero forse pagine ed ore per riuscire a prendere in esame lo scrittore, sia dal punto di vista della vita privata che dal punto di vista...
Letteratura

Come trovare l'idea per scrivere una storia

A quanti di voi sarà capitato di avere una voglia sfrenata di scrivere una storia, magari in seguito alla lettura di un libro che vi ha particolarmente colpiti, oppure dopo aver visto un film dalla trama coinvolgente ed emozionante? In realtà accade...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.