Surrealismo: 5 idee per un quadro

Tramite: O2O 12/01/2016
Difficoltà: media
16

Introduzione

Breton definisce il Surrealismo come "un automatismo psichico mediante il quale ci si propone di esprimere sia verbalmente, sia per scritto o in altri modi, il funzionamento reale del pensiero; è il dettato del pensiero, con assenza di ogni controllo esercitato dalla ragione al di là di ogni pretesa estetica o morale". Appare dunque evidente l'esigenza impellente di esprimere il proprio io interiore in totale libertà, senza seguire i dettami della società, che impone al contrario un modo di essere non corrispondente al proprio. Svincolarsi dal controllo della ragione, facendosi guidare invece dall'inconscio, è il modo individuato dai Surrealisti, e denuncia chiaramente il loro debito verso Freud. La figurazione del surrealismo, dalle profonde differenze individuali tra i suoi artisti-interpreti, mantiene tuttavia un dialogo serrato con il naturalismo, mirando però essenzialmente a trasfigurare la realtà. Due sono le possibili macro-categorie per distinguere i lavori surrealisti: gli accostamenti inconsueti e le deformazioni irreali. Ora vi fornirò 5 idee per un quadro, traendo ispirazione proprio dalle tecniche dei grandi maestri surrealisti.

26

Collage

Il Collage di carta racchiude lo stesso tipo di automatismo, poiché è proprio dall'accostamento casuale di singoli elementi apparentemente estranei, procedendo per libera associazione di idee, che si ottengono immagini inedite, sorprendenti per la loro manifesta assurdità. Esse, rappresentando il punto di convergenza delle contraddizioni, ci spingono alla riflessione, in quanto contrastano con le nostre più radicate certezze. Costruite allora prima di tutto il vostro collage su del cartone o del cartoncino, poiché la carta normale è di norma troppo fragile. Mettetevi in cerca di immagini assolutamente estranee tra loro, prendendo come fonti libri, riviste, Internet. Questo è un po' il modus operandi dello street artist Ozmo. Selezionate le immagini, è adesso il momento di passare allo sfondo, che potrà essere una tinta unita o una scena dipinta, per fare concretamente da teatro alle vostre figure. Si tratta quindi di procedere alla composizione che preferite, giustapponendo le immagini e incollandole poi con una normale colla stick. Si termina con del fissativo, per donare anche una maggiore omogeneità al tutto. Oppure, si lavora direttamente con Photoshop, montando e montando le composizioni a piacimento. Maestra in tal senso è oggi la russa Ludmilla Radchenko, splendida ex letterina, capace di mescolare cose diversissime tra loro. Ludo, vai così!

36

Frottage

Max Ernst inventa il Frottage, una tecnica che ormai tutti conosciamo, usatissima a scuola per numerosi lavoretti. Bisogna appoggiare un foglio di carta su di una superficie ruvida, e passarvi sopra un carboncino o una matita, in modo da trasferire tutte le irregolarità direttamente sulla carta. Tipico è quello in cui si mette una foglia secca sotto al foglio. Dovete solo decidere quale oggetto rugoso volete catturare, con tutte le sue venature, le crepe, i nodi, ed il gioco è fatto.

Continua la lettura
46

Grattage

Il Grattage deriva dal Frottage inventato da Ernst; utilizzato soprattutto dallo spagnolo Esteban Frances. Questa tecnica è anch'essa diventata un must nelle scuole. Bisogna spalmare uno strato di colori diversi direttamente sulla tela: grattando con la lama di rasoio o una spatola, emergeranno insolite forme dai vari colori e dalle sottili trasparenze. Il Grattage è certo una tecnica di sicuro effetto nella sua semplicità.

56

Fumage

L'austriaco Wolfgang Paalen ricorre invece alla fiamma di una candela o di una lampada al cherosene per produrre sulla tela delle forme, denominando questa tecnica, così evocativa e carica di fantasia, Fumage. Con essa, crea i suoi quadri più spettacolari. Il fumo fornisce infatti texture e modelli particolarmente interessanti; inoltre, non è eccessivamente difficile. Tuttavia, non sono in molti a praticarla, trattenuti dalla paura di lavorare con il fuoco e dall'insicurezza derivante da qualcosa di etereo ed evanescente come il fumo. Se vorrete cimentarvi con essa, ricordate che non devono esserci flussi d'aria nell'ambiente ed è necessario trattenere il respiro, in modo da non spostare la fiamma.

66

Le metamorfosi

In Magritte la pittura diviene uno strumento di conoscenza del mondo, inscindibile dal suo mistero. Per questo si serve di immagini di oggetti comuni, dipinte in modo realistico e accostate tra loro, in modo da stravolgere completamente l'idea che ne abbiamo. Indubbiamente, le forza cioè a diventare qualcosa di eccezionale. Decontestualizzare gli oggetti della rappresentazione gli consente di raggiungere uno straniamento che ci sorprende come un vero e proprio shock, oppure di creare in noi sensazioni oniriche inattese. La metamorfosi in particolare è una delle sue scelte predilette. La trasformazione di un oggetto in un altro (come le foglie in forma di uccelli, o degli strani esseri, pesci nella metà superiore ma con gambe umane) ha sempre come fine uno spostamento del senso, per dare l?idea di un diverso ordine della realtà. Analogamente, potreste realizzare questo semplicissimo progetto di giardino surreale, che si serve di immagini di volti amici o sconosciuti (fotografie o ritagli di giornale), insieme alle foto di grandi fiori. Su un cartoncino blu chiaro si disegnano realistiche nuvole, quindi ci si incollano sopra i fiori ben ritagliati, completandoli mediante un volto incollato al centro di ogni fiore. Ed ecco una nuova realtà, in cui troviamo questo misterioso giardino composto da giganteschi fiori-persone.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Come dipingere un quadro surrealista

Uno dei principali movimenti letterario ed artistico sviluppatosi negli anni Venti del XX secolo è il surrealismo, che vede il suo termine con la fine della Seconda guerra mondiale. L'assioma fondamentale su cui si basa l'arte surrealista è la rivalutazione...
Arti Visive

Come realizzare un quadro moderno

Negli ultimi anni, l'arte moderna ha conquistato persino quella cerchia di pubblico che inizialmente la guardava con occhio critico perché si discostava un po' troppo dalla tradizione. Se ci fate caso, ultimamente è possibile trovare numerosi quadri...
Arti Visive

Come fare un quadro in stile pop art

La pop art è una corrente artistica che nasce negli anni '50 in Gran Bretagna. Le immagini in stile pop art, colorate, divertenti e ironiche, mantengono il proprio fascino inalterato nel tempo e sono sempre di moda. La caratteristica principale che le...
Arti Visive

Come dipingere un quadro che al sole cambia colore

Se siamo appassionati di pittura, vediamo insieme come dipingere un quadro che al sole cambia colore, ed altre tecniche per riuscire a mettere su tela la nostra fantasia e le nostre emozioni. Ecco una piccola guida per fare un quadro che cambia colore...
Arti Visive

Come scegliere il soggetto per un quadro

I colli lunghi di Modigliani, le forme tonde di Botero, i paesaggi urlanti di Munch, gli orologi molli di Dalì. Gli artisti hanno, da sempre, uno stile unico e inconfondibile. Scegliere il soggetto per un quadro è difficile e molto delicato. Il pittore...
Arti Visive

Come dipingere la cornice di un quadro

Un quadro non è bello solo per quello che raffigura me è l'insieme della tela e della cornice a renderlo bello. Rovistando nelle cantine e nei sottotetti abbiamo la possibilità di trovarne alcuni che fanno arredamento da sè, altri invece sono segnati...
Arti Visive

Come riconoscere un quadro di Picasso

Picasso è uno dei pittori più famosi del mondo. Ogni sua opera è carica di significato e tecnica per un connubio davvero unico. Un quadro di Picasso, però, non va solo visto così di sfuggita ma osservato con cura e attenzione in quanto non rispecchiano...
Arti Visive

Trucchi per dipingere un quadro in poco tempo

Saper dipingere è un dono che non tutti purtroppo possiedono, ma scommetto che più di qualche persona, almeno una volta nella vita si è improvvisato pittore e artista, magari lo ha fatto per gioco o seriamente e forse non è stato soddisfatto del lavoro...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.