Walter Benjamin: Aura e Choc

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Una raccolta che anticipa i tempi è che è sicuramente molto interessante da leggere è quella di Walter Benjamin che con il suo libro Aura e Choc raccoglie tutti gli studi che indagano il mondo dei media e le teorie derivanti. L'idea principale è quella di considerare come “medium” tutto quello che è in grado di dare una svolta, coordinare e ridefinire la percezione, le modalità di ascoltare, vedere e toccare la questione empirica attraverso i nuovi e moderni modi di catturare la realtà.

24

Tecnologia come stato di alterazione percettiva

Su questa idea base Benjamin indaga le nuove frontiere dei media moderni di inizio secolo come la fotografia, il cinema, la radio, il telefono, e le più classiche dimensioni testuali come libro giornali. Il suo viaggio continua anche attraverso le forme espressive della lingua attraverso il colore degli strumenti ottici come la camera oscura e metaforizza la lanterna magica per analizzare i nuovi sistemi di illuminazione urbana nonché l'architettura in vetro. Non può mancare l'analisi su alcune motivazioni per cui Baudelaire aveva preso in considerazione e analizzato gli stati di alterazione percettiva che possono essere indotti dal vino, dall'oppio, dal sogno e da altri stupefacenti come l'hashish.

34

Destabilizzazione del soggetto attraverso i nuovi media

L'aura, l'unicità e l'incanto lasciano dunque posto nella contemporaneità allo choc, inteso come impatto, urto, in una lettura del novecento come secolo ingenuo e disincantato. I media nell'insieme sono capaci di trasformare l'esperienza sensibile, sottoponendo storicamente il soggetto a un training del sensorio dove si affronta il passaggio dalla cultura ottocentesca indicata dall'aura, a una modernità che lo espone a choc e urti continui. La genialità di queste raccolte risiede proprio nel fatto di carpire le analogie oscure del mondo attraverso i nuovi media e analizzare il senso di svuotamento dell'uomo contemporaneo attraverso il freddo inanimato di un telefono appeso in un corridoio o della fredda e meccanica programmazione della radio.

Continua la lettura
44

L'uomo come mezzo d'interpretazione fredda e ingenua

Il pensiero di Benjamin si dirige verso una prospettiva originale, in grado di dialogare con tutti i principali protagonisti delle avanguardie e delle nuove teorie futuriste attraverso la fotografia e il cinema in un confronto attuale che disintegra il presente e si dirige verso il futuro come un dardo poetico e ontologico del nuovo modo di comunicare, dove l'uomo non è più al centro del discorso onto-escatologico ma diviene solo mezzo d'interpretazione di una tecnica oscura e ingenua che ha caratterizzato i secoli avvenire.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Letteratura

Appunti di letteratura italiana: Cesare Beccaria

Uno degli autori più significativi della letteratura italiana è senza dubbio Cesare Beccaria. Questo insigne pensatore e giurista ha sviluppato in pieno clima illuminista una rete di teorie straordinariamente attuali e moderne, poiché volte alla difesa...
Letteratura

I 10 libri della letteratura inglese da leggere assolutamente

Se amate la letteratura sapete perfettamente che un libro (qualunque esso sia) è in grado di stimolare la vostra immaginazione e leggervi dentro a sua volta. Ci sono libri che entrano a far parte della vostra vita ed entrano nel vostro cuore. Ogni libro...
Letteratura

Madame de Staël: vita e opere

In un periodo in cui tutto subiva un cambiamento radicale o meno si fa avanti un' unica persona che attraverso le sue opere e grazie, quindi, al suo modo di pensare, riesce ad aprire la via per la stabilizzazione. Anne-Louise Germaine Necker, baronessa...
Letteratura

Daniel Pennac: biografia e opere

Daniel Pennac (vero nome Daniel Pennacchioni, nato nel 1944 a Casablanca, Marocco) è uno scrittore francese. Ha ricevuto il Prix Renaudot nel 2007 per il suo saggio Chagrin d'école. Daniel Pennacchioni è il quarto e ultimo figlio di una famiglia corsa...
Letteratura

Geronimo Stilton e l'isola dei Topi

Geronimo Stilton è il personaggio protagonista di varie serie di avventure strepitose. Nato nel 2000, dalla fantasia e dalla penna di Elisabetta Dami, i libri che raccontano le storie del giornalista Geronimo sono stati venduti in tutto il mondo in milioni...
Letteratura

Cinque libri per bambini che non sanno ancora leggere

Leggere per il proprio bambino è una fra le attività più intime e rassicuranti fra genitori e bimbi, nella quale si instaura un rapporto di complicità, oltre che educativo. Specialmente prima di andare a fare la nanna, è assolutamente consigliabile...
Arti Visive

I 10 quadri più famosi della National Gallery di Londra

La National Gallery è un museo situato a Londra dal 1824. Oggigiorno esso è meta di numerosi turisti che si recano appositamente per visitare le famosissime opere che vi risiedono all'interno. In questa guida pertanto verranno presentati i dieci quadri...
Arti Visive

Guida alle opere di Sandro Botticelli

Botticelli è uno dei più famosi pittori italiani vissuti nel rinascimento. Sono moltissime le opere dell'artista in Italia, in particolar modo agli Uffizi di Firenze, dove si può ammirare tutta la sua magnificenza pittorica. Capire fino in fondo i...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.