Storia del Trentino

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
112

Introduzione

Il Trentino è la denominazione più conosciuta della provincia autonoma di Trento, avente come capoluogo di provincia proprio questa città. Nel Trentino si trovano molti gruppi etnici di diversa origine, ufficialmente riconosciuti, così come le lingue che parlano (germaniche e ladine). Ma cosa giustifica questa grande varietà? La risposta sta proprio nella Storia del Trentino.
Ma vediamola in dettaglio insieme.

212

Età della pietra

La storia del Trentino inizia già nell'Età della Pietra, quando le sue valli iniziano ad essere abitate dagli esseri umani. I maggiori insediamenti si trovano nella valle del fiume Adige, dove c'è un clima più mite. Le ricerche archeologiche effettuate in queste zone suggeriscono che i primi coloni provenivano dalla Pianura Padana e dalle Prealpi venete, migrati in seguito allo scioglimento dei primi ghiacciai. Reperti del Mesolitico, in particolare sepolture, si trovano in varie parti della regione, come nei Comuni di Zambana e Mezzocorona.

312

Era preistorica

Superata l'era preistorica, la storia del Trentino continua nel 500 a. C., quando nella regione apparvero i Raeti o Reti, provenienti dalle Alpi centrali ed orientali. Queste popolazioni si stabilirono in diverse valli e portarono nuove competenze; tra queste l'agricoltura, con coltivazioni di uva, ortaggi e cereali, e l'allevamento, soprattutto di ovini, caprini, bovini e cavalli.
La dominazione di questi popoli continuò fino al 1° secolo a. C., quando i Romani sconfissero i Raeti durante le campagne militari nelle Alpi di Druso e Tiberio. Trento divenne così un municipium (città) romano negli anni '40 a. C.

Continua la lettura
412

Dominazione romana

Durante la dominazione romana, ma soprattutto nel corso del 5° secolo d. C., il Trentino subì molte invasioni, da Nord e da Est, prima dagli Ostrogoti, poi dai Bavaresi e dai Bizantini, ed infine dai Longobardi. Fu proprio durante il dominio di questi ultimi che l'idea dell'identità territoriale della provincia di Trento cominciò a svilupparsi (territorium Tridentinum). Nello stesso secolo, la regione divenne in gran parte cristianizzata.
Continuando a ripercorrere la storia del Trentino, non bisogna dimenticare l'ulteriore invasione, risalente al 774 d. C., da parte dei Franchi.

512

Unità territoriale

La prima unità territoriale del Trentino risale, invece, al 1027. L'imperatore Corrado II, infatti, fondò il principato vescovile di Trento, stato ecclesiastico che sopravvisse per circa otto secoli, consentendo al Trentino una certa autonomia, sia dal Sacro Romano Impero che dall'Impero Austriaco.

612

Contea del Tirolo

Nel 1815 il Vescovado di Trento venne sciolto ed il Trentino entrò a far parte della Contea del Tirolo, in cui la maggioranza della popolazione era di lingua tedesca. Anche se bene amministrata, nella seconda metà del 19° secolo nacque un movimento, parte del più ampio movimento chiamato irredentismo italiano, con l'obiettivo di annettere la regione al Regno d'Italia. Esso, tuttavia, incontrò poco sostegno da parte della popolazione, prevalentemente rurale.

712

Prima guerra mondiale

Data l'importanza strategica della zona, gli austro-ungarici rafforzarono la presenza di truppe e fortificarono la zona agli inizi del Novecento. Dopo l'entrata dell'Italia nella Prima Guerra Mondiale nel 1915, il territorio trentino divenne uno dei fronti principali contro l'impero austria-ungarico e subì pesanti distruzioni. Più di 60.000 trentini combatterono a fianco dell'Austria, subendo ingenti perdite, anche contro gli italiani.

812

Seconda guerra mondiale

Con il trattato di Saint-Germain del 1919, il Trentino fu finalmente annesso all'Italia, insieme alla nuova Provincia di Bolzano, come parte della Venezia Tridentina.
Dopo la Seconda Guerra Mondiale, con il trattato firmato dai ministri degli Affari Esteri italiano ed austriaco, rispettivamente Alcide De Gasperi e Karl Gruber, venne istituita la Regione autonoma del Trentino-Alto Adige/Südtirol.

912

Tempo moderni

La storia del Trentino continua ancora in tempi relativamente recenti. Nel 1957, infatti, la lotta tra il Trentino e la parte di lingua tedesca dell'Alto Adige, portò alla popolarità dello slogan "Los von Trient" ("Via da Trento"). Questa lotta si concluse nel 1972 quando l'amministrazione regionale venne consegnata alle due province.
Negli anni 1960 e 1970 il Trentino conobbe un forte sviluppo economico, spinto principalmente dal settore del turismo e dalla nuova autonomia.

1012

Il Trentino oggi

Oggi il Trentino è una delle province italiane più ricche e maggiormente sviluppate. Nel 1996, la regione austriaca del Tirolo e le province italiane dell'Alto Adige e del Trentino, istituirono l'Euroregione Tirolo-Alto Adige-Trentino. I confini dell'Euroregione corrispondono alla vecchia contea del Tirolo. L'obiettivo è quello di promuovere la pace regionale, la comprensione e la cooperazione in molti settori.

1112

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Mostre e Musei

Guida al Mart di Rovereto

A Rovereto di Trento si trova il MART uno dei musei più belli del nord Italia. La sua struttura è innovativa tanto quanto lo è il suo contenuto. Si tratta di un museo di Arte Moderna con collezioni del Novecento, ma spesso si possono visitare mostre...
Mostre e Musei

L'impero coloniale italiano

L'impero coloniale italiano è un fenomeno che ha sempre suscitato molto interesse tra i banchi di scuola. Ebbe iniziò a partire dal 1882 con la prima occupazione da parte dell'Italia con la città di Assab in Eritrea e successivamente, con la conquista...
Danza

Danze popolari e tradizionali in Italia

Il ballo è una forma di espressione artistica sempre molto apprezzata dall'essere umano. Le sue origini sono antichissime ed ancora oggi, riscontrano un notevole intesse da parte di tutte le generazioni. In Italia esistono diversi gruppi folkloristici,...
Letteratura

Guida al Risorgimento italiano

Parlare del Risorgimento Italiano significa abbracciare un arco di tempo che ha interessato l'Italia di fine 1800: parliamo di un periodo in cui, prima dei moti rivoluzionari l'Italia era divisa in tanti Stati dominati da diversi imperi. Se vogliamo parlare...
Letteratura

Guida sulla biografia dell'Imperatrice Sissi

Parlando di Austria e di Impero austro-ungarico ci viene subito in mente la più celebre delle principesse, divenuta una delle principesse più famose della storia, anche grazie ai celebri film Anni Cinquanta del regista Ernst Marischka ovvero l'affascinante...
Arti Visive

Guida alle opere più importanti di Gustav Klimt

Nato alla periferia di Vienna nel 1862, il pittore austriaco Gustav Klimt divenne noto per lo stile altamente decorativo e la natura erotica delle sue opere, che sono state viste come una sorta di ribellione contro la tradizionale arte accademica del...
Musica

Biografia di Maria Callas

,Biografia di Maria Callas nota al pubblico come Maria Callas, è nata a New York nel 1923 ed è stata il più grande soprano che la storia del bel canto abbia conosciuto, meritatamente soprannominata "la diva" o "la divina" grazie alla sua voce potente...
Letteratura

La società feudale e la nascita delle letterature europee

Durante l'età del Feudalesimo, sviluppatosi in Europa dall'IX sec. Sotto l'Impero Carolingio, la società europea subì una fondamentale trasformazione dalla cultura curtense, basata su uno stile di vita di sussistenza, verso l'età moderna. Questo periodo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.