Storia della musica: Bob Marley e il reggae

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Bob Marley è stato il pioniere del reggae nel mondo. La sua musica è stata anche il simbolo della conquista dell'indipendenza del suo paese natio, la Giamaica, che in quel periodo era sotto il dominio inglese. Bob Marley è entrato di diritto nella storia della musica, per questo conosciamo meglio non solo la sua vita, ma anche la nascita del reggae.

26

Bob Marley, la biografia

Bob Marley, nome d'arte di Robert Nesta Marley, nasce il 6 febbraio del 1945 nel piccolo villaggio di Rhoden Hall, in Giamaica dal capitano della Marina Norval Sinclair Marley e dalla moglie Cedella Booker. Bob Marley con suo padre non ha un bel rapporto, perché decise di abbandonare lui e sua madre quando era ancora molto piccolo. Suo padre muore quando lui compie 10 anni. Dopo la morte del capitano Norval, la mamma decide di trasferirsi, insieme a lui, a Trenchtown, un sobborgo di Kingston, capitale della Giamaica. Trenchtown è nota per le pessime condizioni di vita, nonché per l'alto tasso di criminalità.

36

Gli inizi della sua carriera musicale

L'ingresso di Bob nel mondo della musica si deve al vicino di casa Bunny Livingstone. Infatti è proprio lui a insegnarli l'utilizzo di alcuni strumenti a corda. Bunny, tramite la sua radio, gli fa ascoltare il Blues, Ray Charles ed Elvis Presley. Bob e Bunny iniziano a suonare insieme a Joe Higgs, cantante/chittarista giamaicano e devoto del Rastafarianesimo, che influenza in maniera evidente la fede di Bob Marley. Nel 1962 registra da solista i brani "Judge Not" e "One Cup of Coffee", che non ricevono un consenso positivo da parte del pubblico. In un raduno musicale con Joe e Bunny conosce Peter Tosh, cantante e musicista giamaicano, con cui crea la band dei "The Wailing Rudeboys". Nel 1966 il gruppo cambia il nome in "The Wailers" e con l'uscita di Peter Tosh e di Bunny, Bob Marley diventa il leader indiscusso della band.

Continua la lettura
46

La carriera con i The Wallers

Bob Marley diventa il leader dei The Wallers e la nuova band è composta, oltre che da lui, da Chaltron e Aston Barrett, Al Andersonn, Junior Marvin, Alvin Pattersonn e da un gruppo di coriste, tra cui la futura moglie Alphaita Constancia Andersonn, meglio conosciuta da tutti come Rita Marley. Bob, oltre a essere il cantante, è il principale autore dei brani della band, come il primo singolo "Simmer down", "Soul rebel" e "400 Years". Nel 1966 sposa Rita e aderisce definitivamente alla religione rastafariana. Iniziano le collaborazioni, come quella con i "The upsetters" di Lee Perry da cui, in pochissimo tempo, nascono dei brani meravigliosi. Nel 1973 esce il primo vero album dei Wailers, "Catch a Fire", seguito l'anno dopo da "Burnin". In seguito al successo di questo disco, la band si scioglie.

56

L'attentato ai danni di Bob Marley e sua moglie

Anche se continua a suonare con il nome di "Bob Marley & the Wailers", la sua carriera da solista parte con il singolo di successo "No woman no cry" contenuto nell'album "Natty Dread". Nel 1976 esce l'album "Rastaman Vibration", che rimane in vetta alle classifiche mondiali per ben 4 settimane. Nello stesso anno, alla vigilia di un concerto organizzato dal leader politico giamaicano Micheal Manley (lo Smile Jamaica Concert), Bob, la moglie Rita e il suo manager Don Taylor vengono aggrediti in casa da un gruppo armato. Tutt'e tre subiscono delle ferite da arma da fuoco. Secondo alcune ipotesi, i malviventi hanno letto la partecipazione di Bob Marley al concerto come una presa di posizione politica. Nonostante ciò, il concerto si svolge regolarmente. Qualche mese dopo, Bob Marley si trasferisce in Inghilterra, dove produce i brani "Exodus" e "Kaya". Qui viene arrestato per possesso di cannabis.

66

La malattia e gli ultimi anni di vita

Negli ultimi anni di vita, a seguito di una partita di calcio, subisce una lesione all'alluce. Tuttavia, non si tratta di una semplice ferita, ma di un tumore che richiede l'amputazione del dito infetto. Bob rifiuta questo tipo di intervento e, a causa di questa scelta, il tumore si diffonde sul resto del corpo. Nel 1978 organizza il One Love Peace Concert, un live che si tiene nello stadio di Kingston. Questo concerto rimane nella storia perché il cantante riesce a far stringere la mano ai due rappresentanti politici opposti, che in quel periodo tenevano banco nella guerra civile politica giamaicana. Nel 1979 esce l'album "Survival" e l'anno seguente "Uprising". Nello stesso anno gira il mondo per l'ultima tournée estiva che lo vede, tra l'altro, anche allo stadio San Siro di Milano. Il 23 settembre tiene il suo ultimo concerto a Pittsburgh. Le sue condizioni, intanto, peggiorano sempre di più e l'11 maggio del 1981 Bob Marley muore a Miami, di ritorno dalla Germania, lasciando a suo figlio Ziggy la più grande eredità: "Money can't buy life".

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Musica

Come scrivere un testo reggae

Il reggae è un genere musicale la cui notorietà è esplosa in tempi relativamente recenti, ma che affonda le sue radici nella cultura giamaicana e ne incorpora le origini eterogenee, un po' tropicali, un po' africane e un po' europee. La parola reggae...
Musica

Breve storia della musica hip hop

Attualmente l'hip hop è un fenomeno musicale e culturale molto diffuso in tutto il mondo. Di origine molto recente, prese le mosse a New York grazie all'attività di un famoso dj degli anni Settanta. Attualmente questa cultura influenza non solo l'ambito...
Musica

La musica dance anni '90: storia e protagonisti

Per chi non fa parte della nuova generazione, è comprensibile che a volte abbia un po di malinconia rispetto al passato. L'aria culturale che si respirava negli anni '90 era estremamente diversa da quella che ci circonda ed inonda oggi. In particolare,...
Musica

Breve storia della musica classica

In questo articolo vorrei offrire una breve storia della musica classica. La musica classica è una musica che ha delle radici molto antiche ed è un genere considerato universale. La musica classica viene infatti amata e apprezzata in tutto il mondo....
Musica

Breve storia della musica pop

La pop music, ovvero quella che conosciamo sotto il nome di musica pop, è un genere che risale agli anni '50. Si tratta sostanzialmente di una derivazione del rock 'n roll, ovvero di un macro genere musicale contemporaneo che comprende alcuni sottogeneri...
Musica

Storia della musica rockabilly

Il Rockabilly è stato uno dei primi stili di rock and roll risalente ai primi anni 1950 negli Stati Uniti, in particolare nel sud. Questo genere fonde il suono popolare americano con lo stile musicale occidentale, come il country e il bluegrass, portando...
Musica

Breve storia della musica elettronica

La musica ha fin dall'antichita' suscitato un certo fascino in ogni persona, ed ogni epoca ha generato un certo tipo di musica e genere. Ormai sono talmente tanti i tipi di musica che ognuno puo' ritenersi soddisfatto in qualche modo. Ma oltre a sentire...
Musica

Breve storia della musica lirica

La musica lirica è una forma d'arte di origini molto antiche attraverso la quale, i cantanti e musicisti eseguono le loro opere basandosi su storie drammatiche, combinando testo e partitura musicale. Ancora oggi, tale espressione musicale, riscontra...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.